QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Migliaia di manifestanti sostengono l’Ucraina: “Vinceremo” | Bruxelles

BruxellesDavanti ai locali del Rappresentante permanente della Russia presso l’Unione europea, circa 3.000 persone hanno condannato sabato l’attacco russo all’Ucraina. Non sono comparsi solo gli ucraini, ma anche molti belgi e persone provenienti dai paesi dell’Europa orientale. Si sono incontrati al crocevia europeo nel centro di Bruxelles Diverse centinaia di manifestanti per la pace Chiedere un’immediata deposizione delle armi “per il bene dei popoli ucraino e russo”.

Circa 3.000 persone si sono radunate davanti al Rappresentante Permanente della Russia presso l’Unione Europea nei pressi dell’Art Act. I manifestanti sono diventati giallo-blu con le frecce puntate principalmente contro il presidente russo Putin.

I partecipanti hanno espresso la loro solidarietà al popolo ucraino e hanno denunciato il raid, soprattutto quando le forze russe hanno iniziato il loro tentativo di impadronirsi della capitale ucraina, Kiev, e rovesciare il governo. I manifestanti chiedono sostegno militare all’esercito ucraino e pesanti sanzioni contro il presidente russo Putin.

Titiana (32) e Evan (40)

Tatiana (all’estrema sinistra con i suoi figli) e Ivan (all’estrema destra) sono amici che si sono trasferiti dall’Ucraina nel nostro paese. Vivono nel nostro paese da circa tre o quattro anni. © Marco Burt

“I miei parenti vivono in diverse città ucraine”, dice Titiana. “Ogni ora controllo come stanno. Ho paura per le loro vite. I miei parenti hanno deciso di rimanere a casa e non volevano andarsene. Fortunatamente, i nostri soldati difendono bene Kiev. “

Ivan mostra un video di un attentato dinamitardo vicino alla casa di sua madre, a circa 40 chilometri dalla capitale, Kiev. “La situazione è incredibile. È orribile e temo che potrebbe essere l’inizio di un conflitto globale. Questo è più della semplice Ucraina. Sento che l’Occidente mi ha abbandonato. †

Yuri (45) e la sua famiglia

Yuri lavora come avvocato e vive nel nostro Paese da circa vent'anni.

Yuri lavora come avvocato e vive nel nostro Paese da circa vent’anni. © Marco Burt

Yuri ha detto: “La mia famiglia ora è a Kiev. Sono in costante contatto con tutti i miei parenti. Stiamo tutti vivendo insieme questa tragedia. Hanno tanta paura, hanno già sentito diverse esplosioni nel loro quartiere e molti amici si sono ripresi armi. Nessuno se lo aspettava – almeno non così. “Le dimensioni. Il bombardamento della capitale e dei carri armati russi nelle strade dei nostri villaggi così rapidamente … abbiamo sottovalutato la Russia. “

L’ucraino elogia il presidente Volodymyr Zelensky. Non ne ero un fan, ma ora sostengo pienamente il nostro presidente. Sta gestendo questa guerra come meglio può. Ad esempio, è positivo che lavori all’unisono con l’ex presidente Poroshenko. E non sopportano il disaccordo politico, perché la risposta dell’Occidente non è sufficiente e soprattutto non puntuale”. Secondo Yuri, il suo Paese ha urgente bisogno di più armi e equipaggiamento militare.

“Ma vinceremo. Ne sono sicuro. E speriamo che il regime di Putin cada”.

I georgiani Levan (33) e Khatuna e Georgia

Khatuna, Lifan e Georgi;  Georgiani che vivono ad Anversa.

Khatuna, Lifan e Georgi; Georgiani che vivono ad Anversa. © Marco Burt

Alla manifestazione sono state esposte non solo bandiere ucraine, ma anche bandiere georgiane, ad esempio. Il vicino della Russia è stato attaccato dalle forze russe nel 2008. “Gli ucraini sono nostri fratelli e sorelle. Veniamo qui per sostenerli e condannare Putin”.

Sembra “quello che sta succedendo ora è una copia del 2008”. La gente sta scendendo in piazza anche in Georgia e si teme una possibile nuova invasione russa. E non trovo sorprendente che Putin abbia attaccato l’Ucraina su così vasta scala. “A quel tempo la Georgia ha avvertito tutta l’Europa e in particolare l’Ucraina. Sapevo che sarebbero stati i prossimi. L’Occidente ha risposto troppo tardi e con troppa leggerezza”.

Ena (27)

Ina vive a Bruxelles da quattro anni ormai.

Ina vive a Bruxelles da quattro anni ormai. © Marco Burt

Quando chiediamo come si sente Inna, c’è un momento di silenzio. Pesa le sue parole.

“Triste. Arrabbiato. Lenitivo. Sotto shock. E triste.”

I suoi genitori, parenti e amici vivono a Kiev, ma sono fuggiti nell’Ucraina occidentale, non lontano dal confine polacco. “Ma non è sicuro da nessuna parte. Eppure sono più ottimisti di me. Cercano di mantenere la calma”.

Come molti altri ucraini, Inna vedeva arrivare l’attacco, ma non si aspettava che la guerra prendesse tali dimensioni. In effetti, un attacco come questo va avanti da otto anni, ma non su questa scala. Tutti speravano fosse una bufala. Dopo di ciò, speravamo che si sarebbe mantenuto su posizioni militari strategiche. Bene, oggi un condominio a Kiev, dove vado spesso a trovare amici, è stato preso di mira. Ecco quanto è aggressivo questo attacco”.

“Sono molto deluso dai Paesi occidentali che non vogliono assecondare la chiusura del sistema di pagamento veloce Quanto alla Russia, “Capisco che questa sia una punizione di vasta portata, ma prima o poi l’Europa dovrà pagarne il prezzo in un modo o nell’altro. Attraverso i prezzi elevati del gas e/o dei rifugiati”.

Inna conclude: “Capisco anche che Zelensky si senta abbandonato, ma riceviamo molto sostegno dall’Occidente. Ci sono solo misure insufficienti a lui associate. Spero che la protesta russa contro questa guerra si intensifichi. Conosco molti russi che sono molto vergognoso”.

Gli ucraini a Bruxelles tengono duro ora che l’invasione russa è realtà: “Sono preoccupato. Questo è solo l’inizio”.

Gli ucraini si riuniscono al quartier generale della Nato: la risposta dell’Occidente non basta

Marco Burt

© Marco Burt

Marco Burt

© Marco Burt

Marco Burt

© Marco Burt

Marco Burt

© Marco Burt

Marco Burt

© Marco Burt

Marco Burt

© Marco Burt

Marco Burt

© Marco Burt

READ  Un ponte è crollato in Messico durante un passaggio della metropolitana: già almeno 15 g ...