QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La nuova legge italiana rende più difficile per le agenzie umanitarie salvare i migranti in barca

EPA

NOVITÀ

  • Helen D’Hanes

    Corrispondente Italia

  • Helen D’Hanes

    Corrispondente Italia

Al tramonto, sotto una pioggia battente, si profila l’ombra di Geo Parents. Una nave di soccorso dell’organizzazione umanitaria Medici Senza Frontiere ha caricato per cinque giorni un gruppo di migranti dalla Libia su una barca di contrabbandieri in uno stretto Mediterraneo.

È un velivolo straordinario, in grado di salvare 300 persone per missione. “In estate eravamo ad un livello molto alto con oltre 600 persone”, afferma Caroline Willemann di Medici Senza Frontiere.

Oggi sono solo 73.

Questo è il risultato di una nuova legge introdotta dal governo italiano all’inizio di questo mese. I viaggi più lunghi, quando le agenzie umanitarie salvano più gruppi di fila, sono ora vietati. Le ONG dovrebbero tornare in luoghi sicuri con ciascun gruppo di persone separatamente. Se non lo fanno, saranno multati tra 10.000 e 50.000 euro. “Molto frustrante”, dice Willeman. “Perché sappiamo che più persone se ne stanno andando.”

Taxi che trasportano migranti

Il governo di destra del primo ministro Maloney, che si è insediato nell’ottobre dello scorso anno, aveva già annunciato l’intenzione di reprimere le agenzie umanitarie. Secondo il gabinetto, ne stanno creando uno Fattore di attrazione: Una forza attrattiva per la migrazione.

“Questo vale non solo per i migranti, che si sentono sicuri perché sono in mare, ma anche per le organizzazioni criminali dedite all’immigrazione clandestina, che adattano i loro metodi per la presenza delle Ong nel loro territorio”, ha spiegato il ministro delle Migrazioni Piantedosi. Al Senato.

Il governo italiano vede le agenzie umanitarie come taxi che portano i migranti vicino alla Libia e li lasciano in Italia. Ma questo ragionamento è sbagliato Ricerca. Centro per le politiche migratorie dall’Istituto Universitario Europeo Un’analisi delle statistiche migratorie dal 2014 al 2018 non ha rilevato alcuna correlazione significativa tra il numero di persone che attraversano il Mediterraneo e la presenza di navi di soccorso. Il clima del mare sembra essere molto importante.

Giorni aggiuntivi

“Se fossimo andati in un porto del sud Italia dopo il salvataggio, ci sarebbe voluto un giorno e mezzo per arrivarci”, dice Willemann di Medici Senza Frontiere. “Sono stati quattro giorni ad Ancona. Ci fa molto arrabbiare che le persone abbiano sofferto giorni in più in condizioni difficili a bordo”.

L’UE ha accordi sull’equa distribuzione dei richiedenti asilo. Ma le turbolenze intorno alla nave di soccorso Ocean Viking alla fine dello scorso anno hanno dimostrato che l’unità tra gli Stati membri dell’UE è difficile da trovare:

Una nave ha mostrato lacune nella politica europea in materia di asilo

Questa nuova legge non cambia le statistiche. Le agenzie umanitarie sono responsabili del 10-15 per cento del numero totale di migranti che raggiungono l’Italia via mare. Molti altri lo fanno da soli o vengono soccorsi dalla Guardia Costiera.

Qual è la motivazione del governo? Incentrando uno dei suoi primi atti legislativi sulla migrazione, vuole essenzialmente inviare un segnale. Per gli italiani, la migrazione è stata un tema importante nelle ultime elezioni. Ma anche per l’Unione Europea.

Lo scorso anno, circa 104.000 migranti hanno raggiunto l’Italia via mare: circa 67.000 nel 2021 e ben più di 34.000 nel 2020. Quel numero aumenterà quest’anno. “Non possiamo affrontare un flusso di proporzioni ingestibili”, ha detto il mese scorso il primo ministro Maloney durante un incontro sulla migrazione.

Azione legale

Medici Senza Frontiere sta valutando di intraprendere un’azione legale contro la nuova legge. Tuttavia, alla fine, è chiaro che il sistema non sarà conforme. “Da quando è entrata in vigore l’ordinanza non abbiamo dovuto lasciare nessuna imbarcazione. Ma se sappiamo di persone bisognose, il comandante deve prestare soccorso. Anche se multato, continueremo a farlo. Casi”.