QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le vitamine sottovalutate possono solo proteggere dal morbo di Alzheimer

Ciò significa che non sarà sbagliato mangiare più verdure a foglia, come spinaci e broccoli.

Le verdure a foglia sono ricche di una vitamina un po’ sconosciuta: la vitamina K e questa vitamina, come altre vitamine, è molto importante per il tuo corpo. Ad esempio, svolge un ruolo importante nella corretta coagulazione del sangue e nel mantenimento di ossa forti. Ma questa vitamina può avere un’altra importante funzione. Ad esempio, esperimenti sui topi hanno mostrato con cautela un legame tra la vitamina K e il morbo di Alzheimer.

malattia mentale
La demenza è attualmente la settima causa di morte nel mondo. Tuttavia, ci sono buone probabilità che la malattia salga quella scala. L’aspettativa è quella Il numero di persone affette da demenza aumenterà in modo esponenziale† Il numero dei casi potrebbe triplicare entro il 2050 (vedi riquadro). Pertanto, gli scienziati sono alla ricerca di soluzioni. Tuttavia, questo non è ancora così semplice. Sebbene il morbo di Alzheimer sia una malattia comune, i ricercatori ancora non capiscono esattamente come si sviluppa. Tuttavia, alcuni studi hanno dimostrato che esiste un legame tra carenza di vitamina K e morbo di Alzheimer e demenza. E in un nuovo studio, i ricercatori stanno ora basandosi su questo.

Fatti sulla malattia di Alzheimer
La malattia di Alzheimer è chiamata demenza. Ma non tutte le persone con demenza hanno anche il morbo di Alzheimer. Tuttavia, di tutte le malattie che portano alla demenza, la malattia di Alzheimer è la più comune (circa il 70%) seguita dalla demenza vascolare (16%). Nei Paesi Bassi, più di 280.000 persone soffrono di demenza. Inoltre, più invecchi, maggiori sono le tue possibilità di sviluppare questa malattia. Più del 40% delle persone di età superiore ai 90 anni soffre di demenza. E poiché in futuro invecchieremo tutti, ciò significa che il numero di persone con la malattia esploderà in futuro. Ad esempio, i ricercatori prevedono che il numero di olandesi affetti da demenza salirà a oltre mezzo milione entro il 2040. Entro il 2050 salirà ad almeno 620.000.

I ricercatori hanno condotto esperimenti sui topi. Attraverso vari test, hanno valutato le prestazioni cognitive di ratti di tre mesi. L’età in cui hanno raggiunto la maggiore età. Un gruppo ha ricevuto vitamina K per diciassette mesi, mentre l’altro gruppo no.I ricercatori hanno scoperto che i topi trattati con vitamina K supplementare hanno ottenuto risultati migliori in tutti i test: avevano meno deterioramento cognitivo e migliore memoria spaziale e capacità di apprendimento.

READ  Anche quelli senza malattia polmonare da Covid fanno male dopo l'infezione.

Vitamina K
Secondo il team, questi risultati significano che è molto probabile che la vitamina K protegga dal declino cognitivo associato all’invecchiamento e associato al morbo di Alzheimer e ad altre forme di demenza. Il ricercatore Mohamed El-Sherbiny ha affermato che “l’invecchiamento è legato al deterioramento di alcune funzioni del cervello”. Scienziati. nl† Ma la vitamina K sembra proteggere il cervello da questo. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la vitamina K svolge un ruolo importante nel cervello regolando la sintesi e il metabolismo dei cosiddetti “sfingolipidi”. Sono coinvolti in molti processi neurali e quindi svolgono un ruolo importante nella funzione cognitiva”.

ortaggi a foglia
Sono risultati promettenti. Perché è possibile che assumere abbastanza vitamina K possa ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Come accennato, la vitamina K si trova nelle verdure a foglia verde, come cavoli, spinaci e broccoli, ma anche nella carne, nel formaggio e nelle uova, ad esempio. E non devi nemmeno mangiare molto di questo. Se ti attieni alla quantità giornaliera consigliata, sei già nel posto giusto. La quantità raccomandata di vitamina K varia in base all’età, ma per gli adulti di età superiore ai 18 anni sono sufficienti 70 microgrammi al giorno. “Quindi un’adeguata assunzione di frutta e verdura è sufficiente per mantenere sani livelli di vitamina K”, afferma El-Sherbiny. “Tuttavia, se non hai accesso a questo, ci sono anche integratori di vitamina K disponibili nei negozi”.

molto importante
Lo studio ha dimostrato che il cibo che mangi ha un impatto significativo sulla salute del cervello. La vitamina K può aiutare a mantenere vivo il cervello. Tuttavia, la squadra per ora sta ancora resistendo. Ad esempio, avvertono che sono necessari ulteriori studi per determinare se i nuovi risultati si traducono dai ratti all’uomo.

READ  Più di tremila persone sono morte dalla città del Brabante a causa di Corona dall'inizio dell'epidemia

Pertanto, ulteriori ricerche sono già nel prossimo futuro. Tuttavia, i risultati sono promettenti. Soprattutto perché al momento non esiste una cura efficace per il morbo di Alzheimer. Quindi, se si trovano modi per rallentare almeno questa malattia debilitante, è promettente. “Almeno dimostriamo che dovremmo concentrarci maggiormente sull’assunzione di vitamina K negli anziani”, ha detto El-Sherbiny. “La vitamina K può essere un metodo promettente per il trattamento dei disturbi legati all’età e il mantenimento di una sana funzione cognitiva negli individui che invecchiano”.