QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una novità mondiale a Tintin: il dottor Gilbert Donders somministra per la prima volta un nuovo vaccino contro le infezioni vaginali a una cavia

Una novità mondiale a Tintin: il dottor Gilbert Donders somministra per la prima volta un nuovo vaccino contro le infezioni vaginali a una cavia

Leggi qui il messaggio ufficiale della KU Leuven: A causa del gran numero di diversi tipi di cellule nei tumori cerebrali, che rispondono in modo diverso al trattamento, molti pazienti hanno una ricaduta e la possibilità di una guarigione completa è molto ridotta. Un nuovo test diagnostico, sviluppato dalla KU Leuven, utilizza una biopsia per indicare se un trattamento può attaccare tutte le cellule tumorali esistenti. Ciò consente di determinare in anticipo il trattamento efficace per ciascun paziente, in modo che non vengano avviati trattamenti non necessari. I risultati di questa ricerca appaiono oggi sulla rivista Cellular and Molecular Life Sciences. Ogni anno, a circa 1.000 pazienti in Belgio viene diagnosticato il glioblastoma, un tumore al cervello aggressivo. Il trattamento standard, se possibile, inizia con la resezione chirurgica, seguita da una combinazione di radioterapia e chemioterapia. Poiché i tumori cerebrali sono costituiti da molti tipi diversi di cellule tumorali, il rischio di recidiva è elevato e la possibilità di sopravvivenza è molto ridotta, nonostante i possibili trattamenti. Pertanto, vi è una grande necessità di trattamenti efficaci che uccidano tutte le cellule tumorali, in modo che i pazienti possano guarire completamente. “In passato sono stati testati diversi nuovi trattamenti per il glioblastoma, ma poiché solo un piccolo numero di pazienti ha tratto beneficio dal trattamento, gli studi clinici non sono stati continuati o non c'era la possibilità di incorporarli nel regime di trattamento”, ha affermato il professor Frederik de Smet dell'Università di Los Angeles. il Dipartimento di Fisioterapia. . Dipartimento di Imaging e Patologia presso KU Leuven. “Tuttavia, i pazienti che hanno risposto bene al trattamento possono effettivamente essere aiutati”. Ecco perché i ricercatori hanno sviluppato un nuovo metodo per determinare il trattamento ottimale per ciascun paziente utilizzando un piccolo numero di cellule tumorali del paziente, ottenute attraverso una biopsia. “Lo fanno mantenendo le cellule cerebrali in laboratorio per un breve periodo e testando su di esse diverse opzioni di trattamento. “Un piccolo numero di cellule che sopravvivono al trattamento è sufficiente per far ricrescere il tumore. Il nostro metodo ci consente di determinare facilmente l'effetto di un farmaco su tutti i tipi di cellule presenti in quel paziente, permettendoci di determinare il trattamento specifico appropriato per un dato paziente. Il modello è stato sviluppato per due trattamenti precedentemente testati e basato su modelli animali. “Prima di poter utilizzare il test su pazienti umani, sono necessari ulteriori studi clinici in ospedale per convalidare il nostro test”, afferma il professor De Smet. “Stiamo attualmente espandendo i nostri test per includere altri 15 potenziali trattamenti e testando se questo metodo può essere applicato anche ai tumori al cervello nei bambini”. Spesso ci vuole molto tempo prima che i nuovi trattamenti vengano utilizzati in ospedale perché devono ancora passare attraverso diverse fasi cliniche dopo aver ottenuto risultati positivi in ​​laboratorio. “Il grande vantaggio del nostro approccio è che non sviluppiamo nuovi trattamenti ma riutilizziamo quelli esistenti. Precedenti ricerche cliniche hanno già dimostrato che questi farmaci sono sicuri per i pazienti. Una volta che il nostro test diagnostico è pronto, i trattamenti possono rapidamente trovare la loro strada verso il mercato.” ospedale”, spiega il professor De Smet. “Anche se, a causa dei costi e delle competenze specifiche, non sarà possibile eseguire questi esperimenti in tutti gli ospedali.” Ciò che rende unico il nostro metodo è il fatto che l'eterogeneità dei tumori cerebrali può essere presa in considerazione account. Poiché non tutti gli ospedali dispongono delle attrezzature adeguate, desideriamo eventualmente collaborare con un unico centro di analisi in Europa centrale in grado di esaminare diversi campioni e fornire consigli terapeutici ai medici in loco. Testando preventivamente se i pazienti trarranno beneficio da un particolare trattamento, non vengono eseguiti trattamenti o test non necessari. Ciò fa risparmiare tempo, poiché i pazienti ricevono immediatamente il trattamento più efficace, e garantisce inoltre che non subiscano effetti collaterali negativi da trattamenti (costosi) che si rivelano non efficaci.

READ  Il sentimento della vita svizzera - Jupp - è stato finalmente sepolto