QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La ripresa e il cambio di energia dell’Italia sotto la pressione della crisi ucraina

L’Italia ha motivo di essere più preoccupata per la guerra russa in Ucraina, che si chiama gas. Roma importa il 45 per cento del gas dalla Russia, ma non solo. Le importazioni di gas sono più pesanti nel mix energetico italiano che in altri paesi europei. Sebbene importi il ​​55% del gas russo, ad esempio, l’Italia dipende più dalla Germania che dalla Germania. Secondo lo studio Attraverso l’Istituto di Studi Politici Internazionali (ISPI), nessun grande stato membro europeo è stato colpito come l’Italia. A differenza della Francia, che fa molto affidamento sull’energia nucleare, l’Italia non dispone di propri impianti nucleari da molti anni. “E la Spagna avanza con le energie rinnovabili”, ha detto Eleonora Tafuro Ambrosetti, ricercatrice russa all’Ispi.

Se il Paese aprirà sette centrali a carbone che chiuderanno entro il 2025, il trasferimento di energia rischia di rallentare in Italia. Il premier Mario Draghi ha telefonato venerdì Come soluzione temporanea Per affrontare le conseguenze della guerra russa in Ucraina. Il governo italiano sta valutando anche altre opzioni, come l’acquisto di più gas dai suoi altri fornitori, come Stati Uniti, Azerbaigian o Algeria.

Il premier italiano ha ammesso di temere le conseguenze delle sanzioni contro la Russia per la propria economia. Anche prima dell’invasione russa dell’Ucraina, i prezzi dell’energia in Italia sono aumentati vertiginosamente questo inverno e, secondo l’agenzia di stampa finanziaria Bloomberg, il governo ha già stanziato circa 16 miliardi di euro per mitigare l’aumento dei prezzi per le aziende e le famiglie italiane. Di recente, i camionisti in Italia hanno imposto un blocco stradale contro i prezzi elevati del carburante e la Russia non ha ancora occupato l’Ucraina.

READ  EV non è andato in Italia con gli applausi

Pasta e pane

L’Italia non è l’unico paese preoccupato per l’aumento delle forniture di gas e l’aumento dei prezzi dell’energia. Il paese importa anche molto grano dall’Ucraina. Di conseguenza, pasta e pane rischiano di diventare più costosi, ma anche altri prodotti alimentari potrebbero essere più elevati con l’aumento dei prezzi del carburante.

L’Italia, la terza economia dell’Eurozona, sta uscendo dalla recessione da Corona dopo due anni di epidemia. Ecco perché l’aumento dei prezzi dell’energia è preoccupante, afferma Giovanni de Mayo, ricercatore italiano all’Università di George Washington. “Il timore è che l’aumento dei prezzi minacci di appiattire la preoccupante ripresa economica in Italia”. L’Italia potrebbe aver fatto meglio di recente, ma la situazione resta pericolosa. Il debito pubblico è ancora sospeso Circa il 150 per centoE l’Italia è vulnerabile all’inflazione.

Per quanto riguarda la Russia, le relazioni commerciali sono al di là del gas

Inoltre, dall’inizio della crisi sull’Ucraina, l’Italia si è trovata in una strana spaccatura. L’approvvigionamento di gas della Russia è molto importante per l’Italia. Allo stesso tempo, essendo uno dei principali beneficiari dell’European Recovery Fund dopo l’epidemia, il paese dipenderà fortemente dall’Europa negli anni a venire. Poiché l’economia italiana è stata duramente colpita, Roma ha deciso di ritirare tutte le sovvenzioni ei prestiti disponibili dal fondo di salvataggio. In totale, saranno 5 205 miliardi nei prossimi anni.

Per quanto riguarda la Russia, le relazioni commerciali sono al di là del gas. Molte aziende private italiane hanno grandi interessi commerciali in Russia, afferma la ricercatrice russa Eleonora Dafuro: “L’esperta di pneumatici Pirelli ha due stabilimenti e diverse PMI del nord di Venito e della Lombardia esportano macchinari in Russia”.

READ  Station Square celebra il 35 ° anniversario | Notizie, sport, lavoro

Anche cibo, mobili e moda sono importanti esportazioni italiane, ma quelle esportazioni hanno già sofferto da quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014. Nel caso del cibo era dovuto alle controrestrizioni russe, doveva fare di più per la moda e l’arredamento. A causa della bassa domanda, il potere d’acquisto della classe media russa sta diminuendo.

Simpatia da sinistra e da destra

Storicamente, c’è stato un legame emotivo tra Russia e Italia. Fino al 1991 l’Italia aveva il più grande Partito Comunista d’Occidente. Alcuni italiani di sinistra vedevano la Russia come il successore dell’ex Unione Sovietica e un’alternativa all’egemonia americana. Ma la Russia è stata recentemente in grado di conquistare le simpatie di esponenti di destra come Matteo Salvini, il leader populista di estrema destra della Lega nel governo di Troia. In passato Salvini non ha certo nascosto la sua ammirazione per Vladimir Putin. Ma «chi lancia i missili sbaglia», dice Salvini.

Ma nonostante le simpatie filo-russe a partiti come la Lega, per non dire altro, nel movimento anti-establishment Five Stars, l’Italia non si è isolata in Russia in passato. L’Italia ha sempre votato a favore dell’estensione delle sanzioni alla Russia dopo l’annessione della Crimea da parte della Lega al governo, Dafuro insiste: “Me l’ha detto un politico italiano: la storia cambia con chi è al governo, ma la politica del governo non cambia”.

Naturalmente in questa situazione estrema, con Putin che occupa militarmente un altro Paese sovrano, non c’è dubbio che l’Italia si stia posizionando a stretto contatto con l’Unione Europea e la NATO. Come la Germania, l’Italia era inizialmente in frenata per usare le armi di Swift contro la Russia, ma alla fine la Roma acconsentì. L’Italia ha anche insistito sul fatto che le sanzioni occidentali “non facevano eccezione”. Potrebbe essere un riflesso della voce infondata diffusa dal quotidiano britannico TelegrafoL’Italia ha cercato di mantenere i suoi beni di lusso fuori dalle restrizioni.