QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rivedremo il vecchio Tom Dumoulin al Giro? ‘Ne dubito’ | giroscopio

Tom Dumoulin (31) non assomiglia più a Dumoulin che ha vinto il Gran Premio d’Italia nel 2017, ma l’olandese vuole comunque mettersi davanti allo specchio in questo Giro. Ritroverà le gambe di ieri? I nostri analisti avevano dei dubbi sullo speciale Giro de Tribune.

L’anno scorso, la fiamma da corsa di Tom Dumoulin ha ricominciato ad accendersi in questo periodo dopo un anno sabbatico.

La fortunata rimonta del 2021, tra l’altro, ha gustato l’argento nella cronometro olimpica, come altro, ma il 2022 non ha avuto molto in serbo per il nativo di Maastricht.

Dumoulin gli ha dato le spalle, ha saltato parte del suo spettacolo a causa di Corona e ha affrontato Giro con alcune lettere nobili nella sua valigetta.

“Non abbiamo davvero un quadro del suo livello di forma fisica”, sottolinea Renate Schott il suo scetticismo al De Tribune. “Ha anche solo pochi chilometri da pilota per poter eccellere.”

Questo giroscopio sarà la motivazione per scegliere di diventare di nuovo Tom Dumoulin o come servitore. Sarebbe davvero una vergogna per il suo talento e carisma.

José de Quere

“È un grande punto interrogativo”, José de Coeur sfonda una porta aperta. “Rivedremo mai più il grande Dumoulin? Ne dubito.”

“La primavera è stata piena di alti e bassi. Penso che sarà molto difficile”.

“Questo giroscopio sarebbe la motivazione per scegliere di diventare di nuovo Tom Dumoulin o un servitore. Sarebbe davvero una vergogna per il suo talento e carisma. Avevamo bisogno di queste persone”.

Tom Dumoulin ha vinto il Giro nel 2017 indossando la maglia Sunweb.

READ  Apprezzano molto anche De Bruyne all'estero, ma: "Dovrà raccogliere nel prossimo futuro, soprattutto agli Europei" | calcio

“Tobias Voss? Ancora un grande passo verso la passerella”

Jumbo-Visma non sembra mettere tutte le sue uova nel cestino di Tom Dumoulin. Il team ha installato Tobias Voss (24) e Order of Omen (26) come pezzi di ricambio.

“Sono più che semplici parafulmini alla fine”, dice Rinat Schott. “Voss è certamente un’alternativa di valutazione.”

“Guarda il tour dell’anno scorso: Jonas Weinggaard non è uscito dal nulla, ma era lì subito dopo che Primoz Roglic è caduto. È così intelligente come Jumbo-Visma sia riuscita a trasformarsi in quel momento”.

Voss è arrivato nono al Giro dell’anno scorso. José de Coeur conclude: “Sono stati circa 12 minuti. Se devi ridurre quel numero… verso il podio, è comunque un grande passo”.

Il campione norvegese Tobias Voss durante l’allenamento invernale con Tiesj Benoot.

Ascolta lo speciale The Tribune Giro

Puoi anche ascoltare i podcast nell’app Sporza, toccando “podcast” nella parte superiore della navigazione.