QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le radiazioni dei tumori epatici dall’interno possono essere monitorate direttamente dall’esterno

I malati di cancro al fegato sono talvolta trattati con radioterapia interna (radioembolizzazione). Quindi le neoplasie vengono irradiate non dall’esterno del corpo, ma dall’interno, dal fegato stesso. Ciò è possibile iniettando piccole sfere radioattive (sfere microscopiche) nell’arteria epatica. Questi globuli sono trasportati dal sangue e poi rimangono bloccati in vasi sanguigni molto piccoli, che si trovano spesso dentro e intorno ai tumori. Ad esempio, possono irradiare le neoplasie dall’interno, spesso restringendole e talvolta distruggendole completamente.

trattamento “cieco”

“Finora, lo svantaggio è stato che non è possibile seguire le microsfere iniettate durante il trattamento”, afferma Frank Nijsen del Dipartimento di imaging medico di Radbodomic. Si ricerca in anticipo come si ramifica la vena epatica, dove si trovano esattamente i tumori e se è possibile chiudere il ramo se necessario per ottenere il massimo risultato ottenibile. Ma l’estensione delle sfere microscopiche sparse durante il trattamento va oltre il tuo campo visivo. Di conseguenza, è possibile che nel tumore fluiscano troppo poche sfere microscopiche e la dose di radiazioni rimanga troppo bassa e non si possa ottenere l’effetto desiderato”.

La radioterapia nella risonanza magnetica

Tuttavia, Nijsen e i suoi colleghi hanno sviluppato un trattamento basato su sfere di olmio radioattive. Questi campi sono magnetici, il che significa che possono essere visualizzati utilizzando una risonanza magnetica. Negli ultimi anni, utilizzando le strutture proprietarie di MITeC, hanno sviluppato un metodo per somministrare le sfere mentre il paziente è nello scanner MRI. Sembra più semplice di quanto non sia: tutti i materiali utilizzati nel trattamento, come i cateteri, devono anche essere al sicuro nell’elevato campo magnetico dello scanner e non interferire con l’immagine MRI.

READ  I residenti del devoto comune olandese si concedono...

Vivi le palline minuscole nella foto

In un articolo sulla rivista Cancers, ora descrivono che questo approccio ha effettivamente avuto successo nel paziente. Joy Rosen, del Dipartimento di imaging medico, riceverà un dottorato per questa procedura unica alla fine del 2022. “Per quanto ne sappiamo, questa è la prima volta in tutto il mondo che vediamo effettivamente come le palle si dividono durante il procedura”, dice Rosen. “È una ‘prova di concetto’, poiché dimostriamo che può essere eseguita in sicurezza in questo modo. Grazie all’immagine MRI, possiamo seguire l’iniezione di microsfere vive e misurare quante palline si sono bloccate nei tumori e un fegato sano .” Questo è unico. Come se avessi lasciato milioni di piccole barche a Lobith e potessi seguirle tutte nel loro viaggio verso Nijmegen, Arnhem, Deventer, Dordrecht e Rotterdam.

Adeguamento della distribuzione

Nella fase successiva dello sviluppo di questo trattamento innovativo, verrà esaminato se la distribuzione dei pellet di olmio può essere modificata anche durante la procedura, sulla base di immagini MRI. “Questa è la domanda a cui risponderemo in uno studio di follow-up”, afferma Nijsen. “Se abbiamo successo, possiamo adattare meglio l’embolia radiofonica a ogni singolo caso del paziente. È qui che vogliamo andare”.