QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La guerra a Gaza getta un’ombra sulla fine del Ramadan: “Era una festa gioiosa, e ora non ci dà più gioia”.

La guerra a Gaza getta un’ombra sulla fine del Ramadan: “Era una festa gioiosa, e ora non ci dà più gioia”.

Pochissimi motivi per festeggiare. Tuttavia, i palestinesi stanno cercando di trarne il massimo vantaggio. Nei giorni scorsi, nella città meridionale di Rafah, le donne hanno preparato torte per la celebrazione in forni fatti in casa. Per regalare ai bambini, ma anche per vendere e risparmiare qualche soldo.

“Nonostante la guerra e la distruzione, dobbiamo vivere l’Eid, rendere felici i bambini con maamoul (dolci tradizionali) e torte e far sorridere i loro volti”, dice Aya, una donna palestinese che è fuggita da casa e si è trasferita a Rafah. , nell'Reuters.

Dice: “L'Eid è stata una festa felice, e ora siamo sfollati e abbiamo parenti che sono stati uccisi”. “L'Eid non ci dà più gioia.”

Abu Asem Hamouda, un altro palestinese sfollato, ha detto: “Le persone sono tristi. Hanno lasciato le loro case e hanno perso i loro figli, che sono stati sepolti nelle tombe, sepolti sotto le macerie, catturati o portati in ospedale a causa degli attacchi e della distruzione”. Tra i residenti della Striscia di Gaza. “Ad essere onesti, è una festa di tristezza per tutte le persone”, ha detto all'Associated Press.

Nei campi profughi della Striscia di Gaza, i bambini camminano a piedi nudi davanti alle tende. Travestirsi per una festa prima della fine del Ramadan non è un’opzione. Spesso non sono disponibili nemmeno gli indumenti normali.

READ  I legislatori statunitensi arrestati per aver protestato contro il diritto all'aborto | All'estero