QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Novità a Firenze: apre il Corridoio Vasariano

I musei di Firenze sono una delle più grandi collezioni d’arte italiana nel tempo, con solo una piccola parte visibile al pubblico. Andiamo in ufficio per rendere omaggio a Bodicelli, e andiamo alla Galleria Academy perché dobbiamo vedere il David di Michelangelo solo una volta nella vita.

Come molti turisti che vengono a Firenze, mi è sembrato di vedere la foto originale Piazza della Signoria Quando sono andato per la prima volta a Firenze. Ero già molto colpito dalla bellissima piazza a forma di L dove si trovano le statue Benvenuti in Cellini, Giampolona, Fonselli e Mucca. L’immagine del re David Originariamente commissionato da due scultori, Agostino de Tucsio e Antonio Rosellino, nel 1464 e nel 1475, molti dei quali non produssero. Nel 1501, Michelangelo Vi dedicò le sue energie e vi lavorò fino al 1504. Ovviamente non è un lavoro facile.

Il rinascimento di Michelangelo inizia con il David a Firenze

Questa statua doveva essere collocata sul piedistallo Diomo Ma viste le sue dimensioni si decise di collocarlo in Piazza della Signoria, intorno alla quale vivevano all’epoca molti fiorentini di spicco. Pioggia, vento e sole non giovano al quadro e tre secoli dopo si decise di esporre il quadro originale nella galleria del Liceo Artistico di Firenze. Galleria dell’Accademia E fai una copia per quadrato. C’è un’altra copia del bronzo in Piazza Michelangelo, ma pochi turisti ne sono a conoscenza. Un esempio di ciò che significa il David Renaissance di Michelangelo è la realtà nei film. La statua diventerà un simbolo della città di Firenze che fiorì nei secoli XV e XVI e resistette ai suoi potenti avversari.

READ  Perché l'Algeria ha vinto la crisi energetica europea

David Guy

Ma devi arrampicarti su di esso Ufficio Torna, il primo regista di origini italiane, Ike Schmidt (Ha sposato un italiano, conta?), e ha fatto un piano per condividere gli altri piccoli e meno importanti musei in Italia con il vasto inventario che aveva nelle cantine. C’erano alcune condizioni: l’oggetto d’arte doveva essere ‘pronto per il viaggio’ e soddisfare le condizioni del sito. Ha scelto principalmente di combinare gli oggetti con i luoghi e riportarli dove erano originariamente. Per inciso, questa idea è ora seguita da altri importanti musei in Italia, mi è stato detto.

Di fronte ai legami sociali tossici del passato, dice il direttore del Museo degli Ufizi di Firenze

Eike Schmidt ha anche riferito il mese scorso di essere un artista di spicco nei media Bernini Dal 17° secolo, dobbiamo essere preparati a non nascondere tutto ciò che i migliori artisti sostengono non sia così amorevole. In un’intervista al Guardian, lo ha anche definito “tossico”: “È più importante ora che i musei svolgano un ruolo nell’affrontare le “relazioni sociali tossiche del passato” facendo luce sui problemi di oggi piuttosto che glorificando i suoi artisti”. Ad esempio, durante la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre), ha citato la famosa statua. Costanza Bonarelli, Realizzato durante il periodo in cui era la sua ragazza Bernini: I suoi capelli sono leggermente strappati, bottoni sciolti su un abito trasparente, un’immagine per uso personale dell’artista. Un anno dopo, per gelosia, ordina a una serva di lavorarle il viso con un coltello. Bernini si libera e la donna scompare dietro le mura di un monastero. Un’immagine di un’epoca molto comune all’epoca.

READ  Zambon: "Fai entrare i giovani in Italia e Austria senza booster"

Statua del Bernini dell'amante a Firenze

Ma ci sono ancora importanti cambiamenti nella politica Ufficio a Firenze, L’ha già fatto tante volte Artisti femminili Nota dei secoli scorsi. Non li conosciamo, quindi pensiamo che non ci siano, ma non può esserci nulla oltre la realtà. Non tutti siedono con i ricami dietro le finestre come ci fanno credere i drammi in costume. Nel XIX e XX secolo divenne di moda ritrarre le donne come fragili o come schiave povere che dovevano mantenere in vita i loro discendenti. Le artiste erano certamente, secondo Schmidt, certamente apprezzate ai loro tempi (prima del XIX secolo). La prossima volta che visiterai gli Uffizi, ti suggerisco di cercare le artiste del passato che sono diventate più importanti da quando Eike Schmidt ha preso il comando.

uffizi

Riaperto nel 2022: Corridoio Vasariano

Infine, un consiglio e forse un motivo in più per visitare Firenze quest’anno, The Corridoio Vasariano, Riaprirà al pubblico. Corridoio Vasariano, iniziato nel 1565 Cosimo D’Medici Costruito durante il suo matrimonio con il figlio Francesco I e Giona d’Austria. Architetto Giorgio Vasari Mancavano solo 5 mesi per completare l’incredibile progetto Palazzo Pitti, Collega la residenza della famiglia Medici Palazzo Vecchio, Il palazzo del governo in cui la famiglia Medici si sposta anonimamente da un edificio all’altro.

Soglia portico

Il corridoio è un percorso chiuso lungo circa un chilometro, che parte dalla parte occidentale dell’Uphysi e sfocia nel fiume. Arno Poi sopra le gioiellerie Ponte Vecchio Per attraversare il fiume. Vasari finisce nel corridoio Giardino Bopoli Dalla fossa del palazzo. La passerella originariamente ospitava più di 1000 dipinti dei secoli XVII e XVIII, con la parte centrale del corridoio sopra Ponte Vecchio che offre una vista unica della città. Con circa 500.000 visitatori all’anno a partire dal 2022, “questa sarà la passeggiata più democraticamente accessibile nel cuore della città di Firenze”, ha affermato il direttore Ike Schmidt.

READ  L'italiano Robinson Crusoe, da molti anni solo sull'isola ...

Bopoli