QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una rivoluzione nel calendario ciclistico: dal 2026 basta corse scaglionate come Parigi-Nizza e Tirreno

Tra quattro anni, il calendario delle gare top, le gare del World Tour, sarà molto diverso. Dal 2026 non ci saranno sovrapposizioni di gare WorldTour, ha annunciato il CEO di UCI Peter Van den Abeele sul podcast attraverso Da Gioca allo sport. Al momento si svolgono contemporaneamente diverse gare importanti, come UAE Tour, Omloop Het Nieuwsblad, Parigi-Nizza, Tirreno-Adriatico, Giro di Catalogna, Bruges-De Panne, E3, Gent-Wevelgem e così via.

Michael Van Dam

La revisione del calendario WorldTour, con l’innovazione più realistica per tutte le gare che avranno una storia unica, è la realizzazione di una piattaforma di consultazione tra squadre, UCI, organizzatori e corridori (attraverso il loro sindacato CPA), chiamata OneCycling.

“Quest’anno abbiamo discusso per riformare il ciclismo”, afferma Peter van den Apel. Richard Plug e Patrick Lefèvre (Teste Jumbo-Visma e Soudal-Quick Step rispettivamente, ed.) ne hanno fatto parte per conto delle squadre. Siamo partiti da un foglio bianco. Sono stati discussi i diritti televisivi e come possiamo rendere il nostro prodotto più attraente. La riorganizzazione del calendario fa parte di questo.

Richard Plugg e Patrick Lefebvre hanno contribuito a creare le innovazioni. © Roel Dijkstra

Se non ci fossero più gare sfalsate, i migliori corridori sarebbero meno in grado di evitarsi a vicenda. I migliori ciclisti che competono l’uno contro l’altro nelle gare più importanti dovrebbero approfittare del fascino del ciclismo.

“Abbiamo presentato le prime conclusioni all’ultimo WorldTour Symposium. Dal 2026 rivedremo completamente il calendario. Una delle novità è che non permetteremo più sovrapposizioni nelle gare maschili. Non sarà facile, ci saranno meno partite da renderlo possibile”.

Un altro risultato importante è la cooperazione nel campo della sicurezza. Vedremo i risultati della prossima stagione. Tutti capiscono che la sicurezza non è solo una questione che riguarda gli organizzatori, l’UCI o le squadre. Ma i piloti sono le vittime se qualcosa va storto. Ogni gara del circuito WorldTour e Procontinental richiederà a un rappresentante di completare un corso di tre giorni con noi a gennaio e febbraio 2023. Questa persona diventerà quindi il punto di contatto per la sicurezza nella gara in questione, per i corridori, l’UCI e le squadre”, ha detto van den Abel.

READ  LIVE: Tiki Taka e il mago Leroy Sane portano il Bayern in vantaggio contro l'Inter | UEFA Champions League 2022/2023