QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Bauke Mollema trova inquietante l’inizio del Giro in Ungheria: “Siamo felici di essere in Italia”

Bauke Mollema trova inquietante l’inizio del Giro in Ungheria: “Siamo felici di essere in Italia”

venerdì 6 maggio 2022 alle 12:30

Colloquio

Bauke Mollema non vede l’ora del lancio del Giro d’Italia, ma non vede l’ora della Grande Bardensa. Quest’anno è a Budapest, la capitale dell’Ungheria. Per l’olandese 35enne di Trek-Sekafredo, questo non era così necessario. In una conferenza stampa mercoledì pomeriggio, ha deciso di chiudere Dolore al culo

Mollema non sa esattamente dove si trova. Sta ancora lottando con le conseguenze dell’incidente che ha coinvolto Julian Alabilippe a Liegi-Bastogne-Liegi. “Non sono più giovane”, ride. “Nelle ultime due settimane mi sono sentito un po’ duro da vecchio. La schiena mi faceva un po’ male, ma avevo anche problemi alle costole e alle ginocchia. Non esattamente, ma sono stato in grado di completare tutti i miei esercizi pianificati. Ho costruito un po’ più di silenzio. Ora che siamo qui, dovremo aspettare e vedere come appare il mio modulo.

“Ho degli appuntamenti con il medico delle fratture nei prossimi giorni”, continua. “Ma mi aspetto che migliorerà quando inizieremo, e migliorerà tra tre settimane. Sono stato in grado di fare i miei esercizi di resistenza e intensità. Sono sicuro che la mia salute è stata stabile fino al campionato. Ma i miei valori in allenamento la scorsa settimana erano un po’ più bassi ma comunque buoni.Penso che quel livello sia ancora lì.Adesso spero di riuscire ad un certo punto.

Mollema ha vinto ad un certo punto del tour dell’anno scorso – Foto: Cor Vos

Rapitore di ritorno
L’ex vincitore di tappa del Tour de France e della Vuelta a España lo fa felicemente. “Certo! Salire su un aereo è meno stressante che guidare in una classifica. Non vedo l’ora. Sono pronto per questo, però, a seconda di come sono le gambe. Ma è troppo tardi per dire quali corse sono appropriate per i fuggitivi. La classifica da montagna è un obiettivo? No assolutamente no. Se sei fortunato per qualche giorno e hai raccolto tanti punti, sei nel mezzo. Quindi no, quello non è un obiettivo”.

READ  Delizioso pistacchio in Italia

Comunque, Trek-Sekafredo è partito alla grande. Oltre a Mollema, ci sono anche gli alpinisti Giulio Chicone, Matthias Skelmos e Juan Pedro Lopez. Tredicesimo classificato nella finale dell’ultima Volda. “Chickon entra in una buona classifica. Era a pochi giorni dalla finale dell’anno scorso, fino a quando non se ne è andato. Adesso può farlo di nuovo. In futuro, Skjelmos potrebbe competere nella top-10 o superiore. Ora sta facendo il suo debutto, quindi come reagirà alle tre settimane di gara?

Trasferimento dall’Ungheria all’Italia
La Grande Bardensa quest’anno è in Ungheria, ma Mollema ci pensa qualcosa. “Non ho ancora la sensazione di Zero. Ci sono stato solo un giorno. Non vedo l’ora di saperne di più dopo la presentazione di gruppo più tardi oggi Sentimento A. Non abbiamo incontrato molti ciclisti durante un giro gratuito qui. Non mi sentivo molto al sicuro nel traffico.

“L’intero viaggio è stato un Dolore al culo, sono molto preoccupato che non siamo partiti in Italia e dovremo volare dopo tre giorni. Il giorno libero non è un vero giorno libero perché devi viaggiare. Sarebbe stato bello volare domenica sera, ma non l’avremmo fatto fino a lunedì mattina. Sono felice quando siamo in Italia.