QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Beneficio della Coppa Benatar: i giovani hanno ricevuto un caloroso benvenuto al Red Flames | fiamma rossa

Questa sera la Fiamma Rossa gioca in Spagna la finale della Coppa Pinatar contro la Russia. È un torneo di allenamento, ma in gioco c’è molto di più del semplice onore. Per molti dei nuovi arrivati ​​si tratta del primo stage all’estero con il Team A. Importante da integrare soprattutto con la candidatura per l’Europeo in Inghilterra la prossima estate.

Per la Coppa Pinatar, i Flames alloggeranno presso il resort La Finca ad Algorfa. Anche la selezione e l’ambientazione eccellenti sono di prim’ordine. A titolo di esempio: lo chef che cucina per i Red Devils, tra gli altri, ha viaggiato con lui. Buon esempio dell’evoluzione delle fiamme, anche nel telaio.

“Il talento e l’etica del lavoro devono venire dall’interno, ma ora il tutoraggio fa un’enorme differenza. Ora tutto è lì per svilupparsi nel miglior modo possibile”, afferma Janice Kayman, 33 anni.

“Quando sento storie di com’era 10 o 15 anni fa, fa un’enorme differenza” – lei stessa ha ancora solo 24 anni, aggiunge Tinny de Kinney. L’evoluzione non si ferma”.

Ora tutto è lì per svilupparlo nel miglior modo possibile

Janice Cayman

signora del diavolo rosso

In effetti, per i giovani talenti che si sono uniti al gruppo, come Amber Tysiak, le cose ora sembrano molto diverse. Dieci anni fa, Tysiak avrebbe dovuto essere chiamata “Red Devil” invece di Red Flame, un soprannome che non è mai stato sentito prima, ma che evoca giustamente come era vista la squadra nazionale femminile dell’epoca.

“Il calcio femminile in Belgio si è sicuramente sviluppato molto. Ma l’ideale resta che puoi concentrarti solo sul calcio, anche se non tutti possono farlo nel nostro Paese”, osserva Tessiak (22).

(Leggi di più in fondo al post.)

Storia olandese

Il difensore studia part-time all’HDC di Leuven (olandese e storico) e lo combina con il calcio. Fortunatamente, può contare su molta comprensione da parte del management.

“Non è chiaro se ora sono assente da questa formazione, quindi vorrei ringraziare ancora una volta la direzione per avermi dato questa opportunità”, ride.

Hannah Urlings, compagna di squadra di Tesiak nella squadra femminile di Flames e OHL, combina il calcio con lo studio. Il diciannovenne non sta ancora pensando all’estero, ottenendo prima quel diploma, “anche se non sai mai cosa accadrà”.

Tysiak potrebbe essere più propenso a fare questo passo. Di recente ha scelto Let’s Play come gestione. “La trasferta è comunque un gol, ma prima finiamo bene questa stagione con l’OHL e poi vedremo”.

Dodici presenze all’anno, non mi aspettavo che le cose andassero così bene.

Ambra Tsyak

Più fiducia attraverso le fiamme

Dei 26 giocatori attualmente in Spagna, 12 hanno meno di 23 anni. Sarri Kiss (20) e Jill Janssens (18) sono già intervenuti. Marie Minart (22), Sarah Winantes (22), Orlings (19) e Tysiak (22) erano già nella formazione di partenza con Flames.

Tysiak ha raccolto fino a 12 partite internazionali in un anno, in 11 delle quali è stata giocata l’intera partita. “Non mi aspettavo che le cose andassero così bene”, ha detto il difensore centrale della OHL.

Tuttavia, Tessiak non osa descriversi con certezza. “Sono diventato più verbale con la fiamma. Mi sento bene sul set e divento anche più sicuro di me. Molti dicono che ho un aspetto calmo. È bello sentirlo, ma è sicuramente anche dovuto alla mia esperienza con la fiamma”.

Eurlings attraversa tra base e sponda. Tuttavia, non si conta automaticamente nella selezione del Campionato Europeo. “Esibirsi prima, poi anche nelle qualificazioni e nelle qualificazioni ai Mondiali di aprile. Certo che ci voglio andare, ma la scelta l’ha fatta l’allenatore. Raggiungere l’Europeo è un sogno che si avvererà”.

(Leggi di più sotto l’immagine.)

Il portiere Ded Lemy ha parato tre calci di rigore contro il Galles.

Pinatar né l’Algarve

Integrazione di Eurlings & Associates. Quindi sta andando bene, non solo fuori dal campo: in Coppa Pinatar i giovani si sono integrati perfettamente con la squadra, Sari Kiss (primo tempo 90 minuti) e Jill Janssens hanno messo a segno una buona prestazione contro il Galles. Sembra che la base sia diventata più ampia e più forte rispetto al Campionato Europeo del 2017.

Il Belgio è al primo posto nella Coppa Benatar, mentre la Coppa dell’Algarve si gioca attualmente con paesi come Norvegia, Danimarca e Italia. Le partite contro avversari più forti non sarebbero migliori, dal punto di vista dell’Europeo?

“Penso che questa fase sia stata scelta perché si adatta meglio ai preparativi per le qualificazioni ai Mondiali di aprile. Sono lo stesso tipo di aratri, con un muro solido. E segnare, vincere, fa sempre bene alla fiducia”. dice Tessiak.

Contro i grandi paesi siamo molto rapidamente nel nostro guscio.

Eurlings spiega di più. “Uno dei nostri più grandi successi è aver osato giocare a calcio. Abbiamo quella qualità, ma rimaniamo indietro molto rapidamente contro i grandi paesi. Dobbiamo giocare contro i paesi qui così come contro il Kosovo e l’Albania, il che è positivo per questo. E ci saranno le partite di allenamento prima dell’Europeo”.

Era chiaro che la differenza con i principali paesi era ancora enorme, dalle qualificazioni ai Mondiali in Norvegia in ottobre. Ha perso senza possibilità 4-0. “Ma se continuiamo a fare dei passi, questa differenza si ridurrà sempre di più. Penso che sarebbe comunque meglio se giocassimo ora contro la Norvegia”, conclude Tessiak.

Il Belgio ha raggiunto la finale della Coppa Pinatar dopo aver battuto la Slovacchia per 4-0 e ai rigori dopo un pareggio a reti inviolate con il Galles.

Guarda il report di Sportweekend

READ  Gert Dweck, il salvatore dell'Anderlecht che non si fa scrupoli per accordi multimiliardari | Jupiler Pro League