QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Kasper Asgren toglie il sogno giallo, Fabio Jacobsen: ‘Non si preferisce il verde’ | un viaggio

Fabio Jacobsen (25) Non è stato lo studente più attento della piccola classe durante la conversazione sulla stampa digitale, ma l’olandese ha dato risposte chiare e precise.

Da venerdì il suo “sogno” si avvererà e farà un tour in Quick Step-Alpha Vinyl. Ha riassunto la sua voce nei libri del tour: “Ora potrebbe essere meno un sogno e più una realtà”.

Rise: “Quindi, se il timeout è un incubo? Questa è l’altra faccia della medaglia”. “Se sei il più veloce negli ultimi 200 metri, probabilmente sei il più lento ai poli”.

“Dovrò lottare, probabilmente più che durante le tappe dei corridori. Ma Casper (Asgreen, accanto a lui in conferenza stampa) mi guiderà su Galibier e Alpe d’Huez.

“C’è sempre pressione e questo fa parte del tour. Quando sei a Parigi dopo tutte quelle montagne, è ancora più bello”.

Jacobsen in primis non fa degli spazi verdi un gol, ma non lo esclude nemmeno. “Non sono il favorito, ma c’erano anche alcuni vincitori precedenti prima dell’inizio del tour. A volte ti capita.”

Casper Asgren (27) Si era già fatto strada come specialista del tempo danese: venerdì ha preso il giallo a Copenaghen. Tuttavia, questo piano è stato posticipato, ha onestamente ammesso.

“Il giallo non è più un obiettivo realistico”, ha detto lo sfortunato al Tour de Suisse. “Stavo male prima di questa gara, quindi ho avuto davvero una ricaduta e poi sono anche peggiorato”.

“Non sto più male, ecco perché posso iniziare. Ma i miei preparativi non erano abbastanza per mettere il giallo come obiettivo”.

READ  Discussione sul calcio. Dejaegere segna e promuove con il Tolosa in Ligue 1 | calcio

Il direttore atletico Tom Stills è finalmente tornato in assenza di Julian Alaphilippe per l’ultima volta. “È stata una decisione molto difficile, ma l’abbiamo presa per Julian in persona”.

“Non dobbiamo dimenticare che è caduto così forte a fine aprile. Non puoi mandare il campione del mondo al Tour dove avresti la sensazione che la sua maglia fosse in lavatrice. Dovrebbe essere in grado di brillare in quello maglia, e anche gara dopo tour”.