QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una donna ucraina di 45 anni è stata accoltellata senza motivo in un campo di concentramento russo e sua figlia è sconvolta: “Questo è assurdo” | Guerra Ucraina e Russia

L’ucraina Alena Kabatsina si sta perdendo d’animo ora che sua madre è “scomparsa” da mesi. Ad aprile, Vita Hanich, 45 anni, è stata portata in un campo di punizione dai soldati russi. Da allora, Alina non ha più visto né sentito sua madre, come testimonia all’agenzia di stampa Associated Press.

uno sguardo. La madre di Allen è stata portata in un campo di concentramento russo ad aprile

Perché i soldati russi hanno portato via la madre di Alena? È una domanda senza risposta da mesi. La famiglia non sa nemmeno se è ancora viva. Che sia tenuto da qualche parte a Donetsk è l’unica informazione che hanno attualmente.

Poche settimane dopo l’invasione del 24 febbraio, Vita è stata catturata dalle forze russe nel suo villaggio natale di Volodymyrivka, ancora sotto il controllo di Mosca. Indossava solo pantaloni della tuta e infradito quando è stata arrestata. La sua famiglia inizialmente pensava che sarebbe tornata presto a casa, ma le cose sono andate diversamente.

La ricerca di informazioni da parte della figlia Alina e della nonna settantenne si è inizialmente rivelata infruttuosa. La solita risposta delle autorità russe è stata: “Non l’abbiamo presa”.

Alla fine scoprono che è stata imprigionata a Olenivka, perché era una cecchina. “Cazzo”, dice la sua famiglia. Secondo sua figlia, Vita è una persona “pacifica” che non ha mai impugnato una pistola. Inoltre, è molto malata. Avrà una cisti cerebrale e quindi soffrirà di crisi epilettiche regolari.

Alina e la sua famiglia trovano l’intera situazione “ridicola”. ©AP

Cattiva acqua potabile e senza riscaldamento

Secondo l’Associated Press, le condizioni di quel carcere di Olenivka sono disumane: acqua potabile inquinata, niente riscaldamento, niente docce e non si riesce a dormire per le urla dei nuovi prigionieri picchiati. Nel frattempo, le autorità russe a Donetsk hanno affermato che Vita era considerata una “prigioniera di guerra” ed è stata mandata in una prigione a Mariupol. Non è ancora chiaro quando verrà rilasciato.

L’Associated Press ha affermato che dall’inizio della guerra in Ucraina, le forze russe hanno arrestato molti civili e li hanno trattenuti senza accusa per mesi. La madre di Alina è una delle centinaia – forse migliaia, secondo l’agenzia di stampa – di cittadini ucraini detenuti arbitrariamente. Alcuni di loro sono prigionieri di guerra anche se non hanno preso parte ai combattimenti.

“20.000 ostaggi civili”

La più grande organizzazione ucraina per i diritti umani, il Centro per le libertà civili, ha ricevuto circa 900 fascicoli da civili detenuti arbitrariamente dalle autorità russe. Dmytro Lubinets, l’inviato ucraino per i diritti umani, ha messo la cifra ancora più in alto, affermando venerdì scorso che il suo ufficio aveva ricevuto domande su più di 20.000 “ostaggi civili”.

Tuttavia, il diritto internazionale vieta a una parte belligerante di trasferire con la forza un civile nel proprio territorio o in un territorio occupato.

Alina sogna spesso di chiamare sua madre per dire che va tutto bene.

Alina sogna spesso di chiamare sua madre per dire che va tutto bene. ©AP



Testimonianza di una donna ucraina (44 anni) sulle esperienze dolorose nella camera delle torture: “Le sue mani erano nell’acqua bollente e le unghie erano tagliate”

L’ucraino Alla (52 anni) testimonia sulla scioccante tortura dei soldati russi: “Ho scolpito nei muri quello che mi hanno fatto”

Guarda anche. Tutto sulla guerra tra Russia e Ucraina in immagini

READ  Lo Stato Maggiore ucraino annuncia la riconquista di oltre 20 villaggi: "Continua la liberazione" | Guerra tra Ucraina e Russia