QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Niente soldi, niente giocatori, ma passione

Niente soldi, niente giocatori, ma passione

Il tecnico della nazionale olandese Robert Justus affronterà martedì (14:45) l'Italia, diciassettesima classificata mondiale, ai Campionati Europei di Monchengladbach. contro la nazionale olandese. Non ha illusioni. “Se non fossimo arrivati ​​ultimi in questa competizione, avremmo fatto meglio.”

Justus ha dovuto mettere insieme la sua selezione per il Campionato Europeo quest'estate da un piccolo gruppo di venti giocatori, tra cui due portieri. Non c'è altra opzione. La Società Italiana conta meno di cinquemila iscritti, la maggior parte dei quali sono uomini e ragazzi. Dei diciotto giocatori internazionali selezionati, solo sei sono nati in Italia. Gli altri sono arrivati, argentini con passaporto italiano.

Justus ne ride all'albergo dei soldati a Mönchengladbach, ma in qualche modo la cosa lo frustra. Rispetto ai paesi leader, anche la preparazione all'Europeo ha avuto un'importanza minore. Dall’inizio del 2023 ha messo insieme la sua squadra per 23 giorni. Solo a gennaio la squadra olandese aveva già trascorso dodici giorni insieme in ritiro.

I selezionatori nazionali italiani si sono uniti all'ostello per pranzo. Foto: Willem Verns

Ho pensato: ci deve essere un'azienda olandese che vuole sponsorizzarci. Ma non riesco a trovarne uno. Roberto Giusto

Da maggio a luglio, mesi cruciali per plasmare e lucidare l'Europeo, Justus non ha visto i suoi giocatori per dodici settimane consecutive. Sono seguiti due viaggi di gruppo a Barcellona e Dublino. Entrambi da cinque giorni. L'Italia avrebbe dovuto giocare tre amichevoli contro il Sud Africa a Barcellona, ​​ma è stata annullata all'ultimo minuto perché il Paese non riusciva a ottenere i finanziamenti.

Dopo un'altra pausa – due settimane – l'Italia ha ripreso la preparazione arrivando all'Hotel Monchengladbach quattro giorni prima dell'inizio degli Europei. Alla squadra mancano solo poche partite. Elzemiek Zandee (11 nazionali, 2 gol), escluso all'ultimo minuto dalla squadra olandese, ha giocato più nazionali dell'Italia quest'estate.

READ  Dopo una caduta, van der Boel ha perso una prefinale contro il successore di Cancellara Freudevaux sulla Serenissima Gravel.

'Non siamo sponsorizzati. Quindi ho passato mesi cercando di trovare io stesso uno sponsor. Ho pensato: giochiamo contro l'Olanda, che sarà trasmessa in diretta su NOS. Lo vedono almeno 300.000 persone. Potrebbe esserci un'azienda olandese che vuole sponsorizzarci. Ma non riesco a trovarne uno. Quindi non ci sono soldi. Quindi abbiamo un programma di formazione limitato”, dice Justus della produzione marginale. Sabato, lui e la sua squadra hanno subito un duro colpo nella partita d'esordio contro il Belgio (sconfitta per 6-0). Domenica contro la Spagna i danni sono stati limitati (2-0).

Robert Justus ha battuto le mani frustrato dopo che la Spagna si è portata in vantaggio per 1-0 domenica sera. Foto: Willem Verns

Justus giocava a hockey e viveva in Italia e ama davvero il paese

Sono moltissimi gli allenatori olandesi che vogliono diventare allenatori della nazionale per il proprio curriculum. In realtà, a loro non importa quale paese prenderanno il controllo. Justus – ex allenatore del Pinnock Dams 1 e del Dragons Dams 1, tra gli altri – ritiene naturalmente che essere l'allenatore della nazionale sia un lavoro onorevole. Ma non ha scelto nessun paese. Ama davvero l'Italia.

Dopo la partenza del suo predecessore, la federazione italiana ha iniziato la ricerca di un allenatore “europeo”. Invece che in Italia, d'ora in poi avrebbero voluto allenarsi in Belgio perché alcuni giocatori internazionali avevano già giocato nella competizione belga. All'epoca Justus lavorava come allenatore per i Dragons in Belgio. Inoltre parla italiano. Ha giocato e allenato hockey in Italia dal 2005 al 2008. È così che è entrato in scena e ha firmato il contratto nel marzo 2022. Ridendo: 'L'ho sempre detto: se mai andrò in Italia, sarà come allenatore della Nazionale. Ebbene, l'abbiamo fatto.”

Robert Justus mostra sul suo cellulare un video di soldati italiani che cantano su un autobus. Foto: Willem Verns

Ho vissuto lì per tre anni. Ci vado in vacanza. In questo modo è diventato davvero il mio Paese. Roberto Giusto

Justus ha trascorso una stagione giocando a hockey per il club “Cernusco” fuori Milano. Viveva in un appartamento con il compagno di squadra Oliver Rutgers. Nello stesso anno, Justus smise di giocare a hockey e divenne allenatore nello stesso club. In due stagioni vince con la sua squadra la Coppa Italia e la III Coppa dei Campioni.

READ  L'Europa può tornare in vacanza da metà giugno

Cosa gli piace dell'Italia? La domanda gli illumina gli occhi. «Ho vissuto lì per tre anni. Ci vado in vacanza. In questo modo è diventato davvero il mio Paese. Passione, emozione. Penso che sia meraviglioso. Cibo e bevande. C'è un senso di famiglia. Questo gruppo è molto unito. Davvero fantastico. Si arrendono a vicenda. Ho lavorato spesso con gruppi in cui succedeva sempre qualcosa, ma non ho avuto lamentele con questo gruppo.

Prende il telefono e mostra il video. Queste foto sono state scattate domenica sera. Il pullman della squadra dondola avanti e indietro mentre arriva allo stadio per la partita contro la Spagna. All'interno i suonatori italiani cantano e ballano a tutto ritmo. «Il ragazzo del video scozzese veniva con noi. Non è mai stato su un autobus così rumoroso prima d'ora,' ride Justus.

“Contro l'Olanda non vinceremo, no”

In un certo senso, Justus sta svolgendo una sorta di lavoro di sviluppo in Italia. Ma non è proprio vero. Non ha costruito. Preferisce concentrarsi principalmente sul lungo termine piuttosto che sul breve termine. Quella sfida è già sufficiente.

'Per creare qualcosa di strutturale, bisogna prima cambiare molte cose. Le fondamenta ora sono molto sottili. Calcio, basket e pallavolo sono sport popolari in Italia, non l'hockey. Anche il processo di selezione è molto elevato. Sono contento della nostra Argentina, ma dovremo aspettare e vedere se torneranno in Argentina dopo ogni stagione. In tal caso, non parteciperanno più al nostro programma. Quindi iniziamo a ricostruire ogni anno.'

A causa di due sconfitte, l'Italia è stata condannata a giocare nel girone eliminatorio. “Se non siamo arrivati ​​ultimi, abbiamo fatto bene. Riceviamo molta energia dal momento che abbiamo reso le cose più difficili per la Spagna di quanto pensassero prima. Per noi è positivo giocare contro questo tipo di avversari. Ma contro l'Olanda non vinceremo, no.

READ  6 motivi per cui sciare in Italia non sarà noioso