QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Mondiali Mancini, cronaca di calcio e grandi storie perché l’Italia è perfetta

Dopo che Vilnius Mar ha abbinato un logo di Marcello Lippi, il tecnico italiano Roberto Mancini non vede l’ora di essere alla pari con un altro: ha vinto la Coppa del Mondo.

Con una vittoria per 2-0 nel Gruppo C in Lituania mercoledì, gli uomini di Mancini hanno mantenuto un inizio perfetto nella loro campagna di qualificazione alla Coppa del Mondo, rimanendo imbattuti per 25 partite consecutive alla pari con il Ct Lippi, vincitore della Coppa del Mondo 2006.

“Sono contento di aver superato la squadra, il che è bello, ma i record sono problemi assoluti rispetto ai risultati effettivi”, ha detto Mancini, che è cinque volte inferiore al record del due volte vincitore della Coppa del Mondo Vittorio Poso. “Spero di eguagliare Libby ai Mondiali, forse a dicembre 2022”.

Quattro volte campioni del mondo hanno perso la Coppa del Mondo 2018, ma hanno ottenuto tre vittorie su tre qualificazioni dopo aver battuto l’Irlanda del Nord e la Bulgaria, entrambe con un vantaggio per 2-0.

Mancini ha mostrato in profondità la forza di Assouri, invitando 38 giocatori per tre.

Il centrocampista dell’Inter Stefano Sensei, che non ha affrontato l’Irlanda del Nord, ha rotto con il capitano Ciro Immobile in alternativa contro la Bulgaria, aggiungendo un secondo dal dischetto.

Nel Gruppo D, la Francia campione del mondo ha battuto la Bosnia 1-0 per aprire un vantaggio di quattro punti sull’Ucraina.

La Spagna era in vantaggio di sette punti in tre partite dopo una vittoria per 3-1 sul Kosovo, ha subito un gol al 70 ‘quando il portiere Unai Simon ha mancato la palla fuori dal suo box e Besar Halimi ha rimbalzato senza pietà e ha segnato dalla distanza.

READ  Il ministro italiano incontra il nuovo governo libico di Tripoli Notizie dal mondo

Tuttavia, la Spagna era già sul 2-0 dopo i gol di Danny Olmo e Ferran Torres, che erano fuori dubbio quando Gerard Moreno è arrivato terzo.

Questa è la superiorità della Spagna e l’allenatore Luis Enrique non si è lasciato prendere dal panico quando è stato sorpreso in un ascensore prima della partita.

Enrique e molti dei suoi assistenti sono rimasti intrappolati in un ascensore nell’hotel della squadra per un’ora prima di essere soccorsi. Pochi minuti dopo l’inizio della partita, sono arrivati ​​allo stadio La Cartouza di Siviglia, viaggiando in auto mentre l’autobus della squadra che trasportava i giocatori partiva.

“Avevamo un piano e invece il mio staff sarebbe stato responsabile della partita. Non avrebbe fatto una grande differenza se non l’avessi fatto”, ha detto Enrique.

France-Press Agency, REUTERS