QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scheda tascabile per una diagnosi più rapida dei pazienti svenuti nel pronto soccorso

Scheda tascabile per una diagnosi più rapida dei pazienti svenuti nel pronto soccorso

Una tessera tascabile contenente domande di screening e un diagramma di flusso per i pazienti del pronto soccorso che hanno perso i sensi fornisce la diagnosi più spesso e più velocemente. Ciò è risultato evidente dalla ricerca condotta in cinque ospedali coinvolti nello sviluppo di questo nuovo metodo di svenimento. L’uso della carta rassicura i pazienti più rapidamente e può far risparmiare milioni di costi ogni anno, afferma il neurologo e capo della ricerca Dr. Roland Theis (LUMC).

Lo svenimento è comune. “Forse un terzo o la metà della popolazione ha avuto un incidente stradale”, afferma Thijs. “È in gran parte innocuo e comporta una sincope o una sincope vasovagale. Ma a volte la sincope è l’espressione di un disturbo del ritmo, che potrebbe uccidere qualcuno la prossima volta. Oppure potrebbe essere l’epilessia.

Disturbi

Molte persone non chiamano immediatamente un medico a causa di un attacco. Ma ci sono anche persone che si rivolgono al pronto soccorso per questo: lì rappresentano dall’1 al 2% di tutte le visite. “Quindi queste visite di emergenza non riguardano svenimenti ‘normali’. Poi ci sono disturbi tra i propri cari, ad esempio, perché sembrava che ci fosse paura o che qualcuno stesse morendo”, spiega Thejes. “Può essere una decisione difficile, soprattutto in caso di attacchi di ansia, soprattutto nelle persone anziane. “Questo dilemma si verifica ogni giorno in ogni pronto soccorso dei Paesi Bassi”.

“Ciò che rende tutto più difficile è che spesso non esistono accordi precisi su quale specialità sia responsabile della sincope”, afferma. “La mancanza di controllo spesso porta a molteplici consultazioni, ad esempio a un cardiologo e a un neurologo. Il cardiologo vorrà principalmente sapere se il paziente non ha un disturbo del ritmo cardiaco e il neurologo controllerà se ha l’epilessia.

READ  Ecco perché un pezzetto di cioccolato ogni tanto fa tanto bene

Tutte le stazioni

Ma se il cardiologo o il neurologo non riscontra alcuna anomalia, la causa rimane sconosciuta e il paziente inizia un percorso presso vari altri specialisti. “Con questi pazienti spesso si fa di tutto per non perdere nulla”, Theis lo sa per esperienza. “Ma di solito questo non porta a nulla. Anche se questo è un sollievo per il paziente, è allo stesso tempo insoddisfacente. Perché allora rimane la domanda: che cos’è? Inoltre, è uno spreco della ricerca che è stata fatta, con i relativi costi.

Per fare qualcosa è stata ideata una soluzione relativamente semplice: una tessera tascabile contenente alcune semplici domande di screening sulle caratteristiche cliniche, il momento della scomparsa e le circostanze. In base a ciò lo specialista del pronto soccorso può valutare la gravità di qualcosa di grave che si verifica oppure no. Il piano passo dopo passo si traduce in un colore del semaforo e in un diagramma di flusso. Se il colore è verde, c’è una piccola possibilità che qualcosa non va e il paziente può tornare a casa con un consiglio. Il rosso richiede ulteriori azioni, ad esempio l’accettazione. Con l’arancione il paziente viene indirizzato a cure appositamente create Consultazione per svenimento.

“Una pocket card non può risolvere tutto”, afferma Theis. “È necessaria più esperienza in situazioni più difficili. Noi la offriamo attraverso la clinica per la sincope, con esperti nel trattamento di aritmie, pressione sanguigna, epilessia e fattori psicologici. Possono fare diagnosi mirate. A proposito, la stragrande maggioranza dei pazienti, compresi Quelli al pronto soccorso hanno problemi di pressione sanguigna.

Cerca in cinque ospedali

Il nuovo approccio è stato sviluppato e ricercato all’interno del consorzio SYNERGY che comprende cinque ospedali: Diakonisenhuis (regione di Utrecht), Maastad Hospital (Rotterdam), Gelry Hospitals (Apeldoorn/Zutphen), Regenstadt (Arnhem) e LUMC. Ricerca Lei era sSui dipartimenti di emergenza Un totale di 521 pazienti sono stati seguiti per un anno. Tutte le diagnosi sono state esaminate e tutti i costi sanitari sono stati calcolati.

READ  Il cioccolato ti fa venire i brufoli? spiega il dermatologo

Il nuovo metodo di lavoro si basa sull’approccio di: IL Società Europea di Cardiologia (Uscita). Lo studio ha confrontato due gruppi di pazienti con sincope: un gruppo pre-intervento (marzo 2017 – febbraio 2019; n = 275) e un gruppo post-intervento (ottobre 2017 – settembre 2019; n = 246).1 L’intervento consisteva nell’implementazione simultanea delle linee guida ESC sulla sincope con un rapido rinvio alla seduta di consultazione sulla sincope, se necessario. Lo studio ha confrontato l’accuratezza diagnostica, nonché i costi. La diagnosi sembrava essere più accurata nel gruppo di intervento che in quello delle cure standard (86% contro 69%) e sono state fatte più diagnosi (89% contro 76%). Sembra che i costi siano diminuiti in media di 908 euro per paziente, a causa della diminuzione del numero di ricoveri, esami e assenteismo.

Ambiente frenetico

Quindi il nuovo approccio sembra funzionare. Thijs ne è molto felice: “Lo siamo Garantire che la diagnosi venga fatta più spesso e che la sua qualità aumenti. Inoltre, i costi vengono notevolmente ridotti, il che può far risparmiare milioni di euro all’anno. “È molto importante: non tralasciamo nessuna causa seria”.

Si conclude che è possibile ottenere molti profitti applicando questo metodo. Si è reso conto che il pronto soccorso è un ambiente dinamico e frenetico. “Può essere difficile implementare i cambiamenti. Inoltre non state solo allestendo una clinica per svenimenti. Ma forse questo potrebbe essere fatto in collaborazione con altri ospedali della zona. La ‘ricetta’ per questo metodo è ora disponibile. Il successo è stato dimostrato .”

riferimento:

  1. Gharik M, van den Hout WP, Deckers OM, et al; Consorzio Sinergia. Impatto diagnostico e sociale dell’implementazione delle linee guida sulla sincope della Società Europea di Cardiologia (studio SYNERGY). BMC Med. 2023;21:365.

Non escludere, ma includere

Una differenza importante rispetto al metodo finora utilizzato è che la ricerca sulle cause degli svenimenti non consiste più nell’escludere casi gravi. “Lo studio dimostra che la ricerca mirata, o inclusione, funziona molto meglio e più velocemente. Il metodo di esclusione consiste nel non avere abbastanza sensibilità sull’argomento e scegliere il percorso più sicuro. Con l’inclusione della pocket card, effettuiamo una prima classificazione approssimativa dei pazienti e possiamo Dite ad alcuni di loro che non succede nulla di pericoloso e che l’utilizzo delle carte è importante Cambio di gioco” Thijs spiega. “L’approccio consiste nell’informarsi attentamente sull’attacco, chiedere informazioni sulle circostanze, sulle denunce in anticipo e sulla data. Oltre a misurare la pressione sanguigna in posizione sdraiata e in piedi ed eseguire un elettrocardiogramma. Con tutti questi dati è possibile effettuare una buona valutazione del rischio.