QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’allevatore di pollame Eric fa tutto il possibile per tenere a bada l’influenza aviaria: “Voglio continuare a guardarmi allo specchio”

Il virus dell’influenza aviaria è la più grande epidemia mai registrata in Europa. A causa di una variante aggressiva, il virus si sta diffondendo più violentemente quest’anno. Il pollame è in gabbia da mesi. Ma non c’è soluzione al problema ricorrente.

Procedure molto rigide vengono applicate anche all’allevamento di pollame Eric Jochems. Dallo scoppio dell’influenza aviaria nei Paesi Bassi nell’ottobre 2021, è stato molto vigile. “Seguo tutto. Quando ci sono notizie leggo e penso: Oddio, un’altra.”

“Tutto per mantenere in salute gli animali”

È molto fastidioso e difficile che un virus del genere si diffonda, afferma Jochems. “Dove altro possiamo adattarci per assicurarci di poter continuare a guardarci allo specchio? Abbiamo fatto tutto il possibile, se ciò accade”.

I jochems sono protetti con nastro adesivo per impedire alle persone di entrare nel cortile in questo modo. “Un camion che porta mangime deve rispettare tutti i tipi di protocolli igienici. Il bagno è obbligatorio per noi da circa 10 anni. Stiamo facendo tutto il possibile per mantenere sani i nostri animali”.

Il veterinario del pollame Martin van den Berg a volte fa il bagno dieci volte al giorno

Fai la doccia dieci volte al giorno

Tra le poche persone ancora ammesse sul sito dopo l’impegno di reclusione c’è il veterinario avicolo Martin van den Berg. “Siamo ansiosi e vigili. Ogni settimana in cui le cose rimangono calme con i miei clienti, mi sento sollevato”.

Al cancello, Van den Berg si è cambiato le scarpe e prima di andare dagli animali, ha fatto una doccia e ha indossato abiti speciali. “Quando arrivo faccio la doccia ‘dentro’ e quando esco faccio la doccia ‘fuori’, per non portare niente con me in un’altra azienda. A volte faccio la doccia dieci volte al giorno dopo che tutti i miei clienti hanno passato. Comunque buona casa pulita , nessuna lamentela su quel fronte”.

READ  I gemelli appena nati Feri Somogyi sono stati ricoverati in ospedale

Impatto significativo

Kees de Jong vede questa vigilanza in tutti i 2.200 allevamenti di pollame nei Paesi Bassi. È il capo della divisione pollame di LTO. “L’influenza aviaria può infettare la tua fattoria senza che tu sappia come”, dice.

“Gli allevatori di pollame sono in quarantena da ottobre. Questo sta avendo un impatto enorme. Non hai più contatti con i tuoi colleghi, gli open day sono stati cancellati e le persone che di solito visitano la tua azienda non sono più le benvenute. Le persone che possono venire a l’azienda, deve rispettare rigorose misure igieniche”.

guarda anche

Siero

De Jong osserva che il virus dell’influenza aviaria è diventato più aggressivo. “Per anni non abbiamo avuto polli da carne che potessero prendere l’influenza aviaria e ora ce l’abbiamo. Con il corona stiamo vedendo che una variante è più contagiosa dell’altra, e potrebbe essere lo stesso con il virus dell’influenza aviaria”.

Questo è il motivo per cui De Jong sostiene la vaccinazione. “In modo che possiamo davvero affrontare l’influenza aviaria e non dobbiamo più liberarcene in modo profilattico. Perché come allevatore di pollame non lo vuoi. Vuoi prenderti cura dei tuoi animali, non sbarazzartene”. Ma secondo l’attuale politica, la vaccinazione non è consentita. “Ci sono paesi che non vogliono acquistare prodotti animali dopo la vaccinazione. È importante rimuovere queste preoccupazioni”.

informazioni

Permessi da fine ottobre 2021

  • Il 26 ottobre è stato preso di mira il primo allevamento di pollame nei Paesi Bassi, a Zeewolde. Sono state abbattute 36000 galline ovaiole. A Barnefield e Otterloo sono stati abbattuti per precauzione 13.600 polli.
  • Un grande focolaio a Grouchermer è seguito il 31 ottobre, seguito a novembre da un focolaio sempre più grande. Gli animali sono stati abbattuti in tutti i Paesi Bassi, in particolare in: Assendelft (190), Parrega (200), Zeewolde (31000), Lutjegast (48000), Tzum (122500) e Vinkeveen (10000).
  • Poi c’è stato un po’ di calma, ma il 17 dicembre è stato preso di mira un allevamento di pollame a Den Ham e 3 giorni dopo è stata scoperta una società a Ysselsteyn e questa settimana l’influenza aviaria è stata rilevata anche a Blija e Bentelo. Finora sono stati abbattuti 222.000 polli a Belga e 180.000 polli a Bentilo.
READ  Una bottiglia di vino spaziale offerta da SpaceX è stata messa all'asta per un importo record

Dal 26 ottobre, nei Paesi Bassi è in vigore un obbligo interno. Tutto il pollame deve essere tenuto al chiuso per evitare contaminazioni.

* La minaccia rimane

Anche l’allevatore di pollame Yochems vorrebbe che i suoi animali fossero vaccinati. “Sono aperto a questo, purché sia ​​un bene per le persone e gli animali. Dobbiamo essere in grado di continuare a vendere i nostri prodotti e i nostri animali devono essere in grado di rimanere sani. Questo deve essere organizzato a livello europeo”.

Il nostro veterinario di pollame, Van den Berg, non pensa che possiamo farlo solo con un vaccino. “Anche l’igiene rimane molto importante. Sappiamo che il virus è nell’ambiente, con gli uccelli selvatici. Questo non cambierà nei prossimi anni. Forse non così grave come quest’anno, ma la minaccia rimane”.

“Buona soluzione temporanea”

La vaccinazione è una buona soluzione temporanea, afferma il virologo Thijs Kuiken di Erasmus MC. “Le preoccupazioni sulla sicurezza dei prodotti avicoli vaccinati sono infondate. Stiamo già vaccinando i polli contro altre malattie virali. Questo non è affatto un problema di salute pubblica”.

pulcino thijs

Il virologo Thys Kuiken: “La vaccinazione da sola non basta a lungo termine”

origine animale

Ma alla lunga c’è ancora molto da fare, dice Koiken. “Il bestiame dovrebbe essere più piccolo. L’influenza aviaria, come la febbre Q e la corona, è una malattia zoonotica, una malattia infettiva che viene trasmessa dagli animali all’uomo e colpisce nelle aree in cui vivono l’uno vicino all’altro”.

Quicken spiega che una ragione importante per l’emergere delle zoonosi è l’aumento del commercio di animali selvatici e dell’allevamento di bestiame. “Le foreste in Sud America vengono abbattute su larga scala per coltivare foraggio per il nostro bestiame. Quindi gli animali della foresta perdono il loro habitat e migrano verso le case delle persone. Ciò aumenta il rischio di malattie zoonotiche. Il pericolo per la nostra società è che cerchiamo sempre di risolvere tutti i problemi separatamente, mentre sono correlati”.

READ  L'ebola a volte dorme nelle persone per anni

guarda anche

Con molto meno

Quicken vede un ruolo importante per i Paesi Bassi nella riforma del settore avicolo in Europa. La densità di pollame qui è la più alta d’Europa e sei volte superiore alla media europea.

“Abbiamo molte conoscenze, quindi usiamole per risolvere i problemi attuali in modo saggio. Dovrebbe esserci un modello di reddito diverso per gli allevatori di pollame, in modo che possano guadagnarsi da vivere con meno pollame”.

Guarda il servizio televisivo.