QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Noë diventa il nuovo CEO del Gruppo Bruno

Noë diventa il nuovo CEO del Gruppo Bruno

Noe Bruno (37 anni) succederà al padre Angelo come amministratore delegato di Bruno Group, la nota catena di distributori di benzina e snack bar, alla fine del 2026. Il fratello minore Luca e la sorella Nina restano attivi in ​​posizioni dirigenziali all'interno della azienda.

Il Gruppo Bruno è stato fondato nel 1988 dai fratelli Angelo e Giuliano Bruno e gestisce una rete di 27 stazioni di servizio e punti ristoro a Limburgo, Sint-Niklaas, Bruges e Roeselare. Dal 2021 il gruppo è guidato da Angelo Bruno e dai figli Noè e Luca. Il Gruppo conta 700 dipendenti e un fatturato annuo consolidato di circa 330 milioni di euro al 2022.

In previsione del pensionamento di Angelo Bruno alla fine del 2026, all'interno dell'azienda di famiglia è stato deciso che il figlio maggiore Noè assumerà la guida. Noë lavora nel gruppo fin dalla tenera età. Ha iniziato la sua attività come studente lavoratore nel 2006 presso Bruno Foodcorner a Genk e Hasselt. Nel 2009 ha iniziato a lavorare presso Bruno Car Rental. Dopo due anni, Noe si è trasferito nella sede centrale, dove ha lavorato nei reparti vendite, fatturazione, contabilità e carburante. Nel 2021, dopo l'acquisizione del Gruppo Bruno da parte del padre, diventa responsabile degli acquisti, dell'IT, della digitalizzazione e di Bruno Mazot. La posizione di CEO sarà aggiunta alla fine del 2026.

Orgoglio
“La successione in un’azienda familiare è sempre una questione delicata”, afferma Angelo Bruno. “So da molti dei miei colleghi imprenditori che non è facile lasciare un'azienda di famiglia per i figli. I miei due figli lavorano attualmente attivamente nel Gruppo Bruno e mia figlia Nina ha una società immobiliare. Sono orgoglioso di quello che fanno abbiamo raggiunto. Abbiamo anche attraversato un lungo processo di follow-up prima di prendere questa decisione. Passando Flame a Noi, ci sarà chiarezza per tutti e lui avrà il tempo di ambientarsi. Questo è essenziale perché il Gruppo Bruno continua a crescere a un ritmo serrato: ogni anno apriamo diversi Bruno Foodcorner e siamo pienamente impegnati nella transizione energetica e nell’energia verde.

READ  Alfa Romeo svela a fine agosto una supercar da 800 cavalli

Sorprendente
“È un grande onore per me succedere a mio padre”, afferma Noe Bruno. “Conosco molto bene l'azienda di famiglia perché ho lavorato qui tutta la mia vita. Non ho mai avuto un capo oltre a mio padre. È incredibile ciò che lui e la sua famiglia hanno costruito negli ultimi 36 anni nel Limburgo, ma anche fuori di esso. Anche per me è difficile succedergli, ma non vedo l'ora di farlo. A lui. Il Gruppo Bruno è un'azienda grande e diversificata con distributori di benzina, punti di ristoro, gasolio da riscaldamento, autolavaggi e noleggio auto. Ma noi anche abbiamo un'azienda cleaning.net, una società immobiliare, un hotel e strutture di ristorazione. Nel 2022, il suo fatturato annuo consolidato ha raggiunto circa 330 milioni di euro Recentemente abbiamo vinto il Voka Press Award e siamo stati nominati per il Trends Gazellen Award. Ecco perché ho sono molto felice di avere il sostegno e la fiducia di mio fratello, mia sorella e di tutto il management team. Mi aiuteranno a supportare la transizione. Luca continuerà ad essere al mio fianco come Direttore Vendite, Marketing e Comunicazione e sarà un anello importante all'interno del gruppo. Bruno. Nina sarà responsabile della gestione e della conservazione del patrimonio. Possiamo occuparci di questo solo insieme come famiglia. Fortunatamente, posso imparare molto da mio padre ancora per qualche anno prima che vada in pensione definitivamente. Ma sono soprattutto orgogliosi del caloroso supporto quotidiano fornito da 700 dipendenti e operatori. Sono una grande risorsa per il Gruppo Bruno.”