QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Russia è attanagliata da misteriosi incendi dolosi. La domanda si fa più forte: chi c’è dietro?

Esplosioni in una fabbrica di munizioni e incendi in una casa editrice che promuove il Cremlino, e civili hanno riferito di rumori di esplosioni. La Russia è stata nuovamente colpita da eventi misteriosi questa settimana. La domanda si fa più forte: chi c’è dietro?

Tom Finnick

Nelle ultime settimane sono scoppiati gravi incendi in diversi luoghi della Russia di importanza strategica per l’esercito russo. Nella città di Tver, a nord-ovest di Mosca, 20 persone sono rimaste uccise in un incendio in un istituto di ricerca dell’Air Force, secondo le autorità locali. A sud-ovest della capitale, un deposito di munizioni ha preso fuoco. E non lontano dal confine russo-ucraino, nelle regioni di Belgorod, Bryansk e Kursk, grandi pennacchi di fumo pendevano dai depositi di carburante.

In Russia spesso scoppiano incendi a causa di vecchi cavi e perdite di gas, ma ora gli incidenti sono così numerosi che sembra che ci sia stato un atto deliberato. Molte dita puntano sull’Ucraina.

La Russia ha accusato l’Ucraina di uno degli incendi. Il Cremlino ha detto che il mese scorso gli elicotteri ucraini hanno attaccato un deposito di carburante a Belgorod. Un video mostra elicotteri che sorvolano il magazzino prima che prendesse fuoco. Ma la Russia dice che sta ancora indagando sulla causa della maggior parte degli incidenti. Le autorità ucraine non hanno commentato gli incendi.

Missili e droni

L’Ucraina è nota per avere l’ORT-21 Totchka, un sistema missilistico con una portata di oltre 100 km. Gli analisti militari hanno riconosciuto il suono di un missile prima che esplodesse un videoclip di Bryansk. L’Ucraina ha anche droni d’attacco che possono volare in Russia. La scorsa settimana, il governatore della regione russa di Kursk ha affermato che le forze di difesa aerea russe hanno abbattuto due droni ucraini.

Ma missili e droni non possono essere responsabili di tutti gli incendi: molti incendi sono scoppiati nelle profondità della Russia, fuori dalla portata delle armi ucraine.

Ad esempio, una fabbrica di munizioni ha preso fuoco domenica a Perm, a circa 1.500 chilometri dal confine ucraino. Le autorità hanno detto che due persone sono rimaste uccise nell’incendio. Testimoni oculari hanno riferito ai media locali che la fabbrica ha preso fuoco dopo una grave esplosione. L’impianto produceva esplosivi per sistemi missilistici e carri armati utilizzati dall’esercito russo in Ucraina.

E la casa editrice promossa dal Cremlino, Prosveshchenije (che significa “illuminazione”) si trova a est di Mosca, quindi fuori dalla portata dei missili e dei droni ucraini. Secondo il ministero russo per le situazioni di emergenza, martedì i magazzini di libri con un’area di 34.000 metri quadrati hanno preso fuoco. Dall’inizio della guerra, la casa editrice ha cercato di ripulire i libri di testo da “riferimenti inappropriati” all’Ucraina.

Purghe segrete

Poco prima dell’incendio, tre dipendenti dissidenti della casa editrice hanno denunciato le epurazioni segrete ai media critici. Si sono opposti al sito area multimediale Che dovrebbero adattare i libri di testo in modo tale che l’Ucraina non appaia come un paese indipendente. Kiev non dovrebbe essere chiamata la capitale dell’Ucraina e le immagini della bandiera ucraina dovrebbero essere rimosse. Tuttavia, l’Ucraina può ancora essere menzionata nei libri di testo come una regione liberata dall’Armata Rossa nella guerra contro la Germania nazista. Gli oppositori hanno affermato che molti dei dipendenti della casa editrice sono stati licenziati per aver criticato le politiche del Cremlino.

Sia la Russia che l’Ucraina hanno adottato misure per rintracciare i sabotatori dall’inizio dell’invasione. Secondo i media critici, le persone con cittadinanza ucraina sono soggette a un controllo della polizia in Russia. Il servizio di sicurezza russo, l’FSB, ha annunciato di aver arrestato un gruppo di “terroristi” che stavano pianificando un tentativo di assassinare un noto presentatore della televisione di stato russa. L’Ucraina ha criminalizzato la negazione dell’aggressione russa e la diffusione della propaganda russa. Nella sola provincia assediata di Kharkiv, la polizia ucraina ha affermato di aver arrestato 400 persone sospettate di collaborare con la Russia.

Gli analisti tengono conto del fatto che alcuni degli incendi in Russia non sono opera di sabotatori ucraini, ma opera di oppositori locali della guerra. Indicano anche attacchi incendiari da parte di agenzie di reclutamento militare. Gli uffici spesso conservano elenchi di giovani russi che devono svolgere il servizio militare. La Russia ha ammesso che le reclute sono state dispiegate nella “operazione militare speciale” dell’Ucraina. Un incendio arbitrario con bottiglie molotov nelle agenzie di reclutamento in diversi villaggi russi ha distrutto i documenti relativi al prossimo lotto di reclute, riferiscono i canali di Telegram.

READ  Un pugno potente dell'olandese BMX: un titolo olimpico nonostante...