QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

vivi l’ucraina.  Kiev aumenta la produzione di droni ma rinuncia alla speranza di schierare gli F-16 quest’anno |  Guerra Ucraina e Russia

vivi l’ucraina. Kiev aumenta la produzione di droni ma rinuncia alla speranza di schierare gli F-16 quest’anno | Guerra Ucraina e Russia

00:34

L’Ucraina sta perdendo la speranza di schierare gli F-16 quest’anno

L’Ucraina non sarà più in grado di utilizzare gli F-16 americani questo inverno e autunno. Ha detto il portavoce dell’aeronautica militare ucraina alla televisione nazionale. È stato a lungo chiaro che non saremo in grado di difendere l’Ucraina con caccia F-16 questo inverno e autunno.

L’Ucraina ha regolarmente ordinato F-16 ai suoi alleati occidentali, il che secondo il presidente Zelenskyj sarebbe stato un segno che l’invasione russa sarebbe finita con una sconfitta.

Il presidente degli Stati Uniti Biden ha autorizzato i programmi di addestramento per i soldati ucraini per pilotare gli F-16 a maggio, ma non è stato ancora fissato un calendario per quando l’Ucraina avrà effettivamente i caccia.

“Riponiamo le nostre speranze che questo aereo diventi parte della nostra difesa aerea e che ci protegga dai missili russi e dai droni terroristi”, ha detto il portavoce.

L’Occidente afferma di voler aiutare l’Ucraina a sconfiggere la Russia, ma ha ripetutamente affermato di non voler provocare uno scontro diretto tra i paesi della NATO e Mosca.

23:46
Ieri

Kiev intensifica la produzione di velivoli senza pilota

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato che il suo paese produrrà più droni. Secondo lui, sono di grande importanza nella lotta contro i russi. “I droni sono gli occhi e la protezione della prima linea”.

Zelensky ha anche sottolineato che le consegne internazionali di droni sono importanti per le sue forze. “In ogni brigata da combattimento, i combattenti sono i primi a chiedere droni, guerra elettronica e difesa aerea militare”. Il presidente ha compiuto diverse visite al fronte nei giorni scorsi per parlare con i soldati presenti.

READ  La Francia è stata danneggiata dalle acque reflue britanniche nel canale

Nelle ultime settimane, l’Ucraina ha lanciato con successo una serie di attacchi di droni contro obiettivi russi, come Mosca e la Crimea. Zelensky non ha detto quanti droni Kiev volesse produrre.

23:44
Ieri

Zelensky: primo utilizzo del nuovo corridoio del grano “passo importante”

La partenza della prima nave mercantile dal porto di Odessa sul Mar Nero verso lo Stretto del Bosforo attraverso una rotta marittima alternativa stabilita da Kiev è “un passo importante per ripristinare la libertà di navigazione sul Mar Nero”. Questo è ciò che ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su X, ex Twitter, mercoledì.

È stato il ministro delle Infrastrutture ucraino Oleksandr Kubrakov ad annunciare oggi che una nave portacontainer ha lasciato il porto di Odessa per navigare verso lo stretto del Bosforo attraverso la “corsia temporanea creata per le navi civili”. Tuttavia, dopo la scadenza dell’accordo sul grano il mese scorso, la Russia ha minacciato di considerare qualsiasi nave diretta o proveniente da un porto ucraino come un potenziale obiettivo militare. In risposta, Kiev ha fatto lo stesso con le navi in ​​arrivo o provenienti dai porti ucraini occupati dai russi.

La scorsa settimana, l’Ucraina ha annunciato di aver aperto passaggi “temporanei” sul Mar Nero per trasportare il grano ucraino via mare. “La prima nave civile è entrata nel nuovo corridoio umanitario ucraino”, ha confermato Zelensky mercoledì sera. L’omaggio è stato dato alla nave tedesca Josef Schulte.

Nave tedesca Josef Schulte. ©AP

Dalla fine dell’accordo sul grano, la Russia ha nuovamente voluto bloccare le esportazioni di grano ucraino attraverso il Mar Nero. Da allora, il Danubio è stato un’importante via alternativa. Tuttavia, diversi porti lungo il fiume furono attaccati dal cielo dalla Russia. Come lo scorso martedì sera. Secondo Zelensky, si tratta di attacchi contro “l’approvvigionamento alimentare mondiale”. Qualsiasi attacco russo a questi porti infliggerebbe un duro colpo ai prezzi alimentari globali e alla stabilità sociale e politica in Africa e in Asia.

READ  La prima nave grano dall'Ucraina attracca di nuovo in Turchia | All'estero

La stessa analisi è in corso a Washington. Mercoledì, un portavoce del ministero degli Esteri russo ha affermato che gli attacchi russi dimostrano che il presidente Vladimir Putin non si preoccupa della sicurezza alimentare globale. “questo è inaccettabile.”

In questa foto fornita dall'ufficio stampa del Ministero delle Infrastrutture ucraino, la portacontainer Josef Schulte (bandiera di Hong Kong) lascia il porto di Odessa per percorrere il corridoio temporaneo creato per le navi mercantili dai porti ucraini del Mar Nero a Odessa, in Ucraina, il Mercoledì 3 agosto. / papà.  16, 2023. La nave che trasportava più di 30.000 tonnellate di carico, compresi i prodotti alimentari, che si trovava nel porto di Odessa dallo scorso febbraio a causa dell'invasione russa dell'Ucraina, ha lasciato Odessa in base a un accordo tra l'Ucraina e l'Organizzazione marittima internazionale.  (Ufficio stampa del Ministero delle Infrastrutture ucraino tramite AP)
In questa foto fornita dall’ufficio stampa del Ministero delle Infrastrutture ucraino, la portacontainer Josef Schulte (bandiera di Hong Kong) lascia il porto di Odessa per percorrere il corridoio temporaneo creato per le navi mercantili dai porti ucraini del Mar Nero a Odessa, in Ucraina, il Mercoledì 3 agosto. / papà. 16, 2023. La nave che trasportava più di 30.000 tonnellate di carico, compresi i prodotti alimentari, che si trovava nel porto di Odessa dallo scorso febbraio a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, ha lasciato Odessa in base a un accordo tra l’Ucraina e l’Organizzazione marittima internazionale. (Ufficio stampa del Ministero delle Infrastrutture ucraino tramite AP) ©AP

23:21
Ieri

La NATO conferma la sua posizione sull’Ucraina dopo aver parlato con il presidente del Consiglio dei ministri Stoltenberg

La NATO ha confermato mercoledì che la sua posizione sull’Ucraina e sull’integrità territoriale del paese non è cambiata. I dubbi sono stati sollevati martedì dopo che il capo del gabinetto del segretario generale Jens Stoltenberg ha affermato che l’adesione dell’Ucraina all’alleanza militare potrebbe essere facilitata se il paese cedesse parti del suo territorio alla Russia. Sembra che questo sia stato un “errore”.

“La posizione della NATO è chiara e non è cambiata”, ha detto mercoledì un portavoce all’agenzia di stampa spagnola IFE. E come i leader della NATO hanno sottolineato al vertice di Vilnius a luglio, sosteniamo pienamente la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina. Il portavoce ha detto che il suo Paese potrà contare sull’appoggio della Nato finché sarà necessario e deciderà da sé “quando e in quali circostanze ci sarà la pace”. È anche chiaro che occorrono garanzie di sicurezza per garantire che la guerra non si ripeta”, ha affermato.

È stato il capo di gabinetto di Stoltenberg, il collega norvegese Stian Jensen, a gettare la mazza nella stalla martedì durante un forum politico nel suo paese d’origine. “Penso che una delle soluzioni potrebbe essere che l’Ucraina rinunci a parte del suo territorio, e poi possa entrare a far parte della NATO in cambio”, ha detto al quotidiano locale VG. Le autorità ucraine hanno risposto immediatamente con forza. Un portavoce del ministero degli Esteri a Kiev ha definito lo scenario “totalmente inaccettabile”.

READ  I medici chiedono a Putin di rilasciare l'attivista russo (33 anni) condannato a 7 anni di carcere | al di fuori

Lo stesso Jensen è strisciato nella polvere mercoledì mattina. “La mia dichiarazione su questo argomento faceva parte di una discussione più ampia sui possibili scenari futuri in Ucraina, e non dovrei dirla in questo modo. Era sbagliato”.

Stian Jensen e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.
Stian Jensen e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. © Camper / AFP