QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’OMS si oppone al terzo vaccino “richiamo” mentre altri aspettano la prima dose: “Disuguale e gravemente ingiusto” | all’estero

La scorsa settimana, dopo dieci settimane di calo, è tornato a salire il numero dei decessi per gli effetti del Covid-19. Lo ha annunciato l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in una conferenza stampa. “L’epidemia non è ancora finita, è come una squadra di vigili del fuoco che combatte un incendio boschivo”, ha detto il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus.




L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che la variante delta si sta attualmente diffondendo a un ritmo rapido ed è probabile che diventi rapidamente la forma dominante. Anche i paesi con un alto tasso di vaccinazione non sono immuni. “I non vaccinati e i vulnerabili sono particolarmente colpiti, aumentando la pressione sui sistemi sanitari”, ha affermato Ghebreyesus, sottolineando che gli stati dovrebbero “pensare attentamente all’impatto sugli ospedali quando si allentano le misure”.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, la situazione è “particolarmente negativa” nei paesi con una copertura vaccinale bassa. “Stiamo assistendo a conseguenze disastrose che si traducono in un alto tasso di ricoveri e decessi”, continua Ghebreyesus. “Soprattutto nei paesi a basso reddito, gli operatori sanitari oberati di lavoro affrontano carenze di attrezzature, ossigeno e trattamenti”.


citazione

Il divario globale nella fornitura di vaccini contro il coronavirus è enormemente disuguale e ingiusto. Alcuni paesi e regioni richiedono già milioni di dosi di richiamo prima che altri possano vaccinare gli operatori sanitari e i più vulnerabili.

Tedros Ghebreyesus, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

vaccinazione

Il rapporto continua: Il mondo deve combattere insieme per porre fine all'”inferno Covid-19″. Lo strumento per farlo: la vaccinazione, ma quei vaccini devono essere distribuiti dopo. “L’epidemia non è ancora finita. È come un vigili del fuoco che combatte un incendio boschivo. Alcune fiamme possono essere spente, ma le fiamme stanno ancora bruciando e alla fine le scintille torneranno a diventare un incendio furioso”.

Quindi Ghebreyesus non pensa che sia possibile che ci siano paesi che richiedono effettivamente milioni di “dosi di richiamo”, una dose extra dopo una vaccinazione completa. Il divario globale nella fornitura di vaccini contro il coronavirus è enormemente disuguale e ingiusto. Alcuni paesi e regioni stanno già ordinando milioni di dosi di richiamo prima che altri paesi ottengano forniture per vaccinare gli operatori sanitari e i più vulnerabili “, ha affermato Ghebreyesus. Chi manderebbe i vigili del fuoco in fiamme non protette? La priorità dovrebbe ora essere per le persone che non hanno un sparato ancora”.


citazione

Le aziende farmaceutiche devono pubblicare le proprie licenze, know-how e tecnologie.

Tedros Ghebreyesus, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità si è rivolto, tra l’altro, ai produttori di vaccini Pfizer e Moderna, che hanno già annunciato di voler fornire vaccini di richiamo ai paesi con un alto tasso di vaccinazione. Chiede loro di rivolgere invece la loro attenzione a COVAX, un’iniziativa per fornire vaccini nei paesi in via di sviluppo. “Ci sono già decine di milioni di donazioni ai vaccini, ma ne servono di più. Ecco perché le aziende farmaceutiche devono pubblicare le loro licenze, conoscenze e tecnologie”, conclude Ghebreyesus.

È meglio non combinare più vaccini

Inoltre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità sconsiglia di combinare i vaccini Corona di molti produttori, poiché sono disponibili poche informazioni sul loro effetto sulla salute. “È una tendenza un po’ pericolosa. Siamo in una regione in cui mancano dati e prove in termini di inclusione”, ha detto il capo scienziato Somya Swaminathan durante un briefing online oggi.

Grandi festeggiamenti per il Campionato Europeo

Inoltre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha indicato che le immagini di folle di tifosi durante la finale dei Campionati Europei di calcio ostacolano la lotta contro la pandemia di Corona. Un’ampia percentuale di persone in Europa è già stata vaccinata contro il COVID-19, ma centinaia di milioni di persone in altre regioni non hanno ancora ricevuto il vaccino. “Le persone possono vedere il trambusto del Campionato Europeo e pensare ‘L’Europa si sta divertendo molto'”, ha detto il coordinatore dell’emergenza dell’OMS Mike Ryan.

Secondo Ryan, queste immagini rendono difficile per le persone nei paesi con accesso limitato al vaccino rispettare le misure. “La verità è che la maggior parte del mondo non è ancora tornata alla normalità. È importante restare uniti”.

Pfizer / BioNTech e Moderna: il terzo vaccino “richiamo” rende il vaccino 10 volte più efficace

READ  L'uccisione di un dipendente in una stazione di polizia a Rambouillet