QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Morbo di Parkinson: guida di Martin Bloom

Capitoli da 1 a 4: Suggerimenti e trucchi

In Tips and Tricks cerco di elencare le cose da fare e da non fare in base agli ultimi quattro capitoli.

Capitolo 1: Manuale d’uso Manuale d’uso

Il morbo di Parkinson è principalmente associato a disturbi fisici. Tuttavia, l’aspetto mentale non è meno importante. E quindi:

1- Rimani aperto a nuove esperienze di vita. Non lo intendo filosoficamente, ma concretamente. Se non sei più in travaglio, diventerai presto isolato. Puoi “uscire” in pochi posti ogni giorno. Per me, la biblioteca è uno dei pochi posti in cui mi sento come se fossi sulla buona strada. E dopo l’allenamento in clinica, chiacchierare davanti a una tazza di caffè non è perdere tempo a spettegolare, ma esercitare le tue capacità comunicative come persona.

2 – Non perdere il contatto con gli altri. All’inizio, un’affermazione del genere può sembrare un po’ esagerata, ma se ci pensi per un momento, ha senso perdere le tracce delle persone. Se sei giù: le persone che chiami per chattare il lunedì alle 10 sono al lavoro. Non capiscono cosa stai facendo perché non puoi spiegarglielo. Solo dieci anni dopo aver avuto il morbo di Parkinson mi sono iscritto al servizio di Parkinson locale. Per molto tempo puoi sostenere che stai bene, ma a un certo punto hai solo bisogno di altre persone.

3 – Non perdere la tua capacità di mettere le cose in chiaro e il tuo senso dell’umorismo. Quello che devi ricordare ogni tanto è che ci sono molte persone là fuori che sono in cattive condizioni o molto peggio. Non deve essere affatto una malattia. Pensa alle persone che hanno perso una persona cara in un incidente stradale o alle persone in situazioni di guerra. Non ti sto chiedendo di mettere sulle tue spalle i fardelli del mondo, ma di lasciare le tue preoccupazioni di tanto in tanto e vedere cosa hai.

READ  La vaccinazione corona è offerta ai bambini piccoli a maggior rischio medico

Capitolo due: Diagnosi

Come si determina se si ha il morbo di Parkinson?

1 – Attenzione alla stanchezza prolungata. Prestare attenzione ai reclami su un lato del corpo, come il braccio o la gamba che non collaborano. Sono caratteristici i tremori o il tremore di alcune parti del corpo. Meno noti sono la rigidità e/o l’inerzia o l’eccessivo movimento del corpo. Anche parlare a bassa voce o biascicare può essere una caratteristica.

2 – Vai dal tuo medico. A volte i medici di base sono formati in modo molto approfondito per riconoscere tali disturbi specifici come caratteristiche del morbo di Parkinson. D’altra parte, un neurologo conosce una serie di semplici test con cui può stabilire che potrebbe essere affetto dal morbo di Parkinson.

3- Richiedere un rinvio a un neurologo. Il riferimento a un neurologo sarà sempre effettuato in consultazione con il tuo medico di famiglia.

Capitolo tre: Al mulino

1 – Se possibile, avere sempre con te qualcuno con una mente organizzata che prenda appunti con i professionisti quando prendi appuntamenti con i professionisti. Non sei obiettivo tu stesso. Non importa quanto pensi di essere sobrio, spesso non ricorderai parti delle conversazioni perché sei emotivo e/o sotto l’influenza di farmaci.

2 – Mantieni il controllo degli accordi. Molti accordi sono presi per te, soprattutto nelle fasi iniziali. Questi appuntamenti possono essere riprogrammati. Hai anche il tuo lavoro e la tua famiglia. Se spieghi come appare la tua settimana lavorativa, le persone che fanno gli affari possono aiutarti.

Capitolo quattro: cereali e privazione

1 – I farmaci possono fare la differenza, sia in positivo che in negativo. È fantastico essere entusiasti dell’effetto di alcuni farmaci. Ma non dovresti mai avere mano libera su cose come il dosaggio. Lavora in stretta collaborazione con il tuo neurologo. Tuttavia, presta attenzione quando dice che sei abbastanza intelligente da giudicare certe cose da solo. Perché, non importa quanto tu sia intelligente, non puoi essere autosufficiente quando hai a che fare con droghe che ti rendono temporaneamente o permanentemente una persona diversa.

READ  Il virus TT potrebbe rendere più sicuri i trapianti di rene

2 – L’esercizio fa bene se si soffre del morbo di Parkinson. Anche nuove sfide. Ma, soprattutto se stai assumendo farmaci pesanti: sii consapevole di tutte le cose che fai “anche”. Quella piccola parola può farti allontanare a miglia di distanza.

Seguire.