QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Turchia pone fine alla sua opposizione all’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO

All’incontro tra il presidente finlandese, il primo ministro svedese Magdalena Andersson, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, Finlandia, Svezia e Turchia hanno concordato di firmare il memorandum tripartito. Affronta le “legittime preoccupazioni per la sicurezza” della Turchia. Il memorandum è stato firmato davanti alla telecamera dai ministri degli Esteri dei tre Paesi.

“Gli alleati concorderanno passi concreti per la nostra adesione alla Nato nei prossimi due giorni”, ha affermato il presidente finlandese in un comunicato stampa. Secondo lui, questa decisione è imminente.

Stoltenberg ha affermato che la NATO inviterà formalmente entrambi i paesi mercoledì. Oggi mostra che possiamo unirci attorno ai nostri compiti di base. “Quello che accadrà ora è probabilmente l’azione più rapida di sempre. Questo invia un messaggio chiaro (Presidente russo, editore) Mettilo dentro”. Secondo il Segretario Generale, questo porterebbe più NATO ai suoi confini, piuttosto che ridurla, come richiesto da Putin.

Sostieni il PKK

La Turchia inizialmente ha impedito l’avvio delle procedure di adesione perché Ankara aveva preoccupazioni per il terrorismo. Erdogan ha sostenuto, tra le altre cose, che Svezia e Finlandia sosterranno il fuorilegge Partito dei Lavoratori del Kurdistan, che anche gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno designato un’organizzazione terroristica.

“Sono felice di annunciare che abbiamo un accordo che aprirà la strada alla Finlandia e alla Svezia per entrare a far parte della NATO”, ha detto Stoltenberg in una conferenza stampa dopo la firma. Turchia, Finlandia e Svezia hanno firmato un memorandum che affronta le preoccupazioni della Turchia, comprese le esportazioni di armi e l’antiterrorismo.

Secondo Stoltenberg, i tre paesi hanno deciso di intensificare la loro cooperazione nella lotta al terrorismo. Anche Finlandia e Svezia sono impegnate come sostenitori della Turchia contro le minacce alla sicurezza nazionale. “Ciò include ulteriori modifiche alla legge nazionale, la soppressione delle attività del PKK e il raggiungimento di un accordo con la Turchia sull’estradizione”, ha affermato Stoltenberg. “Alla luce dei progressi che abbiamo fatto insieme, la Turchia accetta di sostenere la Finlandia e la Svezia nell’adesione alla NATO”.

READ  Un generale e l'"Eroe della Russia" che hanno dovuto consegnare la Coppa di Putin nel Donbass non li vedevano da due settimane | Guerra tra Ucraina e Russia

Turchia: ‘Ho tutto quello che volevamo’

La presidenza turca ha affermato in un comunicato stampa che la Turchia ha ottenuto “piena collaborazione” da Finlandia e Svezia contro i militanti del PKK e i loro alleati. E sembrava che la Turchia avesse tutto ciò che voleva. Secondo la Turchia, i due paesi candidati concordano di non imporre restrizioni o divieti all’industria della difesa.

I due paesi prenderanno anche “misure concrete per estradare i terroristi” sul loro suolo, secondo la Turchia, e vieteranno “attività di raccolta fondi e reclutamento per il PKK e le sue propaggini”. Ankara è inoltre lieta che il movimento del predicatore Fethullah Gulen, che si è insediato negli Stati Uniti e ritenuto da Erdogan responsabile del fallito colpo di stato del 2016, venga considerato una “organizzazione terroristica”.