QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un insegnante di lingua tedesca in Italia si prenderebbe una corona piuttosto che essere accoltellato

Il telefono ha squillato presso l’ufficio sindacale di Petra Knock, 49 anni. I membri del sindacato sono insegnanti delle scuole di lingua tedesca a Bolzano, nel nord Italia, che chiedono come possono evitare l’imminente obbligo di vaccinazione nelle scuole italiane. Entrerà in vigore il 15 dicembre e si applicherà sia ai docenti che agli amministratori.

Un insegnante, Knock, dice che ha solo altri due anni per andare in pensione. “Per evitare Jab, ora sta considerando di dimettersi”. Un altro autore ha dichiarato: “Nel prossimo mese, prenderò il maggior numero possibile di contatti per catturare con precisione il Covid-19”. Spera di ottenere un rapporto che ha recuperato, che lo esonera dal vaccino. Meglio corona che jab. Bolzano, o Bossen in tedesco, è una provincia multilingue con un alto grado di autonomia al confine con l’Austria. Geograficamente, è ancora l’Italia, ma la regione è ricca di cultura tirolese. Stucchi di birra Competi con le pizzerie. Il Trentino-Aldo Addiz (o Alto Adige), come viene chiamato l’intero territorio, fa parte dell’Italia solo dalla fine della prima guerra mondiale.

Gli italiani di lingua tedesca prestano maggiore attenzione ai media (sociali) austriaci e tedeschi, dove c’è maggiore attenzione sul sospetto di vaccino nei dibattiti televisivi. Questa sarebbe una delle spiegazioni per la bassa protezione dei vaccini in questa regione. Questo porta a una variazione significativa: Bolzano è una delle province più ricche d’Italia e vanta un’eccellente assistenza sanitaria. Ma l’Alto Adige sta combattendo un numero elevato di infezioni – con centinaia di persone risultate positive ogni giorno questa settimana – e il tasso di vaccinazione è il secondo più basso in Italia (la Sicilia ottiene solo punteggi peggiori). In provincia di Bolzano è vaccinato il 79 per cento della popolazione con più di 12 anni, contro l’84,8 per cento in Italia. Nella provincia italiana di Trento è l’85,8 per cento.

C’è più differenza tra la città e la montagna che tra i parlanti tedeschi e italiani. Soprattutto nelle Dolomiti il ​​numero dei vaccinati è molto basso. Parlanti di latino, una lingua di tedesco o Rato-Romance, oltre all’italiano.

Sospetto di droga

Anche le campagne di vaccinazione contro altre malattie hanno avuto meno successo in passato. Secondo il governatore Arno Composer (50), questo è nella cultura. La gente della collina vive a contatto con la natura ed è molto scettica nei confronti della medicina tradizionale. “L’omeopatia è più sviluppata in Germania che in Italia”.

READ  Ericsson vuole continuare la sua vita in Italia: 'sono molto felice con lui ora'

Per saperne di più: Molti tedeschi preferiscono un’alternativa al vaccino contro il corona

A partire da venerdì, la regione lancerà un’intensa campagna di vaccinazione di tre giorni volta ad aumentare il numero. Ma finora, coloro che hanno registrato principalmente per il colpo di richiamo sono stati molto meno probabili per il primo colpo. Allo stesso tempo, Kompatscher ha annunciato regole più severe che altrove in Italia. Una normale maschera sul treno o sull’autobus non è sufficiente, ma dovresti indossare una maschera FFP2. C’è anche un dovere di protezione della bocca all’esterno. La polizia controlla costantemente a Pierstoops per controllare i passaggi corona di individui normali e per multare il proprietario, se necessario.

Una donna mi ha chiesto se era vero che avevo una villa a Davos. Anch’io ero intimidito

Arno Compatcher Governatore

Questo approccio rigoroso ha ricevuto lodi e molte condanne dal Governatore. Una donna per strada mi ha chiesto se era vero che avevo una grande villa a Davos. Ed ero intimidito. Il governatore afferma che il senso di coesione sociale e solidarietà che esisteva all’inizio del 2020 è andato. “Invece, ora c’è un profondo divario tra coloro che credono ancora nella scienza, nella sanità e nella pubblica amministrazione e coloro che vogliono creare i propri ‘fatti alternativi'”.

scuola elementare di lingua tedesca

Sotto pressione anche David Axeller, 52 anni, direttore della scuola elementare tedesca Pestalozzi di Bolzano. Su forte raccomandazione della provincia, il test corona viene eseguito due volte a settimana su tutti gli studenti delle scuole. Il Direttore riferisce al Governo risultati positivi. Ma dal 10 al 15 percento dei genitori non lo approva. “Lo scorso anno scolastico, alcuni genitori mi hanno detto che sarei stato responsabile delle conseguenze mediche se i loro figli fossero stati esaminati dai loro avvocati”.

David Auxeller è il direttore della scuola elementare di lingua tedesca Pestalozzi a Bolzano, in Italia.
Foto di Claudia Ribes

Il direttore attende con impazienza l’entrata in vigore del 15 dicembre dell’obbligo di vaccinazione per il personale. Il consiglio scolastico che dirige ha più di 100 insegnanti, uno su dieci dei quali odia la vaccinazione. “Se gli insegnanti non sono vaccinati, dovrei sospenderli senza paga”.

READ  Discussione in Italia sulla legge antidiscriminazione LGPTI: 'Non abbiamo fatto un passo indietro'

Pensa di potercela fare fino a Natale. Ma se non gli danno davvero una possibilità – c’è ancora un breve periodo di transizione – allora gennaio sarà un grosso problema per lui. Il quindici per cento degli insegnanti in tutta la provincia non è stato ancora vaccinato. Deve quasi colmare le lacune anche per docenti laureati e pensionati. L’Education Association dice che non è saggio rimettere in classe i pensionati, soprattutto durante le epidemie che colpiscono gli anziani.

L’insegnante Sylvia Grovedi (42) lotta con un dilemma aggravato. Insegna da 23 anni e descrive la Pestalocy School come la sua “seconda casa”. Kravedi insegna italiano in tutte le classi delle scuole elementari, non vaccinato. “Ma dall’introduzione del Govt Pass obbligatorio sul posto di lavoro, sono stato messo alla prova con molta attenzione”. Da metà ottobre le è costato fino a venti euro a settimana, nelle sue stesse parole è una sorta di “discriminazione finanziaria”. Inoltre, dice che il suo intero reddito sarà presto in pericolo.

Scuola elementare Pestalocy in italiano Bolzano, Con Sylvia Grovedi, un’insegnante a cui non piace il vaccino contro il corona.
Foto di Claudia Ribes

Descrive il vaccino come una “scelta personale” e suo marito la pensa allo stesso modo. Presto la loro figlia quattordicenne Julia canterà insieme per la prima volta a un concerto di Natale a scuola. “Io e mio marito abbiamo dovuto perdere la sua performance perché non eravamo vaccinati”.

Anche le persone vaccinate a volte mostrano molta comprensione verso coloro che rifiutano di essere vaccinati. Elizabeth Floss, 63 anni, si rammarica che la direttrice di una scuola di Bressanone (o Bressanone) sia stata etichettata come ‘egoista’ dagli insegnanti che non le hanno permesso di vaccinarsi. “Ma io non li conosco. Sono insegnanti brillanti, laboriosi, di gran cuore per i bambini”, dice Floss. “Scelgo di fidarmi del vaccino, altrimenti berrò un bicchiere di candeggina a casa.

ghiaccio fresco

Lo stesso tono è ripreso nella conversazione con Tobias Morodor, 39 anni, sindaco di Ortiz, nota località sciistica tra Bolzano e Bresson nella bellissima Valcardana. La città, sommersa dalla neve fresca delle Dolomiti, ricorda l’immagine di un libro di racconti di Natale. Moroder concorda sul fatto che il tasso di vaccinazione nella Valle sia significativamente più basso e raccomanda un’iniezione. Ma vede anche un lato positivo nell’opposizione alla medicina tradizionale. “I residenti qui stanno assumendo un numero significativamente inferiore di farmaci e stanno ancora invecchiando”.

READ  Tag Capri - Dolcevia.com

Da lunedì Ortisei era ancora in zona rossa a causa di un alto numero di contagi. Ordine di coprifuoco dalle 20:00 È stato debellato, ma non ha eliminato la pericolosa combinazione di infezioni e bassi tassi di vaccinazione. In una zona che richiama molti appassionati di sport invernali, come si farà in futuro? L’economia è basata sul turismo, che rappresenta il 17% del PIL.

Gli abbonamenti Corona vengono controllati al punto di accesso per il mercatino di Natale di Bolzano.
Foto di Claudia Ribes

La stagione sciistica è iniziata e gli scivoli e molti gestori di alberghi e ristoranti sperano di recuperare un po’ dei danni di quest’anno. “Tutto era chiuso qui lo scorso inverno e tutto era aperto nella vicina Svizzera. Il nostro settore ha perso circa tre miliardi di euro”, ha affermato Manfred Pinsker, 62 anni, responsabile del settore alberghiero nella regione. Sosteniamo regole rigorose che aiuteranno a mantenerlo aperto”.

Ad Ortisei, questa settimana, si sono riversati alle liste soprattutto i turisti italiani. Ma anche i turisti stranieri entrano all’Hotel Angelo, dice il proprietario Nils Demetz, 34 anni, in un olandese fluente, la sua lingua madre olandese. “A Natale siamo completamente pieni tranne che per poche stanze.” Si diletta nelle rigide regole del “rendere tutto sicuro”. La copertura vaccinale nella Valley potrebbe essere bassa, ma il personale dell’hotel è completamente vaccinato, aggiunge rapidamente. “Dall’estate, molto prima che fosse richiesto per legge, chiediamo ai nostri ospiti un certificato Covid”. Non puoi andare a sciare senza un pass governativo. Nuove app consentono di abbinare la certificazione Covid a Sky Pass.

Il sindaco Moroder crede che regole più severe salveranno l’inverno. Ma lui si preoccupa. Per precauzione, quest’anno ha permesso solo quattro bancarelle natalizie a Snow City Square. “Ne abbiamo visti così pochi”, sospira la studentessa Sandra Ghostner mentre lotta contro il freddo nel presepe del negozio di souvenir in cui lavora. “Due anni fa era ancora nero di persone”.

Ma Niles Demetz spera che migliorerà. “Questo hotel è sopravvissuto alla prima e alla seconda guerra mondiale. Rompereremo sicuramente anche questo.”

Dipendente dell’Hotel Angelo di Ortisei
Foto di Claudia Cortent