QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite chiede di fermare le forniture di armi al Myanmar | all’estero

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato venerdì una risoluzione non vincolante che condanna il colpo di stato militare in Myanmar. Il testo invita inoltre tutti gli Stati membri a impedire “il flusso di armi” nel Paese. La risoluzione chiede anche il ritorno alla democrazia e il rilascio dei prigionieri politici, tra cui il premio Nobel Aung San Suu Kyi.




La decisione è stata approvata da 119 paesi. Solo la Bielorussia ha votato contro. Inoltre, 36 paesi si sono astenuti, tra cui Russia e Cina, che sono alleati del regime del Myanmar. Le risoluzioni dell’Assemblea Generale non sono vincolanti, ma hanno un peso politico. Nessuno Stato membro ha diritto di veto.

Si dice che la decisione sia stata rilassata. Una versione precedente chiedeva un embargo ufficiale sulle armi contro il paese, secondo l’agenzia di stampa Reuters, ma era troppo per nove nazioni del sud-est asiatico. Nella versione finale, gli Stati sono stati esortati a impedire “il flusso di armi in Myanmar”.

Sorprendentemente, anche il rappresentante del Myanmar ha concordato con il testo. L’ambasciatore Kyaw Mo Tun è stato espulso dopo il golpe militare, ma le Nazioni Unite sono ancora considerate il legittimo rappresentante del suo Paese. L’ambasciatore ha ritenuto che ci sia voluto molto tempo per approvare una risoluzione “annacquata” e ha affermato che nessun paese dovrebbe sostenere l’esercito.

Kyaw Mo Tun, ambasciatore delle Nazioni Unite in Myanmar. © via Reuters

In vista del voto, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato di sperare di ricevere un “messaggio molto chiaro” dall’Assemblea generale. “Dobbiamo certamente creare le condizioni per il ripristino della democrazia”, ​​ha detto. “Non possiamo vivere in un mondo in cui i colpi di stato militari diventano la norma”, ha affermato il Segretario generale. “Questo è totalmente inaccettabile”.

I militari hanno preso il potere in Myanmar all’inizio di quest’anno. E’ successo in seguito alle elezioni parlamentari vinte dal partito politico di Suu Kyi. Una sconfitta per i militari. Poi le forze armate si sono lamentate di brogli e hanno arrestato Suu Kyi e altri leader politici. Da allora, le forze di sicurezza hanno represso i manifestanti che chiedevano il ripristino della democrazia.

L’inviata speciale delle Nazioni Unite nel paese del sud-est asiatico, Christine Schraner Burgener, ha detto venerdì all’Assemblea generale delle Nazioni Unite che “il rischio di una guerra civile su vasta scala è reale. Il tempo è essenziale”. la risoluzione “che l’opportunità La ritirata dalla presa del potere dell’esercito sta svanendo”.

L’esercito del Myanmar brucia un intero villaggio

Venti civili uccisi negli scontri con la giunta militare del Myanmar

READ  "Il disastro minaccia i bambini a causa dell'epidemia"