QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scholz impedisce l’accordo sul prezzo del gas

Una lunga riunione di martedì ha portato a progressi ma nessuna svolta sul tetto massimo del prezzo del gas. La questione sarà nuovamente in discussione giovedì al Consiglio dei leader europei.

Quattro i punti principali rimasti in discussione alla riunione dei ministri dell’energia: il livello del tetto massimo del prezzo del gas, il numero di giorni in cui il prezzo deve essere al di sopra di tale tetto prima che il tetto intervenga, la questione di quali contratti sono coperti e l’introduzione di un freno di emergenza che blocca il meccanismo in caso di compromissione della sicurezza dell’approvvigionamento o di aumento delle richieste.

Il comitato ha inizialmente proposto di attivare il cap se il prezzo del gas superava i 275 euro per megabyte per dieci giorni di mercato apertoSarà un wattora. Ma questo è stato soprannominato fantascienza dai leader in archivio (Belgio, Polonia, Grecia, Italia e Slovenia), perché non sarebbe stato utilizzato nemmeno con i prezzi alle stelle in agosto. Hanno insistito per una soglia più bassa.

La Repubblica Ceca, presidente ad interim dell’Unione Europea, martedì ha proposto un tetto nella regione di 200 euro per tre giorni di negoziazione. I sostenitori, che ora sono chiamati “fanatici”, pensavano che fosse meglio. Ma per la Spagna, era ancora troppo alto.

Non c’è posto per la tua fiamma

Per la maggior parte della giornata, i ministri di entrambi i campi si sono incontrati in piccoli gruppi per cercare un compromesso e colmare le divergenze. L’ultimo ostacolo era l’altezza del soffitto e la questione di quando sarebbe stato attivato. Tuttavia, i margini di manovra del ministro tedesco Robert Habeck sono stati limitati, a causa della posizione del cancelliere Olaf Scholz, che insiste ostinatamente affinché il meccanismo debba essere utilizzato solo in caso di rialzo dei prezzi.

READ  Gli americani aspettano ancora i risultati delle elezioni finali: "Che diavolo sta succedendo?" | All'estero

Di conseguenza, giovedì il dossier tornerà al tavolo dei leader europei. Poi, lunedì i ministri dell’Energia faranno un altro tentativo. Quindi è possibile votare la proposta. Una maggioranza qualificata sarebbe sufficiente, se richiesta, contro la Germania. Ma questa è dinamite politica. (