QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

CEO di Flanders Classics, Van den Spiegel: “La Coppa del Mondo a Lovanio deve restare con la gente dopo” | campionato del mondo di ciclismo

Una nuova occasione per la gloria belga e dopo i giochi un’occasione per una promozione d’oro, perché i Mondiali si svolgeranno nel nostro Paese dal 19 al 26 settembre. “Nel coordinamento belga”, ha dichiarato al podcast De Tribune Thomas van den Spiegel, CEO di Flanders Classics, il co-organizzatore.

regolamentazione pesante

Con le classiche delle Fiandre, Van Den Spiegel ha molta esperienza quando si tratta di organizzare gare ciclistiche: le precedenti edizioni, tra le altre, del Giro delle Fiandre e del Gent-Wevelgem sono venute dalla sua mano.

I campionati del mondo – le prove a cronometro tra Knokke-Heist e Bruges e le gare su strada che iniziano ad Anversa e terminano a Lovanio – si svolgeranno dal 18 al 26 settembre. Van Den Spiegel sponsorizzerà l’organizzazione con Golazo, organizzatore del Van Damme Memorial e BinckBank Tour, tra gli altri.

“Se l’avessi chiesto un anno fa, avrei detto che eravamo molto in anticipo sui tempi. E che nessuno l’avrebbe mai organizzata come facciamo noi. Ma devo dire che è un’organizzazione molto dura, perché stai parlando su un evento di 8 giorni con molti eventi collaterali.”

“Probabilmente è il più grande evento che abbiamo organizzato per noi e Golazzo. Raramente si tratta di gare”. (Ride)

In termini di carico di lavoro, questa Ronde van Flander è doppia? “È molto difficile da dire. Puoi confrontare la corsa su strada maschile di domenica con la gara della Ronde, ma mancano ancora 7 giorni di eventi e prove a cronometro”.

“Inoltre, questo è in gran parte finanziato dai soldi del governo, e ciò significa che c’è anche un’aspettativa che dobbiamo soddisfare”.

Naturalmente teniamo conto anche delle attuali misure Corona per gli eventi, ma siamo ottimisti al riguardo. Ieri ero al Jan Bridle con altri 24.000″.

“L’intenzione è sicuramente che qualcosa si attacchi e di cui si parlerà negli anni a venire. Quindi ora stiamo anche iniziando a comunicare in modo completo sulla nostra Coppa del Mondo e i piloti non lasceranno Anversa dal nulla”.

Volevamo in particolare un corso di belga per uomini e donne.

CEO Thomas van den Spiegel

Possibilità per Van Aert e Kopecky

Il corso stesso è già una gioia per gli occhi. Wim de Koninck – Football Analyst con Cycling Legs – ha un’opinione sulla discussione: “Ho visto che ci sono 42 piste e 2.500 metri di dislivello nascosti nella pista. Quindi sarebbe una gara ad eliminazione diretta che si tradurrebbe in un bel campione del mondo , un tipo Evenepoel o Alaphilippe o Van. Aert”.

Dopo la sua prestazione forte e costante durante tutto l’anno e la sua medaglia d’argento ai Giochi, tutti gli occhi saranno senza dubbio di nuovo puntati su Wout van Aert. “Sì, ma rimane molto calmo al riguardo”, dice de Koninck.

Era già così in Giappone, dove era costantemente assediato e preso di mira. Per questo un buon Evenepoel è importante al suo fianco. E ha dimostrato in Danimarca di aver riscoperto il suo vecchio io, anche se lì non è finito nel campo più forte”.

Guardando le donne, Van Den Spiegel osa indicare Lotte Kopecky. “Animek van Vleuten ha davvero mostrato la sua delusione l’anno scorso, perché non è così difficile come con gli uomini, ma stiamo facendo un ciclo con la possibilità di un vincitore belga e un vincitore. Volevamo soprattutto un ciclo belga per uomini e donne. “

Thomas Vanden Spiegel.

tasso sottovalutato

I Druivenkoers saranno a Overijse giovedì, potremmo chiamarla una prova della Coppa del Mondo, compreso il campo e il campo per i partecipanti.

“Il circuito delle Flandrien con l’ormai leggendaria Moskesstraat si intreccia con i Druivenkoers, dove Alaphilippe e Asgreen vengono davvero a mettere alla prova le loro gambe”, sa Van Den Spiegel.

“Riguarda la Coppa del Mondo. Questi ragazzi vengono davvero a vedere quanto costerà diventare campioni del mondo”.

“Due anni fa abbiamo già deciso con Flanders Classics di modificare la pista Brabantse Pijl e la Moskesstraat è già stata fatta diverse volte”, afferma Van Den Spiegel.

“Dove la gara finiva in uno sprint, ora è più dura”, aggiunge de Koninck.

Il CEO conclude: “Se potessi parlare per il nostro negozio, penso che sia un percorso sottovalutato che mostra ancora molto potenziale”.

“Lo si vede anche nei vincitori degli ultimi anni (Pidcock, Alaphilippe, Van der Poel, ndr). Quindi presumiamo che anche i Mondiali in Belgio rimarranno in quelle stesse regioni”.

Scarica il podcast De Tribune

READ  De Konink: "Il fatto che Tillmans sembri una superstar mondiale dà speranza al Belgio" | piattaforma