QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia vuole tassare il 26% sui profitti delle criptovalute

Bitcoin (BTC) e altri Criptovalute Le valute digitali vivono indipendentemente accanto al sistema finanziario tradizionale. Non esiste un’unica entità che abbia un’autorità assoluta e nella rete decentralizzata della criptovaluta non devi fidarti di nessuno. Poiché le criptovalute sono indipendenti dal sistema finanziario tradizionale, molte persone possono ancora utilizzare i loro Bitcoin o ethereum (ETH) non deve essere dichiarato alle autorità fiscali.

Ogni paese ha regole diverse per quanto riguarda la tassazione delle criptovalute. In Olanda Ad esempio, questo rientra nella voce del patrimonio e paghi le tasse solo se il tuo patrimonio supera i 50.650 euro. Dopodiché paghi effettivamente una tassa dello 0,589% sui primi 50.000€. Paghi l’1,395% sui successivi 900.000 € e oltre, paghi l’1,7639% di tasse su ogni euro in più.

Criptotassa Italia

Il bilancio 2023 dell’Italia afferma che il paese prevede di estendere una tassa del 26% sulle plusvalenze alle criptovalute per guadagni superiori a $ 2.000. Al momento, le criptovalute sono considerate valute estere dal fisco italiano, il che significa che la tassazione è bassa.

Se il disegno di legge diventa legge, i contribuenti avranno la possibilità di dichiarare il valore delle loro risorse digitali il 1° gennaio e pagare una tassa del 14%. Ha lo scopo di incoraggiare gli italiani a dichiarare i propri beni digitali nella dichiarazione dei redditi.

In questo modo, il paese segue il Portogallo, che è sempre stato in pratica Un paradiso fiscale per le criptovalute. Maggio di quest’anno A due partiti di minoranza sono state respinte le loro fatture sulle criptovalute. Tuttavia, il paese ha annunciato a ottobre nel bilancio statale per il 2023 che intende imporre un’imposta sulle plusvalenze del 28% sui profitti derivanti dalle criptovalute.

READ  I tassi di interesse italiani stanno impazzendo, con la BCE che convoca una riunione di emergenza

Investitori crittografici italiani

Secondo i dati di Tripla A L’Italia ha circa 1,33 milioni di persone, pari all’1,26% della popolazione totale che detiene valute digitali. A luglio 2022, circa il 57% di tutti gli investitori in criptovalute sono uomini e il 43% sono donne. La maggior parte degli investitori ha un’età compresa tra 28 e 38 anni. Infine, circa il 60% di tutti gli investitori crypto in Italia ha una laurea.