QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La sonda spaziale europea rileva le “increspature” su Mercurio (e ci sono delle foto!)

La sonda spaziale europea rileva le “increspature” su Mercurio (e ci sono delle foto!)

È stato anche fotografato un grande cratere da impatto, che è stato nominato per ultimo. In questo modo, impariamo a conoscere dolcemente il pianeta interno del nostro sistema solare ancor prima del vero e proprio lancio della promettente missione BepiColombo.

Diversi anni fa, la sonda spaziale BepiColombo dell’Agenzia spaziale europea era in viaggio verso il pianeta più piccolo del nostro sistema solare: Mercurio. Sebbene l’astronave sia ora molto vicina, le osservazioni non possono iniziare fino a quando BepiColombo non si sarà sistemato nell’orbita corretta. Ciò richiederebbe almeno sei passaggi ravvicinati di Mercury. La task force è ormai a metà strada! Perché la sonda ha appena completato con successo il terzo pendolo.

Maggiori informazioni sui pendoli gravitazionali
La sonda spaziale BepiColombo è in viaggio verso Mercurio dall’ottobre 2018. Per portare la sonda nell’orbita corretta, sono necessari un totale di nove passaggi ravvicinati: uno oltre la Terra, due oltre Venere e sei oltre Mercurio. I sorvoli della Terra e di Venere sono già stati completati e la sonda sta attualmente oscillando attorno a Mercurio. L’anno prossimo, nel 2024, il veicolo spaziale passerà due volte vicino al pianeta più vicino nel nostro sistema solare. Nel dicembre 2025, se tutto va secondo i piani, BepiColombo sarà pronto a stabilirsi in orbita attorno a Mercurio.

Lo scorso lunedì sera, BepiColombo ha fatto il suo avvicinamento più ravvicinato alla superficie ancora misteriosa del pianeta Mercurio. La sonda ha volato a circa 236 chilometri sopra la superficie sul lato notturno del pianeta. “Tutto è andato molto bene”, afferma il membro del team Ignacio Clérigo.

le immagini
durante volato via BepiColombo ha intravisto ancora una volta un pianeta che custodisce ancora molti segreti per noi. Ad esempio, durante il passaggio ravvicinato, la sonda ha tenuto la fotocamera pronta per scattare alcune foto delle caratteristiche superficiali sorprendenti. Con l’aiuto di una telecamera di sorveglianza (che può scattare solo immagini in bianco e nero), sono state scattate dozzine di immagini che rivelano di più sul pianeta roccioso. Di seguito si possono ammirare tre bellissime foto.

READ  Il problema è stato scoperto sul telescopio spaziale James Webb
Tre immagini di Mercurio scattate durante il terzo sorvolo di BepiColombo. Foto: ESA/BepiColombo/MTM, CC BY-SA 3.0 IGO

rughe
Una particolare caratteristica della superficie che BepiColombo ha ora immortalato nell’immagine sono le “rughe” di Mercurio. Bagel Rubs ne è un buon esempio. Questa è una delle tante ripide scogliere lobate del pianeta. Queste caratteristiche tettoniche probabilmente si sono formate quando il pianeta si è raffreddato e si è ridotto, facendo raggrinzire la superficie come una mela secca. Beagle Rupes è stato visto per la prima volta dalla missione Messenger della NASA nel gennaio 2008. L'”increspatura” è lunga circa 600 chilometri e attraversa un caratteristico cratere allungato chiamato Sveinsdóttir.

ricerca
I ricercatori non vedono l’ora di dare un’occhiata più da vicino a questa affascinante regione. “Questa è un’area di studio incredibilmente interessante per la storia tettonica di Mercurio”, ha affermato la ricercatrice Valentina Galotsi. La complessa interazione di questi ripidi pendii ci dice che mentre il pianeta si raffreddava e si restringeva, la crosta superficiale cominciava a scivolare ea spostarsi. Questo ha creato una varietà di caratteristiche esotiche, che esamineremo più in dettaglio una volta che ci saremo sistemati in orbita attorno a Mercurio”.

ugello a impatto
Durante il flyby, BepiColombo ha anche fotografato un cratere precedentemente senza nome. È un cratere largo 218 chilometri. “Ci siamo resi conto che questo grande cratere all’orizzonte non aveva alcun nome”, afferma il membro del team David Rothery. “Questo cratere è ancora di interesse per gli scienziati perché il suo impatto ha esposto la materia oscura. Questo potrebbe essere un residuo della prima crosta ricca di carbonio di Mercurio. Inoltre, il fondo del bacino è pieno di lava. La prova che Mercurio deve essere stato vulcanicamente attivo da molto tempo”. Motivo sufficiente per dare un nome a questo interessante cratere. Il cratere da impatto si chiama Manley, in onore dell’artista giamaicana Edna Manley. BepiColombo studierà la materia oscura nel cratere Manley una volta che si sarà sistemata in orbita attorno a Mercurio. La sonda farà uno sforzo frenetico per misurare la quantità di carbonio e minerali contenuti nel cratere, al fine di conoscere meglio la storia geologica del pianeta.

READ  Logitech annuncia la webcam Brio 500: 1080p con campo visivo regolabile
Questa immagine mostra chiaramente le principali caratteristiche della superficie. Foto: ESA/BepiColombo/MTM, CC BY-SA 3.0 IGO

Compito entusiasmante
Oltre alle immagini scattate da BepiColombo, durante il sorvolo di Mercurio erano attivi anche numerosi strumenti scientifici per misurare il magnetismo, il plasma e le particelle intorno a Mercurio. Le immagini e queste informazioni aggiuntive forniscono un’idea di ciò che possiamo aspettarci da questa bellissima missione oltre il 2025″. volato via Ha aperto la strada a una missione entusiasmante per Bibikolombo”, afferma Jack Wright, ricercatore presso l’Agenzia spaziale europea. “Con l’aggiunta di strumenti scientifici, studieremo tutti gli aspetti di Mercurio, dai processi del nucleo a quelli della superficie e dal campo magnetico all’esosfera. In questo modo, speriamo di comprendere meglio l’origine e l’evoluzione del pianeta più vicino alla nostra stella madre”.

Bombardamento
I ricercatori sperano di scoprire di più su Mercurio e ottenere maggiori informazioni sul suo turbolento passato. “La superficie di Mercurio è molto perforata”, continua Wright. “Dimostra che il pianeta è stato bombardato da asteroidi e comete molte volte negli ultimi 4,6 miliardi di anni”. Gli scienziati ritengono che i resti di questi bombardamenti, insieme alle loro caratteristiche tettoniche e vulcaniche uniche, aiuteranno a rivelare il ruolo di Mercurio nell’evoluzione del sistema solare.

Tuttavia, questo è ancora in futuro per ora. La prossima grande sfida attende prima. Ad esempio, BepiColombo deve essere rallentato abbastanza contro l’enorme gravità del Sole. “Questo è essenziale per rimanere in pista il più possibile”, ha affermato il ricercatore Santa Martinez-Sanmartín. Inoltre, sarebbero necessari un totale di tre pendoli gravitazionali per portare la sonda in orbita attorno a Mercurio. Tuttavia, la fine è lentamente ma inesorabilmente incombente. Ho aspettato solo tre anni, e poi finalmente sapremo di più su come si è formato Mercurio, quali processi geologici sono in gioco sul pianeta e come è composto il pianeta.

READ  Microsoft vuole portare Call Of Duty sull'hardware Nintendo dopo aver acquisito Activision - Giochi - Notizie