QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Russia si sta preparando per il fronte interno per cattive notizie?

Sembrava un modo per preparare il popolo russo alle cattive notizie in modo indiretto, non alla televisione di stato ma su un canale britannico. Ad oggi, ai russi è stato detto solo due volte delle perdite nei ranghi delle truppe russe. Il 2 marzo il ministero della Difesa ha riportato 498 morti, il 25 marzo il numero era salito a 1.351.

I dati russi differiscono significativamente dalle stime degli Stati Uniti, che già a fine marzo ammontavano a 7.000 russi. Secondo il Pentagono, quel numero è probabilmente salito a più di 10.000 finora.

Guerra in Afghanistan “Zink Boys”

Il Cremlino probabilmente fornirà dati sulle vittime per ragioni tattiche, temendo un’ulteriore erosione del morale delle forze russe che già combattono in Ucraina. Ma è tradizione del Cremlino nascondere gelosamente tali figure alla popolazione, anche dopo la fine del conflitto.

Durante la guerra in Afghanistan (1979-1989), i soldati sovietici caduti venivano spesso trasportati di notte nelle loro bare di zinco in treno nelle città da cui provenivano. C’era anche una password per i trasporti con i cadaveri dei soldati: Groez-200 o Cargo-200. Ai genitori e alle mogli dei “ragazzi zinco”, come li chiamava la scrittrice bielorussa e vincitrice del premio Nobel Svetlana Alexievich, non è stato detto nulla di ciò che è successo ai loro figli e mariti. A volte non sapevano nemmeno di essere stati mandati in Afghanistan.

Le sepolture furono condotte ovunque in segreto, ma nessuno conosceva la vera portata delle perdite. Solo in seguito Mosca ha ammesso la morte di circa 15.000 soldati russi in quei dieci anni di guerra.

Perdite russe in Cecenia e Donbass

Anche nelle due guerre in Cecenia, le autorità nascosero le perdite nei ranghi delle truppe russe. I soldati russi imprigionati si sono lamentati del fatto che alle autorità non importava del loro destino e del destino dei loro compagni caduti. Spesso venivano reclutati ragazzi che non avevano assolutamente alcuna esperienza di combattimento. A volte l’esercito scambiava prigionieri ceceni con i corpi di ufficiali russi morti.

Non è ancora chiaro quanti soldati russi siano stati uccisi in queste due guerre. Secondo i dati del ministero della Difesa, il numero sarà di oltre 3.500 soldati, ma il Comitato delle madri dei soldati, che difende i diritti dei soldati russi, afferma che è almeno il doppio.

Sotto il presidente Putin, il termine “Charge-200” è diventato completamente proibito. Le vittime tra i soldati russi che hanno combattuto a fianco dei separatisti nel Donbass nel 2014-2015 non sono state rivelate. Il Cremlino sostiene ancora che le truppe russe non sono mai esistite in quel momento, anche se i soldati russi furono catturati dagli ucraini.

Il leader dell’opposizione russa Boris Nemtsov stava indagando sulle perdite russe nel Donbass in quel momento, ma è stato ucciso vicino al Cremlino nel febbraio 2015 prima che potesse pubblicare il suo rapporto (conclusione: più di duecento soldati).

Bugie e redenzione

A differenza della guerra in Cecenia, i membri della famiglia non hanno osato chiamare il Comitato delle madri dei soldati per cercare i soldati scomparsi. L’intera società è impantanata nella menzogna. Tutti lo vedono, tutti lo sanno, ma tutti chiudono la bocca o mentono al riguardo’”, ha concluso Ella Bulgakova dalle madri dei soldati frustrata.

La situazione è ora resa ancora più difficile dalla decisione di Putin di rilasciare “segreti di stato” per le vittime tra i militari “in tempo di pace” nel 2015. Secondo il Cremlino, ora non si tratta di guerra, ma solo di “operazione militare speciale” in Ucraina. Inoltre, ci sono ora pene detentive fino a 15 anni per aver diffuso “informazioni false” sulle forze armate.

Per nascondere la reale portata delle perdite, i parenti dei soldati morti sono stati acquistati a titolo di risarcimento per un importo di 41mila euro, secondo i media russi indipendenti, con consigli urgenti per mantenere il funerale il più silenzioso possibile.

Al momento sembra funzionare. Molti russi sostengono la “spetsoperatsija” che non dovrebbe essere chiamata guerra o preferiscono tenere la bocca chiusa. Ma il Cremlino è chiaramente giunto alla conclusione che, viste le vere perdite, era tempo di sfogare il mito della “missione di pace” per “liberare” gli ucraini.

READ  Diversi morti e feriti a Plymouth, nel sud dell'Inghilterra, dopo...