QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ralph ha investito molti soldi nella sua Opel Manta

Ralph ha investito molti soldi nella sua Opel Manta

“Tutto sta migliorando, tutti invecchiano, ma l'auto rimane la stessa. Questo rende le mie Manta così belle per me. ” Seduto al volante della sua Opel Manta del 1983 color oro, Ralf Meigs (44) si sente un adulto Ha di nuovo 18 anni e questa Manta è stata la sua prima macchina. L'altra Manta, una grigia del 1986, è stata di proprietà di sua madre Tiny per molti anni. Lei continua a osservare regolarmente con stupore come suo figlio ama la vecchia Manta. Roger è il padre di Ralph ( 71 anni) ) è molto più entusiasta di sua moglie e aiuta suo figlio a mantenere la Manta in ottime condizioni. Se i Meij hanno un prezioso cimelio di famiglia, sono queste due vecchie Opel.

Entrambi iniziarono la vita con un 1.8 da 90 CV. Ora hanno tanti cavalli grazie ai motori 2.0 16V e 3.0 24V, che sono potenti motori multivalvole di altre veloci Opel.

Due generazioni infette dal mantavirus

Due generazioni di Meij sono state infettate dal mantavirus, ma la terza generazione ne è già affetta. La figlia di Ralph, Femke (9 anni), pensa che la Manta d'Oro sia bellissima e già dice che le piacerebbe averne una più tardi. Suo fratello Robin (11 anni) si dirige verso la manta grigia. Ralph non spinge i suoi figli e lascia che il tempo faccia il suo lavoro: “Non è un dovere. Sono ancora giovani adesso, e dovranno volerlo loro stessi in seguito. Ma il fatto che i suoi figli abbiano un legame con le mante fin dalla tenera età rende sicuramente Ralph orgoglioso. Era qualcosa che stava arrivando, dice: “Robin dormiva male. Quando andavo a cavalcare con lui a Manta, si addormentava dopo solo pochi chilometri. Era spesso scontroso quando si svegliava perché si stava divertendo così tanto tanto che gli dispiaceva di essersi addormentato e ora che è un po' più grande gli piace ancora guidare, ma gli piace anche aiutare con le riparazioni!

OpelManta

Il figlio Robin al volante di una Opel Manta.

Padre Roger aveva delle macchine fantastiche

Poiché lo stesso Roger Meigs ama molto le auto, non sorprende che Ralph abbia ereditato questo amore da suo padre. Quando Roger racconta la storia della sua vettura escono fuori grandi nomi. “Ho posseduto alcune MG, due Corvette – una C3 e una C4 – una BMW Z3, ​​una Z4, una 645 decappottabile con un V8, una 850i con un V12, e ora guido una Jaguar F-Pace. Abbiamo anche una Mercedes-Benz Classe C Cabriolet, che fondamentalmente guida mia moglie. Con così tante belle cose in comune con i genitori, era inevitabile che Ralph seguisse l'hobby di suo padre. Tuttavia, vede una netta differenza rispetto al suo padre: “Mio padre si stanca molto presto della macchina. Quindi non ce l'ho affatto. Ho una passione per le cose vecchie e penso che gli anni '80 siano stati un periodo davvero bello. Molti ragazzi del villaggio cavalcavano una Manta a quel tempo. Il padre di un amico aveva una GSi color oro. La Manta era popolare tra i giovani e penso anche che fosse molto bella. Quindi sì, quando ho preso la patente di guida sapevo già cosa volevo.

READ  Il grande punto cieco nel nostro dibattito educativo

OpelManta

Aveva solo 15 anni quando comprò la sua prima manta

Ralph aveva solo 15 anni quando acquistò l'ambita Manta. “Sistemeremo il problema, così potrò guidare non appena avrò la patente. È andata così. Il giorno in cui sono morto, ho tirato fuori la Manta dal deposito. Il mio primo viaggio è stato dritto nell'ora di punta per tornare a Maastricht. Nel 1995, la madre di Ralph acquistò anche una Tiny A Manta, di nove anni ma con soli 43.000 km sul contachilometri. La Manta finì in garage come progetto fai-da-te per Roger. “Dopodiché, ho messo da parte la mia Manta, perché pensavo fosse così bella che ho pensato che sarebbe stato un peccato guidarla tutti i giorni. Mio suocero di allora mi regalò un'Ascona come macchina quotidiana. La Manta è diventata più un'auto per hobby, ma le sono sempre stato affezionato.

OpelManta

Il leggendario motore C20xe, uno dei migliori motori mai realizzati da Opel.

156 cv contemporaneamente: 16v senza cat

Insieme, padre e figlio Meijs hanno coccolato le loro mante negli anni successivi. Spesso nella proprietà dei nonni, dove si trovano regolarmente anche i due cugini di Ralph. Alla fine, Ralph prenderà il posto di Gray Manta dai suoi genitori, con l'aiuto di Roger e di un conoscente, con il motto che le cose possono sempre andare un po' meglio, sempre un po' più velocemente. Le Manta non sono più originali, ma sono esattamente ciò che Ralph vuole che siano. La Golden Manta era originariamente un modello GT/J, con un motore a quattro cilindri da 1,8 litri e 90 cavalli sotto il cofano. Negli ultimi anni, Ralf ha costruito una GT/E dalla sua Manta: “Ha un motore da 2 litri a sedici valvole, il C20xe della Kadett GSi e Calibra. Che improvvisamente ti dà 156 CV, invece dei 110 CV originali della G T/E. Questo motore è così ben proporzionato che gli appassionati pensano che Opel avrebbe dovuto semplicemente lanciare una GT/E con quel motore a 16 valvole. Dopo alcune modifiche ora ha 181 CV. A proposito, la mia macchina non ha vetro colorato, ma per il resto perfetto.”

READ  Telenet aumenta i prezzi degli abbonamenti Internet del sei percento a causa dell'inflazione - IT Pro - Notizie

OpelManta

Esatto, per Ralph questo significa non solo che tutte le parti giuste sono a bordo, ma anche che i dettagli sono un po' più curati e brillano un po' più di quanto ti aspetteresti. “All’interno del Manta Club, ho l’impressione di fare uno sforzo in più”, dice, “Forse hanno ragione”.

OpelManta

La Gray è nata come GT ma ora ha una 3.0i 24V

La manta grigia è un buon esempio di quell'immagine apparentemente meritata. Anche questa è nata come GT, ma ora ha un motore flat-six da 3,0 litri sotto il cofano. 3.0i 24V da Omega 3000 24V e Senator 3.0i 24V. “Girano storie assurde sul comportamento di guida della Manta”, dice Ralph, “se ci mettessi un motore a sei cilindri, sapevo che sarebbe stato difficile montare un motore del genere, che non sarebbe stato possibile nel mondo.” Tutto in una volta, e sapevo anche che avrebbe funzionato. Ma mi piace semplicemente modificare le cose e farle funzionare perfettamente. La pazienza è una virtù, perché il “progetto sei cilindri” ha richiesto più di sei mesi per essere completato. “Devi sollevare l'intera carrozzeria dall'asse anteriore per rimuovere il motore, è molto stretto con quei lunghi sei cilindri davanti”, afferma Ralph. “Noterai sempre: la guarnizione dell'albero motore perdeva e continuava a perdere, quindi ho dovuto ripetere l'intero processo più volte. Inoltre, il blocco a sei cilindri è così pesante che l'intero asse anteriore crolla come un budino di prugne. Ho risolto questo problema installando ammortizzatori personalizzati GAZ e molle di un motore diesel Mercedes W123 . Ora marcia perfettamente. Mi ci è voluto un po' di tempo per capire tutto. Poi ho voluto installare anche il servosterzo. Questa è diventata la variante elettrica della Corsa. A proposito, il sistema di raffreddamento ha componenti Volvo, la parte posteriore l'asse ha un differenziale a slittamento limitato e freni a disco della BMW e della Volkswagen, mentre l'assale anteriore ha freni della Opel Senator Quindi c'è un po' di tutto!

READ  Grave collisione durante la riunione di tuning illegale: BMW entra ...

OpelManta

“La gente grida sempre Mascantji.”

Anche se Ralph guida la sua auto quotidiana per i lunghi viaggi, una moderna BMW Serie 3, non pensa di rinunciare alla sua Manta. “Le corse e i raduni del Manta Club sono fantastici e hai molte pretese per queste auto. Mi diverto ancora ad armeggiare. E ogni anno, durante il primo viaggio dopo l'inverno, all'improvviso mi rendo conto di quanto sia divertente guidare questa Manta. Naturalmente ci sono sempre persone che dicono 'Maaskantje!'” esclama quando ti vedono, ma devi essere in grado di affrontarlo. Per fortuna ho abbastanza autoironia per trovarlo divertente. le Manta non vacillano mai: “Nemmeno quando penso che avrei potuto comprare una Porsche 911. 911 Bella, ma non una manta; Sono state costruite auto molto più belle e migliori, ma le mie Manta hanno una storia, e c'è una storia dietro di loro. Li conosco da più della metà della mia vita. E presto sarà un ricordo d'infanzia molto tangibile per i miei figli. Sono più che semplici automobili. Mia moglie non ci pensa molto e qualche volta si chiede cosa dovrei fare con due mante. A volte i miei pensieri vagano e immagino di venderla e di qualcun altro che la guida per strada. Poi mi viene la pelle d'oca. Non voglio davvero pensarci.”

OpelManta