QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

lunga giornata?  In questo modo potrai schiarirti le idee

lunga giornata? In questo modo potrai schiarirti le idee

Come ti schiarisci le idee?

Dopo una giornata lunga e faticosa, finalmente sono tornata a casa. Magari porti qualcosa da mangiare sul posto e mangialo al tavolo della cucina o sul divano. Vuoi riposarti un po’, ma non puoi. Tutto ciò che accade in ufficio/in azienda tutto il giorno tormenta ancora la tua mente. Quindi puoi dimenticare una piacevole serata sul divano, ma non è necessario.

Quello che puoi fare è meditare. E sì… molti di voi potrebbero già arrendersi perché “la meditazione è stupida”, ma provatela prima. Se mediti correttamente, può avere un enorme impatto sulla tua salute mentale.

Come puoi iniziare a meditare?

Hai oltrepassato il limite e vuoi liberare la mente attraverso la meditazione? Allora abbiamo alcuni suggerimenti che possono aiutarti. Ad esempio, è utile rendere la meditazione un’abitudine. Dovresti vedere la meditazione tanto quanto fare esercizio o lavarti i denti. Dovresti provare a pianificare la tua giornata in modo da non poter dire subito: “Oggi la salterò”. Non deve essere una sessione di meditazione di due ore, dieci minuti al giorno possono davvero fare la differenza.

Prenditi davvero questi 10 minuti di tempo. Le persone tendono ad affrettarsi a fare il loro “dovrebbero”. La meditazione riguarda la ricerca della pace, quindi prenditi il ​​tuo tempo.

La meditazione ha un grande impatto sulla tua vita. Devi anche assicurarti di guardare le situazioni in modo diverso. L’esperta di consapevolezza Dina Kaplan spiega: Crea anche una pausa tra ciò che ti accade durante il giorno e il modo in cui scegli di reagire. È così che inizi a essere consapevole, sia al lavoro che nella tua vita, e tutti intorno a te se ne accorgono.

La meditazione non è l’unico modo per liberare la mente. Allora leggi i nostri consigli contro lo stress.

READ  Vaccini meno efficaci? L'aumento degli infortuni non racconta tutta la storia