QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

parere | I problemi di salute mentale appartengono a tutti noi

Il giorno del mio tredicesimo compleanno, mi hanno regalato un kiwi e nient’altro. Quest’ultima è stata la mia più grande apparizione. “Congratulazioni, hai così poco qui.”

Poi è andato rapidamente. Mia madre, un medico di famiglia, ha notato i segni, mi ha messo sulla bilancia in bachelite nel suo studio ogni settimana e mi è venuto a prendere a scuola a mezzogiorno per visitare tutti i tipi di psicologi e dietisti. Ogni settimana diventava sempre più disperata e io mi sentivo più a mio agio, vedevamo il mio peso diminuire. Ho bussato alla porta di uno psichiatra giovanile.

Il disagio e l’insicurezza fanno parte della pubertà, in quel periodo la maggior parte delle persone non sa dove mettere i propri corpi elastici, ma è anche un periodo in cui si sviluppa la debolezza psicologica. “L’età media in cui una persona sviluppa un disturbo mentale va dai 18 ai 19 anni. Gli anni che seguono, dai 15 ai 25, sono gli anni deboli”, afferma in un’intervista Elnathan Prinsen, presidente dell’Associazione psichiatrica olandese. de Volkskrant† Questi adolescenti spesso mantengono la predisposizione alle malattie mentali fino all’età adulta. Diversi studi nazionali e internazionali hanno mostrato, durante la crisi del Corona, un aumento dei problemi psicologici tra i giovani. Dall’inizio della crisi del Corona, il numero di iscrizioni alla clinica alimentare presso il centro psichiatrico di KU Leuven è triplicato, e questo è il caso in diverse località dei Paesi Bassi e del Belgio. la settimana scorsa Il Consiglio della Salute è venuto con un consiglio Informazioni sui disturbi alimentari per il Dipartimento della Salute: è necessario un riconoscimento e un trattamento più rapidi, un approccio nazionale e più ricerca.

READ  Protezione degli animali: l'epidemia annuale di influenza aviaria è intollerabile

sovracompensazione

Durante la crisi del Corona, i giovani hanno avuto molto da perdere, si sono adattati ai pericoli dei più vulnerabili e sembrano essere diventati essi stessi inaspettatamente vulnerabili. Anche se erano stati vulnerabili per molto tempo. Si potrebbe dire che anni di dormienza hanno trasformato la giovinezza verso l’interno. Oltre ai loro genitori, fratelli o sorelle, erano anche molto vicini a se stessi. La mancanza di controllo sul mondo esterno li fa sovracompensare internamente, trovando una massa complessa e altrettanto sfuggente. Hanno sviluppato disturbi alimentari, umore e ansia. È importante che questo sia affrontato, sia per il futuro dei giovani che per il futuro della società. Le code crescono e non c’è abbastanza aiuto. Per ora, le preoccupazioni per il coronavirus stanno svanendo e la preoccupazione per la salute mentale dei giovani rischia di diminuire. Questo è negativo, perché la crisi del Corona non è l’unica causa di questa quantità di interruzioni.

Leggi anche: L’app che dovrebbe aiutare a prevenire la depressione nei giovani

Nel reparto dei disturbi alimentari ha seguito una terapia familiare multipla. Stavamo dormendo a casa, ma durante il giorno ci siamo incontrati con un gruppo di sei ragazze. Le nostre famiglie venivano a farsi curare il più spesso possibile, per non allargare il divario se volevamo catturare la nostra vecchia vita a casa come un cappotto da un attaccapanni. I nostri genitori sono stati schierati per aiutarci nella nostra guarigione, d’altra parte, hanno ritrovato anche il sostegno degli psicologi del reparto. L’idea era che il recupero fosse una cosa collettiva. La malattia mentale è complessa e ci sono più fattori oltre alla semplice predisposizione di un paziente.

Ogni settimana che abbiamo visto, mia madre diventa sempre più disperata e più soddisfatta, il mio peso sta diminuendo

Non indichiamo la crisi del Corona come unica causa, ma diamo un’occhiata alla complessità dei problemi mentali da tutte le parti. “Crediamo che possiamo ottenere, imparare o acquistare tutto noi stessi se ci impegniamo abbastanza. Allo stesso tempo, è colpa tua se hai problemi e devi risolverli da solo. Questo crea un’enorme pressione che abbiamo creato come una società e trasmetterla ai giovani”. Lo psichiatra conosce Flortier Schippers. La società crea stress che i genitori trasmettono ai loro figli. nel suo articolo Mantieni la distanza, toccami (Sulle cause e le conseguenze di Corona) si dichiara Scrittore e psichiatra Paul Verheij Dedicare più tempo, soprattutto all’educazione e all’educazione dei bambini. “Come genitori, siamo ben poco consapevoli del fatto che trasmettiamo il nostro stress ai bambini. Un padre stressante al mattino lo trasmette a suo figlio, il bambino si prende cura del suo bambino. Ad esempio, alleviamo persone con potenziali malattie sotto il influenza dello stress cronico”.

una piccola differenza

Spesso nella nostra società cerchiamo la semplicità nel complesso e desideriamo ardentemente essere in grado di sottolineare qualcosa e dire: “Ecco perché. Questo è il colpevole”. In questo caso, l’aura è indicata. In questo modo eliminiamo tutte le complicazioni ridondanti. Ahimè, la vita ha un carattere ondulato, anche quando sei giovane.

Quando mi è stato permesso di tornare a scuola, ho dovuto imparare a parlarne. Sfogliando il mio libro di biologia, ho visto che in poche settimane avremmo parlato di anoressia nervosa. Nel corso c’era l’immagine di una ragazza emaciata e la parola “fame”. I brividi lungo la colonna vertebrale ossea. Con un nodo allo stomaco, ho parlato con l’insegnante di biologia, che ha convenuto che avrei parlato di disturbi alimentari durante la lezione e che avremmo differenziato insieme il testo breve e quello interessante nel libro di testo.

Rabbrividii davanti al cartello e raccontai dov’ero stato ultimamente. Sempre più mani sono state alzate in aria. Questo è stato seguito da alcune note sincere, una manciata di lacrime adolescenziali. Qualcuno ha detto di sua madre. Un altro disprezzava l’ideale di bellezza imposto dalla società. «Capitalismo!» gridò Wesley. , che in seguito divenne anarchico e dopo la laurea andò nel mondo con un trattore. Mai più visto.

È importante prendere sul serio i giovani, permettere loro di esprimere le proprie opinioni e dialogare con loro. Che non classifichiamo i loro sentimenti sotto la patologia della pubertà e che non li coccoliamo nemmeno. Puoi farti male uscendo, il percorso a piedi è semplicemente irregolare.

Possiamo dar loro fiducia che le cose si risolveranno e che la vita vale la pena di essere vissuta. Che tutti a volte vogliono buttare tutti i piatti dalla credenza al pavimento, e anche le persone brillanti sui social media sono scettiche. La salute mentale e l’assistenza ai giovani non devono farlo da soli, noi come società, come membri della famiglia, come educatori, come animatori giovanili e come governo possiamo aiutare in questo: il recupero è una cosa collettiva. I problemi di salute mentale fanno parte di tutti noi, non iniziano solo nel giovane, iniziano in tutto ciò che lo circonda. Concentriamoci su di loro – il futuro – ascoltando. Non per riferimento.