QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Minaccia di fucilazione Biden ha denunciato la “corruzione” e l'”abuso di potere” del presidente.  al di fuori

Minaccia di fucilazione Biden ha denunciato la “corruzione” e l'”abuso di potere” del presidente. al di fuori

Craig DiLeo Robertson, ucciso mercoledì dalla polizia nello Utah dopo aver ripetutamente minacciato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha affermato che il suo governo è “corrotto” e ha abusato del suo potere. La famiglia lo ha annunciato giovedì, ha scritto l’agenzia di stampa statunitense The Associated Press (AP).

Secondo la sua famiglia, Robertson, un veterano dell’aeronautica di 74 anni, era un devoto frequentatore della chiesa e un avido utilizzatore di armi da fuoco. Tuttavia, si dice che sia “stordito” da quello che vedeva come un governo “corrotto e controllato”. Si dice che Robertson abbia ripetutamente minacciato Biden e altri funzionari della sua amministrazione e abbia detto mercoledì prima della visita del presidente nel suo stato d’origine che avrebbe rispolverato un fucile da cecchino.

Le autorità federali e locali erano già a conoscenza delle minacce e avevano tre conteggi pronti per il veterano. I tentativi di consegnarglielo nella sua casa di Provo, una cittadina a sud della capitale dello stato Salt Lake City, si sono conclusi con una sparatoria che ha ucciso Robertson.



Maga Trumper

Secondo l’Associated Press, la famiglia di Robertson lo ha definito un “Maja Trumper”, un ardente sostenitore dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha perso le elezioni del 2020 contro Biden. Il veterano soffriva di problemi di salute e problemi di mobilità, ma era molto attivo sui social media. Ha quindi lanciato regolarmente minacce contro Biden, l’FBI e i funzionari coinvolti nel processo di impeachment di Trump.

READ  L'Europa sfida la Polonia con sanzioni finanziarie

Trump dovrà difendersi da varie accuse in diverse cause legali nel prossimo periodo. Giovedì, un consigliere speciale a Washington, DC, ha annunciato il suo desiderio di vedere Trump in tribunale il 2 gennaio del prossimo anno per il suo tentativo di influenzare l’esito delle elezioni del 2020.

Aspetto. Trump: Biden mi impedisce di fare campagna elettorale

Sebbene la sua famiglia insista sul fatto che Robertson non darà seguito a quelle minacce, il suo vicino John Michael Osola la pensa diversamente. “Ho capito che aveva delle armi e ha detto che le avrebbe usate”, ha detto Osola all’Associated Press. “Quindi c’erano sicuramente preoccupazioni.”

Osola ha visto la sparatoria a Provo da lontano e ha detto all’AP di aver prima sentito la polizia e Robertson che si chiamavano, poi una finestra è andata in frantumi ed è scoppiata una “cacofonia di esplosioni”. “Si è scoperto allora che era morto”, ha detto.