QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scena istantanea all’inizio delle qualificazioni ai campioni: il capitano Bongunda guida Genk oltre Anversa | Iniziano i playoff

Jupiler Pro LeagueRacing Genk continua a guadagnare slancio dalla finale di Coppa. Grazie a Theo Bongonda, i Limburgers hanno preso tutto il bottino su Bosuil nella fase finale. Tuttavia, Anversa è venuta alla ribalta un’ora dopo tramite Miyoshi, il sostituto di Raphaelov. Onuachu e Bongonda hanno finalmente messo la posizione distorta rispetto a Van den Brom che è balzato al secondo posto.




Le qualificazioni ai campioni sono iniziate con Antwerp-Genk. Una partita che è stata piena di emozioni in questa stagione. Nelle due precedenti partite di campionato non c’era bisogno che il contatore tenesse il conto di undici gol, quindi ce ne sono stati altri cinque. Anversa è crollata un po ‘prima e Genk ha lasciato la palla. Quindi solo un avvocato. Mbukani ha dato un’ottima prestazione come bersaglio, ma i tentativi di Botha e Hongla sono stati respinti. Il terzino sinistro De Laet si era spinto fino in fondo in quell’attacco, spezzando gran parte del dolore. Genk si voltò rapidamente. Eto’o è andato in profondità nella schiena di De Lat e ha servito Onwacho che stava ancora calciando il pallone, ma Bongonda ha terminato facilmente il secondo palo. Genk è seduto a metà del primo tempo e Limburger ha praticamente mantenuto il controllo della partita per il resto del primo tempo. Vandevoordt ha dovuto agire solo una volta con un tiro di Le Marchand.

© BELGA

Ombra della Scarpa d’Oro

L’Anversa si è unita senza intoppi, soprattutto sulla destra con un ruolo da protagonista per Botta, ma cogliere le occasioni è stata davvero dura. Mbukani ha interpretato il ruolo, ma Lamkelle Zi era tutt’altro che appariscente. L’assenza di Raphaelov – spesso l’uomo dell’ultimo passaggio – ha avuto un ruolo? L’ombra della scarpa d’oro incombe ancora sul gufo marrone. Ho dato a Genk molto spazio per hackerare alcune volte, ma lei è stata molto negligente al riguardo. Poco prima della pausa, Onwacho ha perso una mezza occasione.

Anversa ha acceso la miccia subito dopo la rottura. Botha ha superato Arteaga ancora e ancora, ma Mbukani non è riuscito a segnare il pareggio. Lamkel ha calciato Zee Vandfordt da distanza ravvicinata, ma era ancora 1-1 con il segno dell’ora. Poi Le Marchand raggiunse l’angolo. Il francese si è diretto al centro più lontano. Anversa è stata in fiamme per quindici minuti. Miyoshi non ha potuto fare a meno di avvicinarsi a Vandfordt, ma ha sterzato molto. Genk geme e diventa immediatamente il “Great Old” 2-1. Perdendo palla a Thorstvedt e Mbokani con un bel tocco per Miyoshi che ora è finito. L’invito a Raphaelov è morto di nuovo.

30 per Unwacho

Il grande vecchio ha preso il ritmo della partita e Genk non è riuscito a trovare lo spazio, ma all’improvviso dal nulla ha colpito il vincitore della coppa. Bongonda ha sparato la palla a Onwacho, a cui è stato permesso di tagliare il Batubensika molto facilmente. Il nigeriano ha messo proprio nell’angolo il suo 30esimo gol del torneo. La partita sembrava andare verso un pareggio, ma poi Bongunda è tornato di nuovo. Dopo aver recuperato da Cuesta, Eto’o ha ricevuto un cross impeccabile e Botha è arrivato in ritardo per mantenere Bongonda nell’angolo più lontano per il gol della vittoria. Lo status d’oro del Genk che è salito al secondo posto, ma nemmeno il Club Brugge sarebbe insoddisfatto. Vincendo l’Anderlecht, i giocatori del Brugge potrebbero già aumentare il loro divario fino a dieci punti domenica.

belga

© BELGA


READ  L'appendice estiva è confusa? Van Airt "non sarà in grado di ruotare così intensamente per 2 o 3 settimane" | Ciclismo