QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pochi segnali positivi dalla provincia sudafricana di Omicron: sei volte i ricoveri ospedalieri

I numeri delle infezioni in Sudafrica stanno aumentando a un ritmo senza precedenti, con le autorità sanitarie che venerdì hanno segnalato 16.055 casi di corona, il numero più alto dal picco principale di Corona a luglio. Due settimane fa, sono stati segnalati meno di mille test positivi al giorno.

Soprattutto nella provincia di Gauteng in Sudafrica, dove la variante Omicron è ora prevalente secondo le autorità sanitarie, il nuovo focolaio di coronavirus sta peggiorando di giorno in giorno. Gli epidemiologi del comitato consultivo del premier regionale affermano di aver dovuto adeguare i loro modelli di proiezione: “Non abbiamo mai visto un aumento così rapido prima”.

Secondo gli scienziati, sembra che la variante dell’omikron si stia diffondendo due volte più velocemente nell’Africa meridionale rispetto al delta.

Il tasso di infezione confermato nel Gauteng è più del doppio della media nazionale. Nel tentativo di invertire la rotta, il governo della contea si è impegnato nella vaccinazione. Ad esempio, nelle scuole vengono allestiti siti mobili di vaccinazione.

Gauteng ha ora circa 180 nuovi ricoveri ospedalieri al giorno su una popolazione di 15,5 milioni. E che a metà novembre solo 28 pazienti COVID-19 al giorno sono stati ricoverati in ospedale.

Sempre più paesi stanno monitorando omikron

Il tipo di virus omikron, scoperto la scorsa settimana da ricercatori sudafricani, è stato trovato in 36 paesi. Inoltre, Mozambico, Singapore e Messico hanno segnalato potenziali infezioni da omicroni.

Molti paesi stanno adottando misure drastiche per contenere la diffusione degli oomicron. In Svizzera, ad esempio, 2.000 studenti e personale di una scuola internazionale devono essere messi in quarantena dopo che è stato scoperto che due persone hanno contratto la nuova variante. La Norvegia, dove finora sono stati rilevati cinque casi, ora richiede anche ai viaggiatori vaccinati di sottoporsi a un test corona all’arrivo.

Finora, in Belgio sono state segnalate infezioni di 5 omicron.

READ  Nonostante i guai, Johnson & Johnson continua a vaccinare: un nuovo record la prossima settimana di 607.000 iniezioni nelle Fiandre interne