QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le prime emoticon messe all’asta per oltre $ 200.000

Le prime immagini al computer di un volto triste e sorridente sono state vendute all’asta per 237.500 dollari giovedì. Scott Fahlman, professore di informatica alla Carnegie Mellon University, a Pittsburgh, in Pennsylvania, ha inventato gli emoji nel 1982. Così dice la casa d’aste Heritage Auctions con sede in Texas.

Gli emoji sono costituiti da lettere che puoi trovare sulla tastiera. Faccine 🙂 e faccina triste :- (quindi sono simboli, perché sono costituiti da due punti, trattini e parentesi. Gli emoji sono piccoli disegni. In una lettera che scrisse il 19 settembre 1982, il professor Fahlmann menzionò prima di usare l’emoticon per indicano che era uno scherzo e un simbolo La mia emoji è triste per indicare che il messaggio era serio. In seguito, i simboli sono diventati rispettivamente “Sono felice” e “Sono triste”, secondo la casa d’aste.

La creatività di Fahlmann è significativa non solo perché ha portato umanità, contesto ed emozione su uno schermo piatto, ma anche perché rappresenta la prima rappresentazione di un meme e di una cultura virale nel discorso online. L’opera è stata venduta come un cosiddetto “token non fungibile” (NFT), un token non fungibile unico. Attraverso la tecnologia blockchain, la proprietà è collegata a un oggetto digitale. Potrebbero esserci ancora molte copie digitali dell’oggetto e solo una copia può essere considerata l’originale. Inoltre, il primo tweet in assoluto, scritto dal fondatore di Twitter Jack Dorsey, è stato venduto a NFT a marzo per 2,9 milioni di dollari.

L’asta includeva anche due articoli scritti dal professor Fahlam sulla sua invenzione dell’emoji, uno del 2002 e l’altro scritto in occasione dell’asta. Il miglior offerente ha ricevuto anche un certificato firmato e incorniciato dal professor Fahleman.

READ  La Commissione europea apre il suo ufficio in Groenlandia