QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sembra che gli scienziati abbiano finalmente capito cosa succede al metano su Marte

Sembra che gli scienziati abbiano finalmente capito cosa succede al metano su Marte

Nel 2019, il rover Curiosity della NASA ha rilevato metano su Marte. Ma come fosse arrivata lì e perché si comportasse in modo strano non era chiaro. Ora si sa di più su questo.

Sulla Terra, quasi tutto il metano è prodotto da organismi viventi, come le mucche. Ma per quanto ne sappiamo, su Marte è stata trovata poca vita, per non parlare del fatto che potrebbe produrre anche metano. Quindi è stato molto sorprendente trovare metano nel cratere Gale sul Pianeta Rosso, dove Curiosity mise piede più di dieci anni fa. I ricercatori della NASA hanno ipotizzato che ci debba essere qualche meccanismo che coinvolge l’acqua e le rocce nelle profondità del sottosuolo e che potrebbe rilasciare metano.

Ma questa non è tutta la storia. La sonda su Marte ha scoperto che il gas metano si comporta in modo strano. Appare di notte e scompare durante il giorno. Inoltre fluttua stagionalmente, raggiungendo talvolta livelli 40 volte superiori al normale. Inoltre, il metano non si accumula nell’atmosfera, come avviene sulla Terra.

la soluzione
Gli scienziati stanno lavorando per trovare una spiegazione per il comportamento insolito del gas e perché si verifica solo nel cratere Gale. Recentemente hanno inventato Idea interessante. Il metano potrebbe essere intrappolato sotto il sale indurito che si forma nella regolite marziana. Questa è una superficie composta da pietre sciolte, polvere e altri detriti. Con l’aumento delle temperature nelle stagioni più calde o in certi momenti della giornata, il sale si ammorbidisce e permette al metano di fuoriuscire.

Il gas può anche essere rilasciato attraverso fessure nel terreno, create sotto la pressione, ad esempio, di un rover su Marte. Ciò spiegherebbe anche perché il gas è stato scoperto solo nel cratere Gale. È uno dei due posti su Marte in cui un robot sta perforando la superficie. Ciò accade anche al cratere Jezero, ma questo rover non ha uno strumento a bordo per rilevare il metano.

READ  Texture Painting vince progetti prestigiosi a Londra, Miami e altro ancora

Vecchia esperienza
La teoria nasce da un esperimento del 2017 in cui gli scienziati hanno coltivato microrganismi nel permafrost marziano a cui era stato aggiunto sale, come avviene su Marte stesso. È stato poi testato se alcuni batteri che vivono nell’acqua salata della Terra potessero esistere anche su Marte. Il risultato non era chiaro, ma i ricercatori hanno scoperto qualcos’altro: lo strato superiore formava una crosta di sale, mentre il ghiaccio salato sublimava, o passava dallo stato solido a quello gassoso, lasciando dietro di sé il sale.

“All'epoca non ci pensavamo molto”, dice Alexander Pavlov della NASA, ma quando la navicella spaziale su Marte ha rilevato un'esplosione di metano nel 2019, che nessuno poteva spiegare, ci è tornata in mente. Quindi lui e il suo team hanno iniziato a testare le condizioni in cui le croste di sale duro potevano formarsi e rompersi. Hanno aggiunto quantità variabili di perclorato, un sale comune su Marte, al permafrost.

Diverse concentrazioni di sali
Oggi non c’è più permafrost nel cratere Gale, ma la crosta di sale potrebbe essersi formata molto tempo fa quando era più freddo e ghiacciato. Gli scienziati hanno quindi esposto i campioni a diverse temperature e pressioni dell’aria per vedere cosa è successo. Periodicamente, gli scienziati iniettavano neon, un analogo del metano, sotto la crosta e misuravano la pressione del gas nella parte superiore e inferiore. L'alta pressione sotto il campione indica che il gas è intrappolato. Ciò che i ricercatori si aspettavano si è verificato: in condizioni simili a quelle di Marte, nel giro di tre-tredici giorni si è formata una crosta di sale, ma solo in campioni contenenti dal 5 al 10% di perclorato.

READ  I giocatori di PlayStation 5 e PS4 giocano online gratuitamente questo fine settimana

Si tratta di una concentrazione di sale molto più elevata rispetto a quella misurata da Curiosity nel cratere Gale. Ma il terreno è ricco di un diverso tipo di sale minerale chiamato solfato. I ricercatori ora vogliono verificare se anche i solfati possono formare tali croste saline.

Aspettando il futuro
Ma oltre a questi esercizi teorici è necessaria anche la ricerca sul campo. Tuttavia, Curiosity cerca il metano solo due volte l’anno, perché trascorre il resto del tempo perforando la superficie di Marte per analizzarne la composizione chimica. “Gli esperimenti sul metano sono molto intensivi, quindi dobbiamo pensare attentamente a quando vogliamo eseguirli”, risponde uno dei ricercatori.

Inoltre la tecnologia non è ancora sufficientemente sviluppata. Ad esempio, per testare la frequenza con cui i livelli di metano raggiungono il picco, sarà necessaria una nuova generazione di strumenti in grado di misurare il metano in modo continuo in più punti su Marte. “Parte del lavoro sul metano è destinato ai futuri veicoli spaziali che saranno più concentrati sulla risposta a queste domande specifiche”, ha affermato.