QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un bombardiere supersonico russo viene utilizzato per lanciare attacchi contro le città ucraine che sono state distrutte dai droni

Un bombardiere supersonico russo viene utilizzato per lanciare attacchi contro le città ucraine che sono state distrutte dai droni

Sabato il ministero della Difesa russo ha dichiarato che l’Ucraina ha attaccato la base aerea con un “drone simile a un elicottero”. A causa della portata limitata di questi tipi di droni, gli inglesi sospettano che l’attacco sia stato lanciato dal territorio russo, poiché la base aerea si trova a centinaia di chilometri dal confine con l’Ucraina. Il ministero russo afferma che il drone è stato abbattuto con armi leggere ed è scoppiato un incendio nel parcheggio. Secondo il ministero non ci sono stati feriti, ma un aereo è stato danneggiato.

L’entità del danno è diventata chiara solo il giorno successivo, quando su Telegram sono apparse le immagini dell’incendio di Tupolev. Solo il caratteristico muso dell’aereo è ancora visibile tra le fiamme. Secondo la BBC, le foto sono state scattate su Soltsy-2. Il tempo nelle foto corrisponde anche al tempo in quella zona sabato. L’Ucraina non ha ancora rivendicato la responsabilità dell’attacco al suolo russo.

I Toe-22 possono volare due volte più velocemente del suono e sono spesso usati per attaccare le città ucraine. Durante la guerra in Ucraina, hanno partecipato in diverse occasioni ad attacchi contro obiettivi civili. L’aereo era dotato, tra l’altro, di missili anti-nave altamente imprecisi. A gennaio, 30 civili sono stati uccisi quando uno di questi missili Toe-22 ha colpito un condominio a Dnipro. Secondo l’affermazione ucraina, questo attacco è stato effettuato da un’unità di stanza a Soltsy-2. secondo La nuova voce dell’Ucraina I droni ucraini hanno danneggiato cinque aerei nei giorni scorsi.

READ  Francia e Stati Uniti compromesso dopo una telefonata tra i presidenti Macron e Biden

Immagine di Dmitry Terekov su Wikimedia Commons