QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Vorburgs Dagblad | Virologo Osterhaus: i bambini della scuola primaria vengono testati molto

Il virologo Ab Osterhaus ha affermato, martedì, che i bambini delle scuole primarie dovrebbero essere testati più spesso, al fine di prevenire la diffusione del virus Corona. Risponde alla notizia che il Gabinetto vuole allentare le regole nelle scuole primarie. E presto, l’intera classe non dovrà tornare a casa se un bambino viene infettato, mentre il numero di casi di coronavirus tra i bambini piccoli è aumentato nelle ultime settimane.

Spesso prendono il virus a scuola o all’asilo, secondo i dati settimanali dell’Istituto nazionale di sanità pubblica e ambiente (RIVM). Osterhaus ha affermato che i bambini infetti non si ammalano da soli e hanno meno probabilità di trasmettere il virus agli adulti, ad esempio, “ma ciò non significa che non lo trasmettano affatto”.

Capisce che il governo dovrebbe includere l’importanza di un’istruzione di qualità per i bambini nel processo decisionale sulle regole nelle scuole. “Ma come virologo, ovviamente sarebbe meglio mandare a casa l’intera classe nel caso in cui si verificasse un’infezione. Se poi scegli di non farlo, devi dare per scontato che testerai spesso i bambini. Ad esempio , autotest ogni mattina”.

Per ora, il consiglio è che nessun bambino dell’istruzione primaria debba fare l’autotest per Corona. Osterhaus si rende conto che non è facile organizzare questo per scuole e genitori, “ma il principio è che si selezionano i casi positivi attraverso i test. Questo vale per tutti i gruppi di popolazione e tutte le età”.

Il governo intende rilassare di più le cose. Ad esempio, dal 25 settembre verrà emanata la regola dei 1,5 metri e i club potranno riaprire, anche se fino a mezzanotte. Rilassarsi significa aumentare il rischio di infezione, ha detto Osterhaus, ma data la campagna di vaccinazione non sarà così fuori controllo come l’anno scorso.

READ  Focolaio di influenza aviaria in un commerciante di uccelli a Minin

La domanda rimane: gli ospedali possono affrontarlo? Sono preoccupato per questo, ma principalmente perché è probabile che ci sia un’ondata di influenza. L’influenza ha già travolto gli ospedali anche senza Corona. L’anno scorso, non c’è stata un’ondata di influenza a causa delle misure Corona. Osterhaus: “Di solito, dopo un anno di influenza ‘debole’, vediamo che il prossimo anno è sempre difficile. Quindi consiglio a tutti coloro che sono chiamati a fare un vaccino antinfluenzale di farlo. Ora è più importante che mai”.

A cura di: ANP | Foto: Op1 ancora NPO