QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Beffa in seno alla Commissione europea per la candidatura di von der Leyen |  al di fuori

Beffa in seno alla Commissione europea per la candidatura di von der Leyen | al di fuori

Il commissario europeo Thierry Breton (Mercato interno) ha criticato pubblicamente l'elezione della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a leader del Partito popolare europeo alle prossime elezioni europee di giugno. Date le dimensioni della sua base di sostegno, se gran parte degli elettori del suo partito si astengono, Britton si chiede quale potrebbe essere la X.

Colpisce la presa in giro del suo collega diretto perché la Commissione Europea, l’organo esecutivo dell’Unione Europea, deve essere imparziale. Ci sono anche regole rigide per i membri della campagna. Ai membri non è consentito farlo in qualità di membri del comitato e devono utilizzare altre piattaforme social per i discorsi elettorali.

Sembra che il francese Breton, membro del blocco liberale del Partito europeo, non abbia rispettato queste regole. Perché il suo commento è sul suo conto Un portavoce della Commissione europea ha affermato oggi che, in risposta alla questione, garantirà che tutti i 27 commissari, uno per ciascun paese dell'UE, ricevano un promemoria delle regole relative alle elezioni e alle campagne elettorali.

Candidato principale

Il Partito popolare europeo, il gruppo ombrello dei partiti europei di centrodestra, ha nominato giovedì la tedesca Ursula von der Leyen leader del partito durante una conferenza del partito a Bucarest. Ciò la rende la candidata più importante per questo partito ad assumere nuovamente la presidenza della Commissione europea per altri cinque anni dopo le elezioni. Si è chiesto: “È giusto affidare ancora una volta, per 25 anni consecutivi, la gestione degli affari europei al Partito popolare europeo?” “Sembra che lo stesso PPE non creda nel suo candidato”, scrive Breton su X. Breton sottolinea che 400 deputati del Ppe a Bucarest hanno scelto von der Leyen come leader del partito e che 89 voti sono stati contrari. Ma secondo Breton i votanti erano complessivamente 801. Pertanto, un gran numero di loro non ha voluto o non ha osato parlare pubblicamente.

READ  New York apre al pubblico l'isola proibita dove per la prima volta vengono seppelliti al pubblico più di un milione di corpi

Secondo i sondaggi d'opinione, il Partito popolare europeo, di cui fa parte anche il CDA olandese e che presto dovrebbe includere anche il BBB e l'NSC, sembra essere tornato ad essere il più grande partito politico europeo. Ciò rende probabile che von der Leyen otterrà effettivamente un secondo mandato a capo del comitato.