QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un altro oligarca russo muore in circostanze strane

© BELGAIMAGE

Alexander Sobotin (43), l’ex CEO della compagnia petrolifera russa Lukoil, è l’ultimo di una lista di importanti russi morti in circostanze sospette dall’invasione dell’Ucraina.

La spiegazione ufficiale della morte del 43enne russo è che ha chiesto consiglio a due sciamani per curare i postumi di una sbornia. Lo sciamano avrebbe fatto un’incisione nella sua pelle e vi avrebbe gocciolato del veleno dalla rana. Dopo aver vomitato, l’uomo si sarebbe sentito meglio. Ma non molto dopo, Sobotin ebbe un infarto e morì.

Sobotin non è il primo importante russo a morire nelle ultime settimane. Diversi miliardari e dirigenti della Gazprom, di proprietà statale, sono morti dall’invasione russa dell’Ucraina. Spesso morivano non solo il padre di famiglia, ma anche le loro mogli e i loro figli. I funzionari dicono che gli uomini hanno ucciso le loro mogli e figli e poi si sono suicidati. Sebbene molte fonti affermino che questi suicidi siano stati orchestrati.

Sorprendentemente, questi uomini non avrebbero fatto osservazioni critiche franche sull’invasione russa. Anche gli oligarchi non erano nelle liste delle sanzioni.

Se hai domande sul suicidio, puoi contattare la Suicide Line tramite il numero verde 1813 o su www.zelfmoord1813.be

(sgg)

READ  Elicottero militare statunitense si schianta al largo di San Diego | All'estero