QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La nuova tecnologia ad ultrasuoni rivela i segreti dell’utero

La nuova tecnologia ad ultrasuoni rivela i segreti dell’utero

Nei Paesi Bassi ha ca dalle 10 alle 30Il % delle donne soffre di adenomiosi. Ciò causa tutti i tipi di disturbi e persino problemi di fertilità. Connie Rees, ricercatrice presso l’Università di Tecnologia di Eindhoven (TU/e), ne ha sviluppato uno nuovo stile Per comprendere meglio questa condizione. Recentemente ho conseguito un dottorato in questa materia.

Perché questo è importante:

Donne che guidano Adenomiosi Spesso avverti un forte dolore mestruale che non risponde bene agli antidolorifici convenzionali. La condizione causa anche problemi di fertilità. Diventa come una forma Endometriale È visto e difficile da identificare.

Mentre l’endometriosi e le aderenze addominali sono molto facili da vedere attraverso la chirurgia del buco della serratura, l’adenomiosi più difficile Indagare. Potrebbero essere necessari fino a otto anni prima che una donna riceva la diagnosi corretta. La diagnosi precoce è estremamente importante per una giovane donna, perché i disturbi peggiorano con il passare del tempo. Se la terapia ormonale non funziona, probabilmente sarà necessario rimuovere anche l’utero.

Rees spera in una diagnosi più rapida utilizzando il nuovo metodo a ultrasuoni, in modo che il trattamento possa iniziare in tempo. Questo metodo rivela una serie di “segreti” dell’utero. Forti contrazioni durante il parto e dolori addominali durante le mestruazioni dimostrano che l’utero può contrarsi fortemente. Ma Rees ha dimostrato utilizzando la nuova tecnologia ad ultrasuoni che l’utero è in costante movimento. “Crediamo che nell’adenomiosi, poiché la parete uterina è danneggiata, la coordinazione dei movimenti è disturbata”, spiega Rees.

L’utero si muove

Il ricercatore spiega esattamente come funziona. Di solito viene eseguita una risonanza magnetica dell’utero per valutare cosa sta succedendo. Ma l’utero è un muscolo che esegue movimenti specifici. Ad esempio, la contrazione di quel muscolo è molto importante per le contrazioni, ma anche per la fertilità in generale. Non puoi catturare quei movimenti su una foto. “Con il metodo che utilizziamo, puoi effettivamente fare un’ecografia come farebbe normalmente un ginecologo. Solo che facciamo un video invece di una foto. In questo modo possiamo vedere con maggiore precisione come si comporta un utero normale o malato.” il suo metodo presso l’ospedale Katerina di Eindhoven. Centinaia di donne hanno partecipato allo studio.

Il software avanzato analizza il video. Posiziona segni in punti specifici sulla parete uterina. Ciò dà ai ricercatori un’idea chiara di come si muove l’utero. Poiché ogni utero ha una forma unica, i segni devono ancora essere eseguiti in parte a mano. In futuro, con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, le cose potrebbero essere diverse.

Applicazione nell’inseminazione artificiale

Oltre all’adenomiosi si possono prevedere anche altre applicazioni per la nuova tecnologia. Ad esempio, una pellicola ad ultrasuoni può essere utile per i pazienti sottoposti a trattamenti di fertilità, come la fecondazione in vitro. “I movimenti uterini possono anche influenzare il successo dell’impianto dell’embrione durante il trattamento di fecondazione in vitro. Ad esempio, la procedura potrebbe non andare bene perché l’utero si contrae con troppa forza. Speriamo di poter fornire informazioni migliori al riguardo in futuro.”

Nuovi metodi di trattamento

Il ricercatore non vuole solo mappare i movimenti uterini, ma contribuisce anche allo sviluppo di nuovi metodi di trattamento. “Ad esempio possiamo influenzare gli spostamenti con i farmaci. Purtroppo ci vorrà del tempo per confermare tutto questo. In ogni caso sono contento che abbiamo fatto i primi passi”.

READ  Attenzione: ecco come possono essere dannosi i pfas per la fertilità femminile

La ricercatrice sottolinea che negli anni si è prestata sempre più attenzione alla condizione femminile. “Sia negli ospedali che nei media. Questo è fantastico, perché maggiore è l’interesse, maggiore è la possibilità di sviluppare opzioni terapeutiche efficaci.