QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La sabbia del deserto può prevenire il riscaldamento globale?  “Serve qualcosa di strutturale”

La sabbia del deserto può prevenire il riscaldamento globale? “Serve qualcosa di strutturale”

I Paesi Bassi sono nuovamente ricoperti da un sottile strato di sabbia del Sahara. Si stanno facendo molte ricerche sugli effetti dello spargere quella sabbia sul clima e sulla temperatura dell’oceano, ma: “Per combattere il riscaldamento globale, c’è bisogno di qualcosa di strutturale”.

Non è perfetto per la tua auto o per i pannelli solari, ma è un ottimo soggetto per una macchina da caffè in azione: la sabbia del deserto.

Sottile strato di nuvole bianche

Partiamo dall'inizio: come finisce la sabbia del deserto nordafricano nei Paesi Bassi? “Si tratta di enormi colonne di sabbia sollevate dal vento”, spiega Herman Russchenberg, ricercatore atmosferico della TU Delft.

“Questa sabbia può percorrere lunghe distanze, come fa adesso.” Dice che puoi riconoscerla come nebbia nell'atmosfera. “Sembra un po' come un sottile strato bianco di nuvole.”

Più o meno nuvole

La sabbia del Sahara nell'aria influenza in una certa misura la temperatura della Terra, dice Rauschenberg. “Dopo tutto, la poca luce solare che non penetra quel sottile strato di nuvole non può riscaldare la Terra.” La sabbia può anche stimolare la formazione di nuvole. Quelle nuvole in più bloccano la luce del sole.

Ma c’è anche un altro lato, continua. “Attraverso il movimento cristallino, la sabbia del deserto può far sì che le nuvole si svuotino e scompaiano, consentendo a più luce solare di raggiungere la Terra”. Per il clima questo non fa molta differenza, secondo il professore della TU: “È un effetto temporaneo che svanisce dopo pochi giorni”.

READ  Un giudice americano di 95 anni è tutt'altro che in pensione e per questo fa causa ai suoi colleghi | al di fuori

“Non esiste una cura magica”

L'esperto climatico della KNMI Peter Siegmund è d'accordo. “Dovrebbe accadere spesso per avere un effetto sul clima. In termini di effetto sulla temperatura, la sabbia del deserto non è diversa da una nuvola normale. Blocca anche un po' la luce. Ma non abbastanza per “manipolare” una nuvola normale. Clima.”

Siegmund continua: “Per combattere il riscaldamento globale, è necessario qualcosa che fornisca un maggiore raffreddamento strutturalmente. E questo non è disponibile ora. La sabbia del deserto non è una cura magica, è qualcosa di molto naturale. E soprattutto è qualcosa che crea un bellissimo tramonto e una macchina sporca.” “

La temperatura dell’Oceano Atlantico sta aumentando

Tuttavia, esiste la possibilità che la sabbia trasportata dal Sahara possa essere utilizzata per combattere il cambiamento climatico, afferma Rauschenberg.

Si riferisce al forte riscaldamento che l’Oceano Atlantico ha sperimentato lo scorso autunno. “Una spiegazione per questo è che ci sono meno nuvole di sabbia nel deserto”.

Palloncini con particelle di polvere

Il professore della TU conferma che questa ricerca è ancora in fase ipotetica. “In teoria, dovresti costantemente pompare la sabbia del deserto nell’atmosfera, perché blocca la luce solare”.

Non gli sembra un'idea saggia. “Esistono tecniche più intelligenti per ottenere lo stesso risultato. Si possono portare aeroplani o palloni contenenti minuscole particelle di polvere – chiamate aerosol – nella stratosfera (uno strato nell'atmosfera, ndr).”

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat. Ogni giovedì nella newsletter Get Involved ti diciamo cosa stiamo facendo con tutte le risposte. Lo vuoi nella tua email? Allora registrati qui.

READ  Un ragazzo è sopravvissuto al dramma della funivia in Italia dopo essere stato rapito in Israele | All'estero