QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Associazione per la cura della persona – Arts en Auto

Associazione per la cura della persona – Arts en Auto

Standard, linee guida e protocolli costituiscono la spina dorsale dell’assistenza sanitaria. I medici devono attenersi a questo. Tuttavia, la standardizzazione delle procedure mediche smentisce il fatto che ogni paziente è diverso. Di questo vuole occuparsi la Nuova Associazione Personal Care. Un buon motivo per rivolgere due domande e cinque dichiarazioni al sociologo medico e ricercatore sanitario Dr. Nico van Wert, uno dei fondatori di questa associazione.

1) Cosa c’è che non va nell’assistenza sanitaria che rende necessaria la creazione della propria comunità?

Troppo spesso vediamo che il trattamento standard viene applicato senza un’adeguata considerazione dei fattori e delle circostanze personali. La ricerca mostra che i professionisti spesso non conoscono gli obiettivi terapeutici dei loro pazienti. C’è ancora un mondo da vincere per il paziente.

2) Il vostro sito web afferma: “L’associazione mira a promuovere e migliorare la cura personale”. La mia prima reazione è stata: allora dobbiamo tornare indietro nel tempo a prima delle norme e delle linee guida obbligatorie, che venivano (anche) “imposte” dai comitati disciplinari e dalle compagnie di assicurazione sanitaria.

Non chiediamo la ritirata. Gli standard e le linee guida forniscono indicazioni. Tuttavia, dovrai determinare se sono applicabili a un caso individuale e come applicarli per fornire un'assistenza ottimale in un caso particolare. Ciò risale ai principi della medicina dell’evidenza, ma nella pratica è stato trascurato. Ad esempio, è stato dimostrato che in un gruppo di pazienti oncologici più anziani, più di un quarto non ha tratto beneficio dall'intervento chirurgico indicato secondo l'Oncology Working Group.

3) Per molti medici, una buona assistenza significa agire in conformità con standard, linee guida e protocolli. Deviare da questo può essere vantaggioso per il paziente, ma i medici stanno camminando su un terreno difficile.

READ  Prima terapia genica per la SMA: uno sviluppo promettente

Un buon professionista non è mai schiavo delle linee guida. Ciò non sarebbe nell’interesse del paziente e questo interesse, ovviamente, deve venire prima. Fortunatamente, gli operatori sanitari stanno trovando il coraggio di fare la cosa giusta e il modo di non farlo in modo sconsiderato. Un esempio di quest'ultimo è avere un collega che monitora un'altra disciplina.

4) Gli standard e le linee guida stanno diventando più precisi. Il singolo paziente viene sempre più preso in considerazione. Cosa aggiunge la tua comunità a tutto questo?

Ma ecco il punto: la combinazione di possibilità di personalizzazione della cura che si presenta! Adottiamo linee guida rigorose. Siamo favorevoli a prendere sul serio le decisioni congiunte. Utilizzare aiuti decisionali. Utilizzare anche gli strumenti per stabilire gli obiettivi del trattamento. Utilizzare approfondimenti provenienti da altre discipline e professioni. Non devi inventare da solo il tuo intero approccio: costruisci su ciò che offrono gli altri. Sosteniamo questo aspetto tra gli operatori sanitari e le organizzazioni sanitarie e forniamo il nostro aiuto discutendo tra loro le pratiche sanitarie personali e distribuendo idee e materiali.

5) La vostra Società scrive: Nel trattare un paziente si devono tenere in considerazione fattori genetici, microbici e sistemici come allergie, comorbilità, fattori socioeconomici e culturali, stile di vita, età, ambiente di vita ecc., anche con l'intelligenza artificiale questo sembra irraggiungibile ideale.

Chiunque può iniziare con i passaggi che massimizzeranno il beneficio per il proprio gruppo di pazienti. Aiuta anche a riunire questioni di diverse discipline (che spesso sono già incluse). E se accetti i risultati relativi al paziente che un approccio personalizzato produce nella tua pratica, puoi migliorare il tuo approccio.

READ  Possiamo festeggiare il Natale? • Famiglie disperate di prigionieri di guerra ucraini. • Groningen attrae lavoratori

6) La Personalized Care Association desidera “un'assistenza che sia attivamente e sistematicamente adattata ai bisogni, alle preferenze e ai valori del paziente”. Ma a parte il fatto che “i pazienti che pensano agli sviluppi nella cura della persona” possono diventare membri per 150 euro all'anno, non sono pazienti sul sito e nelle attività.

La competenza sperimentale fa parte del DNA dell'associazione. L’esperienza di convivere con la malattia e di beneficiare delle cure esiste tra un’ampia percentuale dei nostri membri e ciò fornisce un prezioso input per la riflessione e il dialogo. Tre esperti esperti hanno contribuito alla preparazione della relazione tecnica*. Inoltre partecipano spesso ai nostri incontri e apportano la loro esperienza. C'è anche la partecipazione occasionale di esperti esperti: a volte come relatori su invito, a volte come parte interessata attraverso la registrazione aperta. Ogni presentazione ad uno studio di cura personale affronta la prospettiva dei pazienti e il modo in cui questa viene inclusa negli sviluppi. Vogliamo anche capirlo chiaramente nel nostro dialogo dopo le presentazioni e trasferirlo ad altre pratiche/alle nostre pratiche. L'associazione riunisce anche il punto di vista degli operatori sanitari e degli esperti con altri punti di vista, come quelli degli amministratori e delle compagnie assicurative.

7) L’associazione è inoltre iscritta alla Camera di Commercio come “Associazione Sanitaria della Persona”, la vision è espressa nel “Libro Bianco”, i soci che ne costituiscono il nucleo sono detti “Soci Fondatori”, e solo i soci possono prendere note su “Pratiche ispiratrici per l’assistenza sanitaria” e “Soluzioni pratiche”…. Ciò dà un’impressione un po’ elitaria ed è ostile sia al medico che al paziente.

L'iscrizione alla Personal Care Association è aperta a tutti. Parte del nostro scambio è legata all'iscrizione e parte avviene attraverso l'iscrizione aperta o i media pubblici. Questo è comune e non ostile. Se involontariamente diventiamo ostili, dobbiamo fare qualcosa al riguardo.

READ  Lo studio ha rilevato che la variante delta non ha causato casi più gravi nei bambini e negli adolescenti

*Un PDF di questo può essere trovato all'indirizzo Sito web della comunità