QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Italia in flebo dalla Bce: i semi di una nuova crisi dell’euro?

Italia in flebo dalla Bce: i semi di una nuova crisi dell’euro?

La Banca Centrale Europea rinvia le discussioni sulla riduzione del suo massiccio portafoglio di obbligazioni PEPP fino all’inizio del prossimo anno. Ciò consente al governo italiano di continuare ad acquistare obbligazioni garantite.

Perché questo è importante?

Gli economisti sono profondamente preoccupati per le vacillanti finanze italiane. Senza il sostegno della BCE, i rendimenti dei titoli di Stato italiani aumenterebbero senza dubbio. O perché il primo ministro Giorgia Meloni, che ha recentemente annunciato un allentamento della sua politica fiscale, è amichevole con la presidente della BCE Christine Lagarde.

Nel messaggio: Dopo la riunione di politica monetaria, che ha lasciato i tassi di interesse invariati come previsto, la Banca Centrale Europea è rimasta a bocca chiusa riguardo al futuro del programma di emergenza PEPP (Schema di appalti per l’emergenza pandemica) Il portafoglio del PEPP ha un valore non inferiore a 1.700 miliardi di euro.

  • Come suggerisce il nome, è vecchio Piano di acquisto della crisi del Corona. L’obiettivo era impedire la disintegrazione dell’Eurozona e impedire la speculazione contro alcuni Stati membri.
  • Inizialmente tale importo ammontava a 750 miliardi di euro, ma è stato gradualmente aumentato fino agli attuali 1.700 miliardi di euro. Nel dicembre 2021 è stato deciso che il portafoglio non avrebbe potuto crescere a partire dall’aprile 2022, ma i reinvestimenti sarebbero stati ancora possibili fino alla fine del 2024.
  • Gli economisti speravano di sentire presto qualcosa in più dalla BCE riguardo ad un’uscita dal PEPP, ma Lagarde ha dato solo risposte senza senso durante la sua conferenza stampa.
  • Tuttavia, all’inizio del PEPP, era stato promesso che Help to Buy sarebbe stato temporaneo. La crisi del Corona è ormai alle nostre spalle.
READ  La squadra olandese si qualificherà agli Europei contro Italia, Norvegia e Finlandia: 'Pienamente impegnata'

Italia

Ingrandito: Un paese dell’euro in particolare è molto soddisfatto di questa situazione: l’Italia.

  • La ricerca mostra che questo paese dell’Europa meridionale ha ricevuto la maggior parte degli acquisti di aiuti dalla BCE nelle ultime due settimane, con la Spagna al secondo posto. Tutti gli altri paesi dell’euro non sono supportati attivamente dalla banca centrale.
  • I rendimenti italiani a dieci anni hanno annuito al ribasso dopo la decisione della BCE, visto come un segnale di forte fiducia nei titoli italiani. Ciò indica che gli investitori obbligazionari credono che Francoforte continuerà a sostenere Roma per qualche tempo a venire.

Crisi dell’Euro

La calma prima della tempesta? Economisti come Robin Brooks (Institute of International Finance) ritengono che il PEPP distorca i segnali del mercato in modo tale che l’Italia non sia motivata a rimettere in ordine le proprie finanze pubbliche.

  • Inoltre, la pazienza dei paesi forti dell’Eurozona è ancora una volta messa alla prova nel vedere l’euro indebolito dalle finanze pubbliche permissive nel sud dell’Europa.
  • Commentatore del mercato azionario olandese Corn von Zeyl Prevede addirittura la prossima crisi dell’euro e non è sola in questo.
  • “Questi sviluppi storici garantiranno che l’Italia rimanga al centro dei dibattiti sul futuro quadro di governance macroeconomica per l’eurozona”, scrive il think tank Oxford Economics. “La questione italiana, dormiente da tempo, è tornata a tormentare la politica e l’economia europea.”
READ  L'emozionante Sinner guida l'Italia alla prima finale di Coppa Davis dal 1976 | Tennis

(nd)