QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Campinarts sull’avventura ruandese: “Non voglio guidare su e giù per TED per un mese” | piattaforma

Per Victor Campinaarts il capitolo della cronometro è attualmente chiuso. Il detentore del record mondiale orario ha puntato al classico dalla scorsa stagione, ma Campenaerts non sarebbe Campenaerts se non fosse sempre alla ricerca di modi improvvisati per raggiungere i suoi obiettivi.

Per essere in perfette condizioni per la primavera, sceglierà presto un’ottima posizione per la preparazione. Con i compagni di squadra Brent van Muir e Florian Vermeersch, si recherà in Ruanda in Africa orientale.

“Sono molto felice che Lotto Soudal voglia supportarmi in questo piano”, afferma Campinarts. “Sono già stato in Namibia due volte. Come esperto di tempi, è stata un’ottima configurazione, ma le strade asfaltate in quel paese erano quasi tutte pianeggianti. Quindi ora stavo cercando un luogo dove potevo guidare ad un’altitudine più elevata .”

La maggior parte dei ciclisti oggi sceglie il Monte Teide a Tenerife per guadagnare quota in inverno, ma i Campanaerts sono adatti per essere preparati poiché devono salire e scendere dalla stessa montagna ogni giorno.

“Sicuramente non voglio andare a un TED per questo motivo. Non è la configurazione ideale per me. E quello che ho imparato da tutti i viaggi come ciclista è che molto del ciclismo viene effettivamente fatto in tutto il mondo .”

“In Namibia mi è stato detto che ci sono molte opzioni in Ruanda in termini di corsi diversi e che ci sono molti investimenti nel turismo sportivo”.

“Puoi anche volare lì direttamente da Bruxelles. Un altro vantaggio rispetto alla Namibia”.

Pertanto, tre costumi rossi Lotto-Soudal saranno in mostra per un mese a gennaio sulle strade ruandesi, adiacenti al Congo. Il team invia anche un supervisore, un medico e un meccanico di biciclette.

READ  Guarda la finale di Walloon Arrow | Mercoledì dalle 14:00 Arrow Wallon 2021

“Non è un lusso superfluo, perché stai guidando lì sull’equatore, quindi le bottiglie in più non farebbero male”, ride Campinarts.