QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Una piccola decisione può capovolgere la tua vita”: il britannico mostra come il suo salto da un ponte si sia rivelato sbagliato | All’estero

Una giovane donna britannica lancia un chiaro avvertimento al mondo: non buttarti in acqua da un ponte alto, altrimenti una lunga cavalcata di teschi è minacciosa. Libby Sinden, 22 anni, ha subito una rottura della colonna vertebrale, costringendola a riabilitarsi su una sedia a rotelle per quattro mesi. Sembra che “una piccola decisione possa capovolgere la tua vita”.

Nel luglio dello scorso anno, la ragazza ha accettato la sfida di lanciarsi dal Ponte del Diavolo di quindici metri nella cittadina di Kirkby (Cumbria). Una delle sue amiche ha filmato l’acrobazia. Le foto mostrano che Sinden si è immediatamente reso conto che qualcosa era andato storto. «Mi hai fatto male alla schiena», gridò.

La ragazza riuscì a fluttuare di lato grazie alle sue forze. Tuttavia, la sofferenza è continuata per più di tre ore. I servizi di emergenza hanno impiegato così tanto tempo per farla uscire dall’acqua in modo sicuro e responsabile.

Questo è stato seguito da un intervento chirurgico di sei ore per spingere le aste e le viti necessarie nella sua colonna vertebrale. Sinden ha dovuto imparare di nuovo a camminare e ha potuto muoversi su una sedia a rotelle per soli quattro mesi.

“È come se avessi colpito un muro di pietra.”

“Ho visto spesso persone saltare da quel ponte, anche bambini. Non c’era nessun problema”, racconta la ragazza. “Quando sono tornata, ho sentito un misto di adrenalina, nervosismo e paura. Era come se stessi colpendo un muro di pietra con tutta la forza”.

Una delle sue vertebre sembrava incrinata. Una parte del suo osso è entrata anche direttamente attraverso il canale spinale, esercitando pressione sul suo rene. Sinden si rende conto che “non importa se sei paralizzato”.

READ  Una grande simulazione che mostra cosa potrebbe essere Anversa... (Anversa)

“Non fare quello che ho fatto”

A un anno dai fatti, la giovane ne subisce ancora le conseguenze. “Ho dovuto ancora andare dal fisioterapista per molto tempo, perché soffrivo ancora. Non mi è più permesso camminare o qualsiasi altra forma di sforzo attivo. I miei amici e parenti sono stati molto di supporto, ma la mia più grande motivazione è arrivata dall’avere il mio cane Sahara. Il mio obiettivo principale era poter camminare e giocare di nuovo con lei”.

Sinden ora vuole fondamentalmente creare consapevolezza. “Tutti commettono errori, ma non fare quello che ho fatto io. Una piccola decisione può capovolgere la tua vita”.

Guarda anche: