QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Così è andato l’arresto dell ‘”ultimo padrino” della mafia italiana

In fuga dopo 30 anni

Quando ha visto i poliziotti comparire davanti a lui, ha cercato di scappare. Ma presto si rese conto di quanto fosse senza speranza il suo tentativo e si arrese. Senza resistenza, i tre decenni in cui sono fuggiti sono finiti. La storia dell’arresto di Matteo Messino Denaro, “l’ultimo padrino” della mafia italiana.

mtmFonte: Guardiano

Leggi anche. “Ho ucciso abbastanza persone da riempire un cimitero”: la polizia ha inseguito un fantasma per 30 anni, ma ora l’ultimo “padrino” è stato catturato (+)

Con indosso un cappello di lana bianco, occhiali colorati, un orologio da 38.000 euro e un cappotto di pelle di pecora marrone, Matteo Messino Denaro, 60 anni, è entrato all’ospedale privato La Maddalena nel capoluogo siciliano, Palermo, intorno alle 8:30 di lunedì. Aveva con sé un foglio, prova di un test Covid negativo, che gli serviva per la serie di esami del sangue a cui doveva sottoporsi. Denaro, il “capo dei capi” del clan mafioso di Cosa Nostra, latitante dal 1993, da un anno viene periodicamente curato per un tumore maligno con lo pseudonimo di Andrea Bonafide.

Sono Matteo Messina Denaro.

“La salute è una di quelle cose che prima o poi chi vuole nascondere deve rivelarsi”, ha detto Pasquale Angelosanto, generale dei carabinieri italiani, in conferenza stampa dopo l’arresto. «Grazie a una soffiata sappiamo che è malato, sappiamo da tre giorni che oggi è lì (lunedì, ndr). Un uomo che corrisponde alla descrizione che avevamo di lui verrà in questo ospedale”.

Dunque i corpi speciali della Polizia Militare erano pronti da tempo quando lunedì mattina è arrivato Denaro. L’ospedale è stato completamente transennato. Subito dopo il suo ingresso, gli agenti hanno fatto irruzione per arrestarlo. Il boss mafioso in un primo momento ha cercato di scappare, ma quando si è accorto di essere in trappola e tutte le vie di fuga sono state chiuse, ha smesso di resistere. Inoltre non nasconde più la sua vera identità. Quando gli agenti gli hanno chiesto il suo nome, avrebbe risposto subito: “Sono Mateo Messina Denaro”.

©AP

Una volta che alcuni testimoni fuori dall’ospedale si sono resi conto che l’uomo che era stato ammanettato era il famigerato boss della mafia, hanno applaudito la polizia e alzato le mani. Così sono finiti trent’anni di gestione dell'”ultimo padrino” della mafia italiana e una delle persone più ricercate al mondo.

Rimase in Sicilia

Sebbene Denaro sembrasse scomparso dalla faccia della terra dal 1993, ora sembra che non abbia mai lasciato la Sicilia. Per tutto questo tempo ha vissuto nascosto vicino alla città portuale di Trapani, nel nord-ovest dell’isola italiana. Sarebbe venuto a Palermo da solo per le cure mediche. “Al momento non crediamo che il personale dell’ospedale lo abbia protetto”, ha detto il procuratore generale Maurizio de Lucia. “Crediamo che non conoscessero la sua vera identità”.

© Afp

READ  L'Europa sfida la Polonia con sanzioni finanziarie